Huawei presenta uTraffic per l’analisi del traffico di rete | ZeroUno

Huawei presenta uTraffic per l’analisi del traffico di rete

pittogramma Zerouno

Huawei presenta uTraffic per l’analisi del traffico di rete

uTraffic consentirà agli operatori di analizzare il flusso e il traffico di rete per monitorare in tempo reale la qualità delle infrastrutture

08 Ott 2012

di Nicoletta Boldrini

La nascita e la rapida diffusione di nuovi servizi di rete quali Internet mobile, i video ad alta definizione, i giochi online e le applicazioni cloud comportano un aumento esponenziale del traffico dati con la conseguente continua crescita della larghezza di banda necessaria a supportarlo. Per quanto riguarda la manutenzione e la gestione ottimale delle reti, la possibilità di monitorare in modo proattivo e di ottimizzare il traffico online è oggi una delle sfide più importanti per gli operatori. In questo scenario si inserisce l’ultima offerta targata Huawei, uTraffic, un sistema di analisi del traffico di rete in real-time.

“La banda larga mobile si è evoluta da sistema globale per le comunicazioni mobili a Lte, mentre la banda larga fissa si è trasformata da tradizionali applicazioni voce a soluzioni Internet per video ad alta definizione e applicazioni cloud”, commenta Lu Hongju, presidente Fixed Network Oss & Service Product Line di Huawei. “Nei prossimi tre anni si prevede che il traffico di rete aumenterà più di dieci volte; gli operatori di telecomunicazioni si trovano, quindi, a dover affrontare la rapida crescita e i cambiamenti dinamici del traffico oltre a incertezze legate al flusso del traffico. Visualizzare e ottimizzare tutte le dinamiche, migliorando l'efficienza della trasmissione, la qualità del servizio e l'esperienza rappresentano questioni fondamentali che gli operatori devono risolvere tempestivamente”.

Huawei uTraffic, sistema di analisi di traffico con un'architettura scalabile distribuita, è in grado di visualizzare le eventuali sovrapposizioni nelle topologie fisiche, la mappatura del sistema informativo geografico (Gis – geographic information system), il traffico di rete, ma può anche individuarne i punti di congestione. Attraverso la raccolta e l'analisi dei dati, la soluzione può prevedere i tassi di utilizzo del traffico e della banda larga da uno a tre mesi, oltre a individuare i potenziali colli di bottiglia.

Nicoletta Boldrini

giornalista

Segue da molti anni le novità e gli impatti dell'Information Technology e, più recentemente, delle tecnologie esponenziali sulle aziende e sul loro modo di "fare business", nonché sulle persone e la società. Il suo motto: sempre in marcia a caccia di innovazione #Hunting4Innovation

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
Banda Larga
E
Efficienza
R
Rete

Articolo 1 di 4