Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Introdurre l’automazione nei test del software

pittogramma Zerouno

Vendor View

Introdurre l’automazione nei test del software

L’automazione dei test è il fattore più importante per garantire la qualità nello sviluppo del software: è quanto emerge dalla decima edizione dell’indagine World Quality Report, assieme ai motivi che fanno dell’automazione dei test un complemento necessario all’adozione delle metodologie agile e DevOps

12 Dic 2018

di V.V.

Mentre i business digitali rendono più critici gli aspetti della qualità del software e il rispetto dei tempi di rilascio, cresce l’interesse per le tecnologie che automatizzano le fasi finali del collaudo e della quality assurance (QA).

Lo rivela la decima edizione (2018-2019) del rapporto World Quality Report realizzato da Cap Gemini e Sogeti in collaborazione con Micro Focus, mostrando come l’automazione sia un complemento alle pratiche di agile e DevOps oltre al modo più efficace per migliorare la user experience e rispettare i tempi di rilascio.

Il Rapporto, realizzato intervistando circa 1700 executive IT in 32 nazioni (50 gli intervistati in Italia), rileva al primo tra gli obiettivi di test e quality assurance l’esigenza di garantire la soddisfazione degli utenti (fondamentale per il 42% dei rispondenti quest’anno, contro il 27% del 2017) a pari merito con la necessità di trovare i difetti prima del go-live (42%, contro il 34% nel 2017). Per il 41% degli intervistati (29% nel 2017) QA e capacità di test contribuiscono direttamente alla crescita del business e fatturato aziendali.

Come cambia il ciclo di vita dello sviluppo con l’automazione QA e test

Impiegata per anni in ambiti specifici e segregati, l’automazione di QA e test si è estesa e sta cambiando il lifecycle dello sviluppo.

Secondo gli estensori del Rapporto, i trend oggi più significativi riguardano il model-based testing (per la generazione automatica di script e test automatici; il 61% degli intervistati lo avrà entro il prossimo anno), la robotic process automation (RPA, scelta dal 54%) e la cognitive automation (49%). Tra i trend emergenti per i prossimi due anni c’è inoltre il test automatico delle API. Secondo il Rapporto, il 18% dei test funzionali già oggi sono effettuati usando strumenti generatori di script; il 16% usando i tool di test automation. L’automazione risulta impiegata nel 16% dei test prestazionali e nel 16% di quelli relativi alla security. Il 15% degli intervistati usa la test automation end-to-end in ogni scenario.

Secondo gli analisti entro i prossimi 2-3 anni vedremo sempre maggiore integrazione tra test automation e ciclo di sviluppo, attraverso ecosistemi comprendenti componenti proprietari, open source e tool commerciali.

Un altro passo è la “smart test automation” che mette insieme il model-based testing, componenti di ottimizzazione, gestione dei dati di test, virtualizzazione dei servizi in aggiunta a capacità analitiche, RPA e tecniche proattive applicate al processo di sviluppo. Sempre secondo gli analisti, sarà sempre più semplice analizzare i file di log con modelli predittivi per avere suggerimenti per migliorare il codice, ancor prima che sia completo e pronto per i test. Mettere in parallelo lo sviluppo con i test facilita l’adozione di agile e DevOps. Per arrivare a questo punto c’è comunque ancora molto lavoro da fare secondo gli analisti. Il 61% degli intervistati ha delle difficoltà a gestire troppe modifiche tra un rilascio e l’altro. Il 48% segnala problemi con i dati di test e la stabilità degli ambienti. Nel 46% dei casi c’è un problema di conoscenza ed esperienza nell’uso degli strumenti per l’automazione dei test.

Questi e altri elementi contenuti nel Rapporto vanno a comporre un quadro preciso di cosa aspettarsi nel prossimo futuro e di cosa giustifica l’investimento nella test automation.

La test automation è centrale nella strategia Micro Focus di Enterprise DevOps con l’ adozione di pratiche per un IT Ibrido, automatizione e orchestrazione della continuous delivery delle applicazioni, dal mainframe ai dispositivi mobili.

Nella figura sono graficizzati gli obiettivi che si intendono raggiungere con le attività di QA e testing. Il World Quality Report, liberamente scaricabile a questo link, include numerosi altri grafici che consentono di analizzare i diversi aspetti del tema.

V

V.V.

Vendor View

Argomenti trattati

Aziende

Micro Focus

Approfondimenti

S
software
S
Software Testing

Articolo 1 di 4