Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

NetApp a gonfie vele con le soluzioni flash: ma ora tocca ad AI e deep learning

pittogramma Zerouno

Attualità

NetApp a gonfie vele con le soluzioni flash: ma ora tocca ad AI e deep learning

17 Lug 2018

di Giorgio Fusari

I sistemi di storage ‘all-flash’ hanno generato nuova crescita per la casa di Sunnyvale. Adesso, però, la sua strategia sta anche orientandosi a soddisfare i nuovi requisiti delle applicazioni di intelligenza artificiale e machine learning

Il marcato ‘cambio di pelle’ e strategia, avviato circa due anni e mezzo fa, sta ora portando ritorni importanti a NetApp, che lo scorso maggio ha annunciato, per l’anno fiscale 2018 (terminato il 27 aprile 2018), un fatturato in crescita del 7% anno su anno. Lo spiega Marco Pozzoni, Country Sales Director di NetApp Italia, che aggiunge: “NetApp ha chiuso l’anno tornando a fare risultati molto positivi, perché, da hardware vendor di storage tradizionale ha orientato la propria strategia su tre direttrici chiave: la prima è sempre il mondo storage, in cui però l’azienda si pone con maggior attenzione verso la tecnologia flash, dove puntiamo a diventare il numero uno. La seconda direttrice, che indirizziamo da almeno diciotto mesi, è la tecnologia iperconvergente: qui l’offerta si rivolge a utenti che desiderano realizzare in-house una soluzione iperconvergerente di semplice implementazione. La terza direttrice è rappresentata da tutto il mondo cloud: con l’annuncio dell’8 maggio di NetApp Cloud Volumes per Google Cloud Platform, abbiamo arricchito l’offerta in quest’area, che già include le collaborazioni con Amazon Web Services e Microsoft Azure”.

Marco Pozzoni

Country Sales Manager di NetApp Italia

NetApp Cloud Volumes fornisce agli utenti un servizio di file storage completamente gestito, e integrato con la Google Cloud Platform (GCP).

Gestione dati rafforzata per AI e deep learning

Le collaborazioni con i cloud provider, come anche l’introduzione del flash array AFF A800, spiega Pozzoni, vanno nella direzione di fornire alle imprese tutti gli strumenti per gestire e movimentare i dati a livello ‘end-to-end’, dalle infrastrutture on-premise ai servizi cloud, e viceversa, anche quando si tratta di sviluppare progetti complessi di analisi delle informazioni, o esperimenti pilota nelle aree dell’intelligenza artificiale (AI), del machine learning (ML) e del deep learning.

“In effetti, aggiunge Roberto Patano, Senior Manager Solutions Engineering di NetApp Italia – le soluzioni introdotte con gli annunci dell’8 maggio si inseriscono in una strategia più ampia della società, che mira a fornire alle applicazioni di AI e ML i due requisiti chiave che richiedono, e cioè, da un lato, il massimo ‘throughput’ per alimentare le GPU, e, dall’altro, la minor latenza possibile”.

Roberto Patano

Senior manager systems engineering di NetApp

In merito a quest’ultima, ad esempio, il sistema all-flash AFF A800 è in grado di fornire una latenza ultraridotta, che sta sotto i 200 microsecondi; il throughput massivo erogabile è invece di 300 GB/s, una capacità resa possibile dall’utilizzo di una combinazione di drive a stato solido SSD NVMe (non-volatile memory express) e di connettività NVMe/FC (NVMe over Fibre Channel). “Le soluzioni in questo ambito – conclude Patano – si propongono di creare un’architettura in grado di coprire tutte le esigenze di gestione dei dati: quindi sia l’infrastruttura di elaborazione a livello core, sia la componente ‘edge’, che si interconnette con i dispositivi IoT, sia la componente di archiviazione e integrazione negli ambienti multi-cloud”.

Lo schema di funzionamento dell’NVMe-oF dei sistemi all-flash AFF A800 di NetApp

Giorgio Fusari
Giornalista

Nel settore giornalistico dal 1989, Giorgio Fusari negli anni ha collaborato per numerose pubblicazioni nel panorama tecnologico e ICT italiano, tra cui la rivista NetworkWorld Italia (gruppo IDG); il settimanale di tecnologia @alfa, del quotidiano Il Sole 24 Ore, la testata Linea EDP. Dal 2012 collabora con il gruppo Digital360 e in particolare con ZeroUno. Tra le aree di maggior specializzazione di Giorgio, il crescente universo dei servizi cloud, il networking, le tecnologie di cybersecurity.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 4