Guida completa al desktop remoto: problemi e soluzioni software

pittogramma Zerouno

Guida

Guida completa al desktop remoto: problemi e soluzioni software

Un desktop remoto permette di connettersi ad altri computer. Ma come si fa ad abilitare il desktop remoto? E quali sono i principali problemi legati al suo utilizzo? Dal guasto della rete ai problemi con firewall, diversi sono i motivi che non consentono la corretta connessione del dispositivo in un ambiente VDI. In questa guida vedremo come risolvere tali problemi.

06 Giu 2022

di redazione TechTarget

La connettività del desktop remoto solitamente è affidabile anche se, talvolta, può capitare che qualcosa non funzioni come dovrebbe. Di seguito vengono illustrati i problemi più comuni relativi alla connettività del desktop remoto, che si possono facilmente prevenire e risolvere.

Desktop remoto e controllo remoto del pc: cos’è, come funziona, e come fare a collegarsi ad un computer in remoto

Il Desktop remoto (remote desktop) è una tecnica che offre la possibilità di collegare tramite connessione remota un pc a un altro computer in rete. Vediamo come iniziare una sessione interattiva tramite controllo remoto pc.

Attraverso la connessione remota pc è possibile utilizzare il mouse, la tastiera e qualsiasi altra periferica del computer locale per comunicare e inviare o ricevere informazioni e comandi dal computer remoto.

In questo modo è quindi possibile controllare il pc da remoto. Una sessione remota e una sessione locale sono identiche. I privilegi di un utente collegato attraverso una sessione remota sono uguali a quelli di uno stesso utente con accesso locale. Ovviamente in base ai privilegi che vengono assegnati all’utente sulla macchina remota.

Inoltre, il remote desktop manager, ovvero l’utente di una sessione remota, ha il completo accesso al computer remoto tramite un’interfaccia grafica (GUI).

Ma non solo: come accennato, tutte le periferiche locali come tastiera, monitor, mouse, stampanti e altri dispositivi hardware funzionano come se fossero direttamente collegati al computer remoto, attivandosi in modalità locale per fornire input e ricevere output direttamente a/da computer remoto.

Come abilitare il desktop remoto ed effettuare connessione al desktop remoto

Per avviare ed effettuare correttamente una sessione per abilitare desktop remoto (remote desktop connection) e garantirsi il controllo di un pc posizionato in un altro luogo serve che esso sia collegato a una rete o a internet. E naturalmente il dispositivo deve essere dotato di una connessione alla rete funzionante, oltre che vi sia attiva la funzione di controllo remoto del desktop e si hanno le autorizzazioni e credenziali necessarie.

Più nello specifico, serve:

  • una connessione di rete, con banda ampia a sufficienza da consentire lo scambio di dati
  • un protocollo di comunicazione, come ad esempio RDP (Remote Desktop Protocol, protocollo di rete proprietario di Microsoft), che permette alle macchine connesse in remoto lo scambio di informazioni sulle operazioni effettuate sulla GUI
  • l’installazione e la disponibilità su tutte le macchine connesse tra loro, di un VNC (Virtual Network Computer)

New call-to-action

Virtual Network Computing

I VNC (Virtual Network Computing) sono programmi di controllo che rendono possibile la connessione a un computer remoto (installazione server VNC) e la sua gestione da locale (client viewer). UNA volta installati su un computer, questi software di desktop remoto permettono di connettersi e gestire questo computer tramite un altro computer, collegato al primo grazie all’accesso remoto (ovvero a distanza).

Tale processo è possibile grazie appunto all’utilizzo di applicazioni di desktop remoto. In sintesi, l’accesso remoto permette di ricevere un’immagine del computer al quale ci si collega, permettendo di inviare in input comandi di tastiera e mouse tramite connessione remota pc. È come se il computer al quale si inviano i dati di input fosse il nostro, anche se i dati in input vengono inseriti a distanza.

I VNC sono server che si installano su una o più macchine che possono poi essere controllate a distanza da un’unica postazione. Per rendere possibile questa operazione è necessario poi un viewer (client) che abbia la possibilità di utilizzare le periferiche del pc che dev’essere controllato.

Remote desktop connection: i vantaggi di connettersi a un altro computer da remoto

I vantaggi del desktop remoto sono una nuova flessibilità lato utenti e/o dipendenti. Grazie al desktop remoto, ad esempio, l’utente che ha un computer collegato in rete in ufficio può collegarsi da casa tramite l’accesso remoto in qualsiasi momento. Il desktop remoto, infatti, permette di connettere il proprio ad un altro computer connesso ad internet.

Si possono utilizzare quindi programmi, file, risorse del computer remoto da qualsiasi postazione in locale. Il computer remoto, per essere raggiungibile, dev’essere acceso, disporre di una connessione alla rete (internet / intranet) e l’utente che vuole accedere deve disporre delle autorizzazioni necessarie. È inoltre importante verificare che le porte alle quali ci si vuole connettere non siano bloccate da firewall.

Guide al Desktop Remoto di Microsoft Windows e novità

Se si ha un computer con installato il sistema operativo Windows Microsoft, esistono online delle guide molto precise su come attivare il desktop da remoto e gestire un computer da un’altra postazione.

Microsoft offre una funzionalità per abilitare desktop remoto per i personal computer. Essi potranno essere fruiti a distanza da altro device Windows, macOS, iOS e Android.

Per chi ha windows 8 / 10 e vuole collegarsi in remoto esiste invece un app scaricabile da windows store.

Desktop remoto Windows 10: come funziona e come abilitarlo

Innanzitutto bisogna precisare che Desktop Remoto è disponibile per Windows 10 Pro ed Enterprise, Windows 8.1 e 8 versioni Enterprise e Pro e Windows Server più recenti rispetto alla release 2008 (non è possibile invece utilizzare la funzione con i Pc che eseguono l’edizione Home).

Come configurare la connessione remota pc

Il modo più semplice per abilitare Desktop Remoto è utilizzando la funzionalità specifica dal menu Impostazioni, che è stata aggiunta con l’aggiornamento di Windows 10 denominato Fall Creators (1709).

Sul dispositivo Windows a cui si desidera effettuare la connessione remota, selezionare dal menu Start la voce Impostazioni > Sistema > Desktop remoto, quindi attivare Abilita Desktop remoto.

È quindi possibile selezionare gli utenti che possono connettersi al computer, mentre per gli amministratori l’autorizzazione all’accesso sarà automatica.

Dalla schermata Come connettersi al pc, prendere nota del nome del dispositivo perché questa informazione verrà richiesta in fase successiva.

Per le versioni di Windows 10 precedenti all’aggiornamento 1709 è possibile scaricare la funzionalità Microsoft Remote Desktop Assistant, che permette di abilitare l’accesso remoto al dispositivo in uso aggiornando le impostazioni del sistema.

Per tutte le versioni di Windows, si può utilizzare il metodo legacy: dal menu Start, cliccare con il pulsante destro del mouse su Computer, scegliere Proprietà e quindi Impostazioni di connessione remota per abilitare le funzionalità di accesso e l’autorizzazione degli utenti.

Come connettersi al desktop remoto

Una volta configurata la connessione remota, assicurarsi che il pc rimanga acceso e sia connesso alla rete.

Sul computer Windows 10 locale che si vuole utilizzare per collegarsi al desktop remoto, richiamare la funzionalità Connessione Desktop remoto tramite la casella di ricerca sulla barra delle applicazioni e digitare il nome del pc a cui si desidera accedere.

Se invece si utilizza un dispositivo Windows differente, Android o iOS, sarà necessario scaricare gratuitamente l’app Desktop remoto da Microsoft Store, Google Play e Mac App Store, aggiungere il nome del pc remoto e attendere il completamento della connessione del desktop remoto.

Al termine della procedura, sarà possibile utilizzare dal dispositivo locale tutti i programmi, i documenti e le risorse di rete del pc remoto: ad esempio, dal computer di casa si potrà lavorare esattamente come se ci si trovasse in ufficio.

Aggiornamento per Microsoft Remote Desktop per iOS

Microsoft ha rilasciato un aggiornamento per la versione iOS di Microsoft Remote Desktop, ovvero l’applicazione che consente di usare iPhone o iPad per connettersi in remoto a un personal computer.

Tra le novità della versione 10.0.3: il supporto per l’avvio di connessioni da file RDP e URI RDP, la correzione di arresti anomali, la rimozione del gesto Force Touch per fare clic con il pulsante destro del mouse in modalità Puntatore e altro ancora, secondo quanto indicato nel changelog ufficiale.

White Paper - Guida pratica all’implementazione efficace dello Smart Working

Il desktop remoto non funziona e problemi di connessione, come risolvere?

Se il desktop remoto non funziona o non si connette e non sei in grado di connetterti ad un altro computer, l’errore potrebbe risiedere in una di queste problematiche sotto elencate.

1. Guasto alla rete

Uno dei più comuni problemi di connessione del desktop remoto è il guasto alla rete. Per controllare la connettività, provare a collegare un notebook alla porta di rete dalla quale l’utente cerca di connettersi. Utilizzare poi il comando Ping o Tracert per vedere se è collegato al server host o al broker di connessione. Tenere però presente che è possibile testare in questo modo la connettività del remote desktop solo se si consente ai pacchetti ICMP di superare i firewall di rete.

Se l’utente o il remote desktop connection manager che riscontra il problema si sta collegando in remoto attraverso una rete VPN o un gateway di servizi Terminal, il problema può riguardare la macchina. Con tali tipi di problematiche del desktop, si dovrà ricorrere all’eliminazione per diagnosticare il problema. Per esempio, cercare di connettersi alla rete VPN utilizzando un computer client adeguatamente configurato e un account utente affidabile per vedere se si può stabilire una connettività del desktop in remoto.

2. Problemi con il firewall

È piuttosto facile ignorare il fatto che il firewall possa contribuire ai problemi di connessione del desktop remoto. Anche se in realtà è una cosa piuttosto comune. Per evitare che ciò accada, conviene assicurarsi che la porta utilizzata dal software del desktop remoto sia aperta su tutti i firewall tra il computer client e il server a cui si connette.

La difficoltà sta nel fatto che si può dover configurare più firewall. Ad esempio, potrebbe essere installato Windows Firewall sia sul client che sul server oppure potrebbero esserci più firewall hardware tra i due sistemi. Inoltre, il numero della porta che deve essere aperta sui firewall è diverso da un prodotto VDI (Virtual Desktop Infrastructure) all’altro. (Se si utilizza un tool basato sul protocollo RDP (Remote Desktop Protocol), questo utilizza di default la porta 3389).

3. Problemi di certificato SSL

Anche i certificati di sicurezza possono essere all’origine di problemi di connettività del desktop remoto. Molti prodotti VDI utilizzano la cifratura SSL (Secure Sockets Layer) per gli utenti che accedono a sessioni VDI all’esterno del perimetro della rete. Comunque, la cifratura SSL richiede l’uso di certificati, il che implica due possibili problemi con il remote desktop.

Innanzitutto, se i desktop remoti si stanno connettendo in modo corretto, i computer client devono fidarsi dell’ente che ha rilasciato il certificato. Solitamente questo non costituisce un problema per le aziende che acquistano certificati da parte di enti noti e di grandi dimensioni. Mentre i client non si fidano sempre di certificati generati internamente ad un’azienda. Si consiglia di ricorrere a un ente di certificazione affidabile per assicurarsi che i client stabiliscano una connessione desktop remota.

Il client deve inoltre essere in grado di verificare il certificato che il server sta utilizzando. Il processo di verifica può interrompersi se il certificato è scaduto oppure se il nome sul certificato non corrisponde al nome del server che lo sta utilizzando; conviene quindi accertarsi che i propri certificati siano aggiornati.

4. Autenticazione a livello di rete

In Windows Server 2008 R2, i Servizi desktop remoto di Microsoft sono concepiti per utilizzare una funzionalità di sicurezza chiamata Autenticazione a livello di rete. L’idea di base è che l’host della sessione debba autenticare l’utente prima della creazione di una sessione. L’Autenticazione a livello di rete non si limita a migliorare la sicurezza, ma aiuta anche a ridurre la quantità di risorse VDI impiegate dalla sessione.

L’autenticazione a livello di rete può impedire i problemi di connessione del desktop remoto successivamente nella sessione. Ma non è supportata da tutti i client di remote desktop. Se si utilizzano client Microsoft, si può determinare se supportino l’autenticazione a livello di rete cliccando sull’icona di questa funzionalità. Questa si trova nell’angolo in alto a sinistra del menu Connessione desktop remoto. E scegliendo dal menu Informazioni. Il client stabilirà in modo esplicito se supporta l’autenticazione a livello di rete di Microsoft.

Se non si vede il messaggio secondo il quale il client lo supporta, si può eseguire un upgrade del client. Altra soluzione è disabilitare il requisito di autenticazione a livello di rete sui server VDI. Tenere presente che a volte l’autenticazione a livello di rete viene abilitata attraverso le impostazioni di criteri di gruppo.

5. Superamento della capacità

Infine, è possibile riscontrare problemi di connettività del desktop remoto se si supera la capacità dell’infrastruttura. Si sono forse esauriti i desktop virtuali o le licenze VDI? Alcune implementazioni VDI rifiutano inoltre le connessioni dei client se il server è troppo impegnato. Oppure se il lancio di un’altra sessione di desktop virtuale indebolisce le prestazioni delle sessioni esistenti.

La maggior parte di questi problemi di connessione del desktop remoto possono essere prevenute in modo piuttosto semplice con una piccola pianificazione. Accertarsi che i certificati SSL siano stati caricati, configurare correttamente i firewall e fare attenzione alla capacità VDI.

Infografica - Sicurezza dei dati in azienda la vulnerabilita da proteggere

redazione TechTarget

Argomenti trattati

Approfondimenti

G
Guida
Technology HowTo
V
Virtual Desktop

Articolo 1 di 4