Presto per i clienti italiani la Cloudera Data Platform Versione Private

pittogramma Zerouno

Attualità

Presto per i clienti italiani la Cloudera Data Platform Versione Private

Arriverà in estate la versione Private della piattaforma CDP di Cloudera, che permette alle aziende di usufruire di un’esperienza public cloud anche nelle infrastrutture containerizzate on premise. Il tutto all’insegna della sicurezza, del no lock-in e del hybrid e multi cloud, indispensabili per un ambiente dati che abbraccia dall’edge all’AI

10 Giu 2020

di Riccardo Cervelli

Vento in poppa per Cloudera, vendor di soluzioni per la gestione di dati in ambienti cloud. L’anno fiscale 2020, che si è chiuso lo scorso mese di gennaio, ha registrato un fatturato globale di 794,2 milioni di dollari, per una crescita anno su anno del 11%. “Anche l’Europa e l’Italia – ha affermato a ZeroUno Yari Franzini, country manager dell’azienda di Palo Alto (che nel gennaio 2019 ha acquisito la concorrente Hortonworks, con un merger da 5,2 miliardi di dollari) – hanno messo a segno performance analoghe. L’Italia va particolarmente bene, con crescite a doppia cifra. Siamo ben presenti nei mercati finance, telecomunicazioni e utilities e abbiamo effettuato ingenti investimenti nell’assunzione di figure di vendita, prevendita e servizi professionali”.

Quest’estate Cloudera Italia si appresta lanciare anche sul mercato nazionale la versione Private della soluzione Cloudera Data Platform (CDP), annunciata verso la fine del 2019. “L’obiettivo della piattaforma è permettere alle aziende di operare sui dati on premise con un’esperienza analoga a quella che possono avere su un public cloud”. CDP Versione Private, insomma, rappresenta il tassello che mancava nel portfolio di Cloudera per permettere ai suoi clienti di realizzare, con le sue soluzioni, un ambiente cloud ibrido di big data management, analytics e Artificial Intelligence (AI), in grado di espandersi fra il data center e il public cloud in modo aperto, fluido, performante, self service e sicuro.

Focus sulla sicurezza

“La sicurezza – interviene Franzini – per noi è un punto estremamente importante. Nel nostro concetto di piattaforma in grado di abbracciare fino all’AI (dove i dati vengono dati in pasto a sistemi di machine learning e analytics) – è fondamentale mantenere i dati protetti. A tal fine abbiamo creato un layer (strato) chiamato SDX (Shared Data Experience) che ha come missione il mantenimento di regole di sicurezza e di governance dei dati nonostante i loro movimenti fra ambienti ibridi e multi cloud”.

WHITEPAPER
Strategie DevOps: perché puntare su un'infrastruttura capace di gestire al meglio le applicazioni?
Cloud
DevOps

In quanto piattaforma hybrid cloud e multi cloud – come già accennato – CDP può essere usata per creare la parte private cloud di un ecosistema di big data management, analytics e AI. “On premise – spiega Franzini – ci appoggiamo agli ambienti infrastrutturali containerizzati dei nostri clienti, sfruttando la flessibilità per offrire una public cloud experience”.

foto Yari Franzini
Yari Franzini, Country Manager di Cloudera

Il riferimento alle tecnologie container ci richiama alla mente il tema dell’interoperabilità e quindi del supporto agli standard, che è uno dei cardini e degli obiettivi del modello open source. Un tema che è sempre stato molto caro a Cloudera fin dalla fondazione, nel 2008, da parte di ingegneri provenienti da varie aziende e specializzati nell’utilizzo della tecnologia open source Apache Hadoop. Ma lo stesso discorso valeva anche per Hortonworks. “L’utilizzo della tecnologia open source – sottolinea Franzini – è quello che ci permette di promettere ai nostri clienti di non trascinarli mai in ipotetici lock-in nei nostri confronti. Inoltre è ciò che ci permette di proporre soluzioni flessibili e aperte nei confronti di qualsiasi formato di dati: un aspetto imprescindibile dato che dall’edge non si può mai sapere quali tipi di dati possono provenire, per dover essere analizzati e forniti ad algoritmi di ML per produrre risultati in real time. Per le aziende, oggi, essere in grado di ottenere analisi e informazioni operative in real time è fondamentale per essere competitive, personalizzare i prodotti e i servizi per i propri clienti o prevenire frodi o problemi di sicurezza prima che si trasformino in problemi più gravi”.

Sempre nell’ottica della flessibilità e dell’apertura, Cloudera ha da tempo avviato collaborazioni con i maggiori cloud pubblici e vari vendor, fra le più vivaci delle quali, in questo periodo, quelle con Microsoft Azure e con Red Hat-Ibm.

Riccardo Cervelli

Giornalista

Classe 1960, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Presto per i clienti italiani la Cloudera Data Platform Versione Private

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3