Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Open source e software defined storage, alleati per la digital transformation

pittogramma Zerouno

News

Open source e software defined storage, alleati per la digital transformation

03 Mag 2017

di Redazione

L’approccio software defined consente di andar oltre i sistemi di storage tradizionali, per rispondere all’esigenza delle aziende di far fronte al proliferare dei dati. Nella ricerca pubblicata da Suse tutti i dati sull’adozione delle nuove soluzioni e sui potenziali vantaggi che se ne possono trarre

Le aziende hanno capito che i propri sistemi di storage tradizionali non sono adatti a fronteggiare il proliferare dei dati nell’epoca della digital transformation.

È quanto emerge dalla prima edizione della Software defined storage research realizzata da Suse in collaborazione con LoudHouse, la divisione di ricerca di fama internazionale di Octopus Group, che ha coinvolto oltre 1.200 responsabili It di una vasta gamma di settori in 11 Paesi.

Nello specifico, l’85% delle aziende ha evidenziato come la flessibilità nell’approccio allo storage sia fondamentale per far fronte alla sfida digitale. Infatti, nonostante solo il 6% abbia già adottato soluzioni di tipo Software defined in ambito storage, il 97% degli intervistati ha mostrato un grandissimo interesse per questo tipo di soluzione.

Lo studio mostra inoltre che le aziende sentono la necessità di rivedere il loro approccio a causa di alcuni limiti dei sistemi di storage tradizionali quali il costo (88%) e la mancanza di scalabilità (75%), e di preoccupazioni relative alle loro prestazioni (73%).

Proprio a causa di queste incognite il 93% delle aziende interpellate ha iniziato a pensare ad una revisione del proprio approccio verso il Software defined. I principali benefit che deriverebbero dal passaggio al Software defined storage sono per il 51% l’aumento delle performance e per il 43% la facilitazione nello sviluppo e nell’implementazione del modern web, del mobile e dei big data services.

“In tutto ciò che fa – ha commentato Gianni Sambiasi, country manager di Suse Italia – l’azienda digitale produce una moltitudine di dati che cresce inesorabilmente di giorno in giorno. Basti pensare a quella debordante quantità di informazioni che ogni giorno produciamo con le e-mail, i video, le interazioni sui social network e con l’archiviazione di documenti. Lo storage in questo momento sta vivendo una profonda fase di trasformazione in cui l’approccio tradizionale non riesce a stare al passo con l’evoluzione digitale. Per fortuna c’è una costante innovazione proveniente dalla comunità open source che potrà, con l’approccio Software defined, aiutare le aziende a fronteggiare la sfida della digital transformation. I risultati di questa indagine sono incontrovertibili, le aziende hanno bisogno di un approccio flessibile adeguato alla crescente produzione di dati, con costi sostenibili.”

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Articolo 1 di 4