Servizi 5G, il frutto della collaborazione tra Red Hat e Intel | ZeroUno

Servizi 5G, il frutto della collaborazione tra Red Hat e Intel

pittogramma Zerouno

News

Servizi 5G, il frutto della collaborazione tra Red Hat e Intel

Red Hat e Intel allineeranno gli sforzi di R&D per portare più rapidamente il 5G, l’innovazione di rete e le funzionalità correlate in progetti open source upstream (ad esempio Kubernetes), rendendo al contempo disponibili queste nuove tecnologie più rapidamente ai clienti sotto forma di offerte commerciali e supportate per la produzione

15 Feb 2021

di Redazione

Sulla base di una collaborazione decennale, Intel e Red Hat hano annunciato l’evoluzione della loro relazione strategica per accelerare la fornitura di un’infrastruttura automatizzata e nativa del cloud per i nuovi servizi 5G.

Insieme, Red Hat e Intel allineeranno gli sforzi di R&D per portare più rapidamente il 5G, l’innovazione di rete e le funzionalità correlate in progetti open source upstream (per esempio Kubernetes), rendendo al contempo disponibili queste nuove tecnologie più rapidamente ai clienti sotto forma di offerte commerciali e supportate per la produzione. I clienti potranno così beneficiare di soluzioni più complete, e trasformare le loro reti dal cloud all’edge per nuovi servizi e casi d’uso.

Gli architetti di rete dispongono di un numero quasi infinito di soluzioni hardware. Quando il silicio e il software vengono progettati, fin dall’inizio, per operare insieme, le aziende hanno l’opportunità di ottimizzare le applicazioni e i processi aziendali. La nostra esperienza congiunta e il lavoro di progettazione in ambito open source consentono ai CSP – Communications service provider e alle imprese di implementare più rapidamente le reti native del cloud per una maggiore agilità.

Red Hat OpenShift aiuta ad abilitare i fornitori di servizi nel passaggio alle reti 5G native del cloud, in particolare verso le aspirazioni 5G RAN e 5G core. Con OpenShift, i service provider e le imprese hanno la possibilità di gestire i carichi di lavoro e di realizzare applicazioni native del cloud aumentando la produttività degli sviluppatori.

Ciò è associato a una suite completa di silicio, software e strumenti di Intel ricchi di funzionalità, compresi i processori scalabili Intel Xeon, gli adattatori di rete Ethernet Intel, il software di riferimento FlexRAN e il toolkit software per l’edge computing OpenNESS (Open Network Edge Services Software).

Con questa combinazione di tecnologie, i fornitori di soluzioni saranno in grado di sviluppare funzioni di rete cloud-native che possono realizzare i benefici dell’infrastruttura e delle risorse di sistema 5G. A loro volta, i fornitori di servizi di comunicazione trarranno ulteriore vantaggio dall’avere modelli di implementazione flessibili, sia on-premise come bare metal che tramite cloud pubblico o ibrido.

L’architettura Intel e Red Hat OpenShift costituisce la spina dorsale tecnologica di una strategia multi-cloud e ibrida per il telco che è anche multi-vendor, mentre le imprese beneficiano di una gestione e di un’orchestrazione unificata dall’edge al cloud.

Lavorare insieme verso questo futuro containerizzato non è una novità. All’inizio di quest’anno, Red Hat e Intel hanno annunciato la creazione di un servizio di onboarding e di un banco di prova per le funzioni di rete, che supporta sia le funzioni di rete virtualizzate (VNF) che quelle native del cloud (CNF). Red Hat e Intel hanno avuto diversi partner e sono impegnate con l’ecosistema 5G Core e RAN per ampliare le attività di laboratorio.

Le aree di innovazione congiunte si occuperanno dei seguenti aspetti.

Il multicloud ibrido con i servizi applicativi Red Hat OpenShift abilitati dai processori Xeon Scalable di seconda generazione di Intel promette di massimizzare l’agilità e ottimizzare l’efficienza, consentendo una connessione flessibile ma coerente tra le infrastrutture delle imprese on-prem e le offerte dei fornitori di servizi multi-cloud. Le organizzazioni avranno la libertà di distribuire più facilmente le applicazioni di cui hanno bisogno dove ne hanno bisogno.

Si lavorerà all’ottimizzazione dell’infrastruttura di Red Hat OpenShift Container Storage, Red Hat OpenShift e Red Hat Enterprise Linux (RHEL) con tecnologia Intel attraverso un portfolio di Operatori Certificati Red Hat per migliorare le prestazioni, la sicurezza, la consapevolezza della piattaforma, la telemetria, il controllo e il piano dati nativo del cloud aiutati da OpenNESS, al fine di offrire un livello completamente nuovo di comprensione e gestione operativa.

I miglioramenti dei controller di rete Red Hat OpenShift abilitati dalla tecnologia Intel sono progettati per ottimizzare la capacità delle organizzazioni di fornire una migliore visibilità e controllo della rete ai partner cloud e una qualità del servizio differenziata. Questo migliora OAM (operazioni, amministrazione e manutenzione) attraverso patch e aggiornamenti dinamici e gestione del ciclo di vita.

Le soluzioni programmabili migliorate sono possibili tramite una piattaforma ottimizzata basata sulle unità di elaborazione Intel Xeon, adattatori di rete Ethernet E810 di Intel da 100Gbps con la personalizzazione dinamica del dispositivo (DDP) e sulle versioni future di RHEL per soddisfare le esigenze di carichi di lavoro diversi in posizioni di rete differenti. Per le soluzioni wireless core, la pipeline programmabile in DDP consente una più profonda e varia elaborazione protocol header per la user plane function 5G (UPF).

Le ottimizzazioni vRAN abilitate da un’architettura di riferimento comune aiutano a ottenere un progetto di infrastruttura 5G vRAN ad alte prestazioni, ottimizzato e time-sensitive, utilizzando Red Hat OpenShift Container Platform e OpenNESS Kubernetes Operators certificato da parte dei fornitori di hardware ottimizzato per vRAN e dall’ecosistema di fornitori di applicazioni vRAN CNF.

Il percorso verso il calcolo eterogeneo rende più facile per le organizzazioni adottare un’architettura all’avanguardia indipendentemente dall’hardware utilizzato. Questo può fornire massime prestazioni data plane per ambienti nativi del cloud, sicurezza dei nodi edge, supporto per ambienti di calcolo eterogenei inclusi CPU, GPU, FPGA, SmartNIC, acceleratore e memoria persistente Intel Optane DC.

I servizi di rete edge ottimizzati per le implementazioni edge, comprese le appliance edge per VNFs/CNF e wireless privato (LTE e 5G) forniscono building block ripetibili e scalabili per soddisfare le richieste di applicazioni edge, permettendo agli operatori e alle imprese di scalare le loro implementazioni edge commerciali. Inoltre, la tecnologia Red Hat OpenShift e Intel, combinata con l’ecosistema VNF/CNF intorno a SD-WAN, networking e casi d’uso di sicurezza per edge/uCPE aziendale, fornisce una solida base per i fornitori di servizi su cui costruire i loro servizi e un modo per le imprese di beneficiare della gestione unificata e dell’orchestrazione.

Infine, saranno forniti robusti toolkit e librerie per gli sviluppatori edge, con particolare attenzione all’intelligenza artificiale, all’apprendimento automatico e alla distribuzione dei media per i casi d’uso key edge che utilizzano Open Visual Cloud, OpenNESS e OpenVINO, faciliteranno un nuovo livello di edge insight con kit di sviluppo software basati sui principi open source che consentono uno sviluppo agile.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

5
5G

Articolo 1 di 4