Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Suse e SaltStack, così si rafforza la partnership per il data center software defined

pittogramma Zerouno

Suse e SaltStack, così si rafforza la partnership per il data center software defined

28 Ott 2016

di Redazione

Ampliata la collaborazione tecnologica e di business tra Suse e SaltStack che, insieme, puntano ad accelerare l’agilità di business per mezzo dell’automazione e dell’orchestrazione efficiente delle attività DevOps enterprise e delle operazioni per data center su vasta scala

Si rafforza la partnership tra Suse e SaltStack con l’obiettivo di offrire ai clienti la gestione automatizzata della totalità delle risorse di un data center su scala massiva.

“Suse e SaltStack – ha dichiarato Gianni Sambiasi, country manager Suse Italia – stanno ampliando la propria collaborazione tecnica e business per sviluppare funzionalità di orchestrazione e gestione avanzate per i data center enterprise di tipo software-defined in modo da estendere la gestione di sistema anche al cloud, ai container e allo storage. L'It enterprise è più complesso e disordinato che mai e i clienti hanno bisogno di un maggior grado di controllo e flessibilità man mano che i loro data center crescono e si fanno sempre più business critical”.

SaltStack Enterprise e Suse Manager 3 su Suse Linux Enterprise Server implementano già oggi l'orchestrazione event-driven intelligente di sistemi It enterprise eterogenei; ora Suse e SaltStack stanno lavorando insieme per integrare ed estendere ulteriormente queste capacità attraverso lo sviluppo upstream di Salt per ottimizzare le risorse cloud, container e storage. Le due società daranno ulteriore impulso alla collaborazione sullo sviluppo e ai contributi al progetto open source Salt per la gestione intelligente di sistema allo scopo di estenderne le funzionalità per poter orchestrare risorse cloud, container e storage di Suse e di terze parti.

“Insieme, Suse e SaltStack – ha affermato Marc Chenn, co-fondatore e Ceo di SaltStack – stanno accelerando l'agilità di business per mezzo dell'automazione e dell'orchestrazione efficiente delle attività DevOps enterprise e delle operazioni per data center su vasta scala. Le competenze di Suse nell'informatica di livello enterprise sono leggendarie, mentre SaltStack sa bene come portare ordine e sicurezza di fronte al caos e alla complessità che si ritrovano spesso nei data center moderni. Suse e SaltStack mettono a disposizione soluzioni per operazioni IT enterprise efficienti e flessibili e DevOps agili per le aziende di nuova generazione”.

L’impegno in questa partnership è teso a rispondere alla crescente domanda del mercato rilevata da Idc, così descritta da Mary Johnston Turner, research vice president for enterprise system management software della società di ricerca: “Le aziende stanno cercando di migliorare non solo l'efficienza operativa e la produttività IT, ma anche la produttività business. E devono farlo affrontando problemi di scala, complessità e pressione del time-to-market. Questa collaborazione tra Suse e SaltStack promette di mettere a disposizione un ricco e sofisticato insieme di funzionalità di automazione e orchestrazione all'interno di ambienti data center complessi, producendo così un effettivo valore di business e mettendo i due partner in una ottima posizione per dimostrare la loro leadership in questo comparto”.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Suse e SaltStack, così si rafforza la partnership per il data center software defined

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3