Capgemini e Qualcomm insieme per aumentare le reti private 5G | ZeroUno

Capgemini e Qualcomm insieme per aumentare le reti private 5G

pittogramma Zerouno

News

Capgemini e Qualcomm insieme per aumentare le reti private 5G

Siglato un accordo che mira a migliorare l’interoperabilità, fornire prestazioni comprovate e facilitare la distribuzione per i clienti che cercano di sbloccare i vantaggi delle reti private 5G

16 Lug 2021

di Redazione

Capgemini e Qualcomm Technologies hanno annunciato un piano di collaborazione per sbloccare i vantaggi delle reti private 5G per sostenere la trasformazione digitale dei loro clienti verso l’industria intelligente.

Tale collaborazione ha lo scopo di fornire ai clienti l’accesso a un sistema di rete privata off-the-shelf che è completamente testato e validato. Lavorando con Qualcomm Technologies, Capgemini dovrebbe fornire un accesso più rapido e facile ai vantaggi delle reti private in ambienti industriali e aziendali, anche per l’impresa digitale, i magazzini intelligenti e l’IoT industriale.

Più nello specifico, in base all’accordo tra le due aziende, stipulato per fornire alle organizzazioni una maggiore interoperabilità end to end carrier grade in un ambiente di ecosistema industriale wireless 5G di dispositivi connessi, apparecchiature connesse e infrastruttura di rete privata 5G, Capgemini ricopre il ruolo di integratore di sistemi, utilizzando il sistema di rete privata 5G di Qualcomm Technologies per abilitare la trasformazione aziendale dei clienti ed espandere i benefici del 5G. Capgemini prevede di supportare i clienti con i loro sistemi aziendali, le capacità di edge computing, il cloud e i dati/AI, l’interfaccia con i sistemi di gestione e altri elementi su misura per creare soluzioni end-to-end che sfruttino reti private 5G potenti ed efficienti.

“L’industria – ha affermato Enrico Salvatori, Senior Vice President and President, Qualcomm Europe/MEA, Qualcomm Europe – sta abbracciando pienamente la proposta di rete privata 5G e la nostra collaborazione con Capgemini può aiutarli a fornire reti private basate su soluzioni di Qualcomm Technologies, come la Qualcomm 5G RAN Platform, a molti più clienti a livello globale in una vasta gamma di industrie e settori. Sfruttando l’esperienza di implementazione di Capgemini, siamo sicuri che molte altre aziende a livello globale inizieranno a guardare a ciò che le reti private possono fare per le loro attività. Crediamo che ci siano potenti benefici e possibili utilizzi davvero entusiasmanti nelle reti private, soprattutto quando si integrano le funzionalità del 5G, una maggiore privacy e tutte le altre caratteristiche che arrivano con il 5G standalone.”

“Questa collaborazione con Qualcomm Technologies – ha dichiarato Fotis Karonis, Group Leader of 5G and Edge Computing, Capgemini – mira ad aiutarci a fornire una soluzione di rete privata semplificata ma potente end-to-end per i clienti di tutti i settori. Ci aspettiamo che i clienti facciano leva su questo per implementare soluzioni in una grande varietà di potenziali siti e utilizzi. Utilizzando l’esperienza di Qualcomm Technologies nella connettività cellulare con i servizi di trasformazione aziendale e le capacità di integrazione dei sistemi leader del settore di Capgemini, prevediamo che sempre più aziende saranno in grado di beneficiare delle reti private cellulari per aumentare l’efficienza e la velocità di innovazione. Non vediamo l’ora di collaborare con Qualcomm Technologies e i nostri clienti per progettare e implementare molte altre reti private nei mesi e negli anni a venire”.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

5
5G
Capgemini e Qualcomm insieme per aumentare le reti private 5G

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4