Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Cloud migration: tutti gli errori da evitare

pittogramma Zerouno

TechTarget Technology HowTo

Cloud migration: tutti gli errori da evitare

Cloud migration? Sì, ma evitando di incorrere in tutte quelle scelte sbagliate che le aziende sono portate a fare quando spostano dati e applicazioni sulla nuvola

21 Nov 2019

di Laura Zanotti - Fonte TechTarget

Cloud migration o, in italiano, migrazione sul cloud come preziosa opportunità di modernizzare l’infrastruttura IT e ottenere efficienza operativa attraverso pratiche di progettazione native del cloud, approcci DevOps, containerizzazione e via dicendo. A fronte degli innumerevoli vantaggi, il passaggio alla dimensione As a Service non è banale e non è scontato. Gli esperti spiegano come evitare di compiere scelte sbagliate ed errori nella cloud migration.

Cloud migration significa prima di tutto consapevolezza

Le migrazioni sul cloud possono portare a risultati inattesi ma anche conseguenze impreviste. Ad esempio, capita che gli stessi team IT non siano capaci di capire che qualcosa non sta funzionando nel modo giusto. Per evitare questi problemi, gli amministratori dei servizi sulla nuvola dovrebbero acquisire familiarità con i problemi e gli errori più comuni relativi alla cloud migration.

L’importanza di avere una strategia precisa

Troppo spesso le imprese si avventurano nelle migrazioni cloud senza un piano concreto.

“Il successo del cloud inizia con una strategia cloud definita – spiega Samir Datt, amministratore delegato della società di consulenza Protiviti – che comunica una visione chiara e un piano di gestione del cambiamento. Senza questo sforzo iniziale, le organizzazioni rischiano di essere alla deriva senza un obiettivo o una direzione chiari”.

Un’impresa dovrebbe anche sapere perché vuole migrare sulla nuvola. Per non incorrere in errori, la cloud migration, infatti, non deve essere dettata dalle mode o dalla voglia di imitazione. I team IT devono capire se il passaggio sarà davvero un vantaggio per il business.

“Dietro alla cloud migration dovrebbe esserci sempre un motivo preciso – ribadisce Mike Lombardo, direttore della società di consulenza Maven Wave -. Ad esempio, la necessità di avere una maggiore disponibilità di risorse, il desiderio di trasformare i costi da CapEx in OpEx o la necessità di ottenere la scalabilità necessaria all’organizzazione”.

Come sottolineano gli esperti, il presupposto è che per alcune applicazioni la gestione in loco rimane ancora la scelta migliore. Ad esempio, la gestione in un ambiente in cloud potrebbe risultare problematica se si tratta di applicazioni mission-critical, ad alto rendimento o a bassa latenza oppure di applicazioni che includono dati che hanno dei vincoli rispetto a una gestione geografica rigorosa, (come, ad esempio, quelli che rientrano nella sfera del GDPR).

Come prepararsi alla migrazione in cloud

Dopo aver valutato se e come le applicazioni in uso siano o meno pronte per passare a una logica in cloud le aziende devono essere preparate a cogliere tutte le opportunità legate alle tecnologie disponibili sul cloud. Questo è l’unico modo per utilizzare appieno le piattaforme disponibili. Il caso è diverso se l’impresa ha già di suo una mentalità di modernizzazione, come ad esempio fare downsizing, introdurre la containerizzazione o utilizzare l’infrastruttura come codice.

Un altro punto importante di attenzione è la scelta dei servizi di contorno e che servono a gestire, monitorare e ottimizzare processi e carichi di lavoro.

Infine, ultimo ma non meno importante, non dimenticare il personale IT. “L’evoluzione dalla tradizionale infrastruttura basata su server – ha aggiunto Lombardo – alla virtualizzazione e quindi al passaggio finale della cloud migration comporta diversi cambiamenti culturali. L’IT con il cloud deve aprire i suoi orizzonti ed essere preparato a cambiare mentalità per aprirsi a modi di fare le cose in modo diverso”.

Come eseguire una migrazione in cloud

L’errore di molti professionisti IT è ritenere che la cloud migration sia semplice quanto l’hosting di carichi di lavoro su un nuovo server che si trova nel cloud. Gli esperti sottolineano invece come ci siano molti passaggi e molte attività in itinere da coordinare.

“Le organizzazioni spesso partono da applicazioni che non sono di tipo mission-critical – ha commentato Sriram Subramanian, Research Director di IDC – anche perché queste, generalmente, sono le più facili da migrare. Questo dovrebbe costituire solo il primo punto di partenza. Le aziende potrebbero aver bisogno di refactoring di alcune applicazioni affinché queste funzionino come applicazioni native o distribuite nel cloud. Sempre e in ogni caso, bisogna essere consapevoli che la transizione potrà richiedere più tempo del previsto”.

Migrare in più fasi: 3 cose da sapere

In questi casi, gli esperti suggeriscono di migrare i dati e le applicazioni in più fasi. Questo approccio, infatti, non solo mitiga il rischio, ma aiuta anche a rintracciare i problemi. Se nella cloud migration tutto viene spostato in blocco in una volta sola, infatti, il rischio e che l’azienda otterrà il debug dell’intera applicazione solo quando si presenterà un problema. Ecco alcune linee guida utili al successo di un progetto cloud.

  • Coinvolgere un team interfunzionale – Per ridurre al minimo i problemi di migrazione del cloud è necessario anche evitare sforzi insidiosi all’interno dell’organizzazione. Come nella maggior parte delle iniziative trasformative, una chiave per il successo è coinvolgere un team interfunzionale per considerare la strategia, gli obiettivi organizzativi e i modelli finanziari.
  • Ampliare le vision e considerarlo un progetto – La cloud migration non va guardata solo dal punto di vista delle applicazioni o dei carichi di lavoro. Ciò potrebbe comportare che i costi potenziali come la gestione dei dati e le tariffe di uscita dal cloud non vengano esaminati o considerati in modo insufficiente.
  • Valutare bene i costi – Scegliere il cloud significa anche avere consapevolezza di tutti i fattori che rientreranno in fattura. Il che dovrebbe presupporre un’attenta analisi prima di effettuare lo spostamento, dal momento che le modifiche alle varie voci di costo potranno comportare problemi di migrazione post-cloud. Le piattaforme cloud appaiono spesso più economiche delle opzioni locali, che richiedono ingenti investimenti iniziali. Ma non sempre è così.

CLOUD MIGRATION errori da evitare

I servizi cloud vengono generalmente fatturati una volta al mese o seguono un modello di prezzi pay-as-you-go. Le aziende, quando costruiscono il proprio budget, devono tenere conto dei costi nascosti e di tutte le attività ulteriori legate alla necessità di un opportuno supporto e la dovuta formazione.

“È anche importante anticipare quanto tempo potrebbe impiegare una migrazione – ha ribadito Subramanian -. Di conseguenza, considera di automatizzare il più possibile la migrazione per tenere traccia delle cose e ridurre al minimo l’impatto sul personale e sulle operazioni.”

Come cambia la sicurezza nel cloud

Le pratiche di sicurezza devono cambiare una volta trasferiti i dati nel cloud. Di fatto, secondo le ricerche è proprio il tema della sicurezza a costituire il principale freno alla cloud migration.

Sebbene le risorse siano normalmente ben protette, è facile creare inavvertitamente vulnerabilità nel cloud poiché molti controlli di sicurezza sono impostati dal cliente.

CLOUD MIGRATION errori da evitare

Le politiche degli accessi, ad esempio, devono essere presidiate con un’attenzione di livello superiore.

Le modifiche per migliorare l’accesso per uno scopo specifico, infatti, spesso vengono apportate su larga scala, il che può aumentare i rischi per gli utenti.

Specialmente quando si tratta di cloud pubblico, non bisogna perdere di vista il fatto che tutte le nuvole hanno un diverso insieme di migliori pratiche e principi di progettazione. Conoscere queste pratiche in anticipo aiuterà gli amministratori in fase di cloud migration, evitando tutta una serie di problemi e mal di testa che, con i dovuti accorgi

Z

Laura Zanotti - Fonte TechTarget

Giornalista

Ha iniziato a lavorare come technical writer e giornalista negli anni '80, collaborando con tutte le nascenti riviste di informatica e Telco. In oltre 30 anni di attività ha intervistato centinaia di Cio, Ceo e manager, raccontando le innovazioni, i problemi e le strategie vincenti delle imprese nazionali e multinazionali alle prese con la progressiva convergenza tra mondo analogico e digitale. E ancora oggi continua a farlo...

Argomenti trattati

Approfondimenti

Technology HowTo
Cloud migration: tutti gli errori da evitare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4