Guida a Windows 10: ultimi consigli per la migrazione

pittogramma Zerouno

Technology HowTo

Guida a Windows 10: ultimi consigli per la migrazione

Con il fine vita di Windows 7 il passaggio a Windows 10 diventa urgente. Ecco un approccio per finalizzare l’aggiornamento con successo

29 Nov 2019

di Arianna Leonardi

Con il fine supporto a Windows 7 previsto per gennaio 2020, il passaggio all’ultima versione del sistema operativo Microsoft è sempre più urgente. Ma come assicurare una migrazione facile, sicura e senza intoppi? Questa guida a Windows 10 sintetizza i consigli metodologici e tecnici di alcuni esperti internazionali, consulenti It o Chief Technology Officer.

1. Verificare la compatibilità applicativa

La prima regola per passare correttamente a Windows 10 è la verifica della compatibilità delle applicazioni con il nuovo sistema operativo. Serve una lista dettagliata di tutti i software utilizzati in azienda, anche a scopo di una razionalizzazione del parco applicativo pre-migrazione. Bisogna verificare che tutti i programmi siano funzionanti, impiegati correntemente e non ridondanti (spesso esistono in azienda diversi tool che svolgono analoghe funzioni), intervenendo per risolvere eventuali bachi o eliminare software inutile.

Le applicazioni a 16-bit non sono supportate dall’architettura a 64-bit di Windows 10. Se non è possibile effettuare immediatamente la revisione applicativa, una scorciatoia temporanea potrebbe essere l’installazione dei programmi legacy all’interno di container e da qui la distribuzione sicura agli utenti finali. Si garantisce così il funzionamento delle vecchie applicazioni sui nuovi sistemi operativi.

2. Pianificare la migrazione a Windows 10

Con una visione più chiara del parco applicativo in essere, bisogna quindi procedere alla pianificazione dettagliata del progetto di migrazione a Windows 10.

Innanzitutto, è necessario formare una squadra di tecnici e utenti finali che collaborino per garantire l’installazione del nuovo sistema operativo in modo sistemico. Occorre quindi coinvolgere i leader e gli stakeholder di ciascun dipartimento, perché supportino la buona riuscita del progetto.

Procedere con l’implementazione di progetti pilota è sicuramente una buona prassi, come l’acquisto preliminare di tutti gli strumenti tecnologici necessari a facilitare la migrazione (ad esempio, tool per la verifica della compatibilità applicativa o l’automazione della delivery oppure i driver aggiornati delle periferiche in uso).

WHITEPAPER
Data Strategy: quali sono le 3 fasi principali del processo di relazione con il cliente?
Big Data
Marketing

Si presegue quindi con la definizione di una roadmap di implementazione, che contempli tempistiche, suddivisione dei task, risorse coinvolte e così via.

Poiché il passaggio a Windows 10 ha un forte impatto sull’operatività quotidiana, non bisogna trascurare gli aspetti di change management, con una corretta strategia a supporto e formazione degli utenti.

3. Progettare e finalizzare l’installazione

Nella fase di progettazione e finalizzazione del deployment entrano in gioco le considerazioni più tecniche. Innanzitutto bisogna verificare che tutte le macchine interessate dal progetto abbiano i requisiti minimi per supportare Windows 10 (ad esempio, 1GB di Ram e 16GB di spazio su disco per le installazioni a 32-bit oppure 2GB di RAM e 20GB di spazio per installazioni a 64-bit). Alcune caratteristiche hardware (ad esempio, la presenza di dischi Ssd o di una fotocamera a infrarossi) seppure non vincolanti, sono necessarie per abilitare alcune funzionalità tipiche di Windows 10, come l’accesso tramite credenziali biometriche.

Per ogni dispositivo bisogna scegliere la metodologia di migrazione ottimale: l’approccio place-in, che permette di installare il nuovo sistema operativo preservando file, impostazioni e applicazioni esistenti; il metodo wipe-and-load, che consente di effettuare il refresh del computer e di re-installare il sistema operativo da zero, caricando poi i dati e i programmi dell’utente (precedentemente esportati); la sostituzione completa della macchina qualora l’aggiornamento risultasse troppo complesso e inefficace.

Una volta passati all’ultimo sistema operativo, bisogna procedere alla definizione di un metodo efficace e automatizzato per la distribuzione degli aggiornamenti, sfruttando i nuovi tool e metodi as-a-service messi a disposizione da Microsoft.

Arianna Leonardi

Giornalista

Argomenti trattati

Approfondimenti

Windows 10
Guida a Windows 10: ultimi consigli per la migrazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4