Cleanweb: la terza rivoluzione industriale a portata di mano | ZeroUno

Cleanweb: la terza rivoluzione industriale a portata di mano

pittogramma Zerouno

Cleanweb: la terza rivoluzione industriale a portata di mano

Avrà il suo battesimo anche in Italia l’iniziativa Cleanweb, nata negli Stati Uniti con un evento a San Francisco nel settembre 2011. L’idea è quella di usare le tecnologie dell’informazione (software, web, social media, mobile) per favorire l’affermarsi di un modello di sviluppo economico sostenibile. Da queste esigenze sono nate start-up come Airbnb, per il turismo sostenibile basato sullo scambio di alloggi; RelayRides, che supporta la gestione del carpooling; PlugShare, un’app che rende disponibili le mappe per i punti di ricarica di auto elettriche.

21 Nov 2012

di Elisabetta Bevilacqua

Come ci spiega Erik Simonsen (nella foto), consulente indipendente, uno degli organizzatori di Cleanweb, iniziativa che mira ad utilizzare le tecnologie dell’informazione per favorire l’affermarsi di un modello di sviluppo economico sostenibile, l’ispirazione deriva dalla visione della terza rivoluzione industriale che, come la propone Jeremy Rifkin, vede nella convergenza fra Ict e Cleantech (il settore delle tecnologie green) una possibile soluzione alla carenza di risorse energetiche, nel rispetto dell’ambiente, visto anch’esso come risorsa finita. “È così nato dal basso un movimento internazionale promosso da sviluppatori di software, imprenditori e professionisti, sostenuti dall'industria e accomunati dalla ricerca nell'innovazione di software per la sostenibilità – spiega Simonsen – L’obiettivo è  promuovere  lo sviluppo di applicazioni che aiutino a risolvere problemi legati a risorse e ambiente, come gestione del clima, dell'energia, dell'acqua, dei trasporti”.

Dopo il lancio, lo scorso settembre a Roma, l’iniziativa proseguirà con Cleanweb Hackathon (dal 30 novembre al 2 dicembre a  Roma, presso Enlabs), un incontro  fra sviluppatori di software, esperti di web, professionisti designer, aziende del mondo green, pubblica amministrazione  e investitori per costruire insieme, grazie alla leva del web e delle tecnologie mobile,  applicazioni in ambito energetico e ambientale.

L’obiettivo è anche di sensibilizzare il pubblico sull’importanza delle nuove tecnologie per la gestione dell’ambiente ed evidenziare la potenzialità  della collaborazione fra le aziende.

Il movimento si propone di sfruttare anche l’onda degli open data che metterà a disposizione in formato elaborabile le informazioni finora detenute solo dalle amministrazioni pubbliche. Gli sviluppatori che si riconoscono nel movimento Cleanweb potrebbero sfruttare questa opportunità per fornire strumenti in grado di gestire in modo più efficiente le risorse. Alcuni esempi sono la creazione di applicazioni per mappare i consumi energetici delle città, che potrebbero avvalersi della grande diffusione degli smart meter nel nostro paese, per la gestione del traffico e del car/bike sharing, strumenti per la pianificazione economica di investimenti nel solare e nell’eolico, per lo scambio di informazioni sui punti di riciclaggio e addirittura un ranking per la localizzazione preferibile dal punto di vista ambientale dei datacenter o app per calcolare le proprie emissioni di Co2.

Si prospettano dunque  molteplici opportunità  per  conciliare la salute del pianeta e delle città con attività sostenibili anche in termini di business.

Elisabetta Bevilacqua

Giornalista

Sono attiva dal 1989 nel giornalismo hi-tech, dopo esperienze in uffici studi di grandi gruppi e di formazione nel settore dell’informatica e, più recentemente, di supporto alle startup. Collaboro dal 1995 con ZeroUno e attualmente mi occupo soprattutto di trasformazione digitale e Industry 4.0, open innovation e collaborazione fra imprese e startup, smart city, sicurezza informatica, nuove competenze.

Argomenti trattati

Approfondimenti

E
Energia
I
Investimenti
P
Pubblica Amministrazione

Articolo 1 di 6