Full Life Cycle API Management: ecco secondo Gartner i migliori player | ZeroUno

Full Life Cycle API Management: ecco secondo Gartner i migliori player

pittogramma Zerouno

Software Selection

Full Life Cycle API Management: ecco secondo Gartner i migliori player

L’utilizzo delle Application Programming Interface aumenta e aumenterà ancora, sia nei reparti IT sia nelle line of business. Ma le API non sono efficienti se non vengono gestite in tutto il ciclo di vita. Ecco quali sono, secondo il Magic Quadrant 2020 di Gartner, i migliori operatori del mercato Full Life Cycle API Management

07 Mag 2021

di Michele Ciceri

Le imprese cercano un ruolo nella nuova normalità post pandemia. Alcune si sono reinventate e hanno iniziato a ri-scalre i mercati, ma la maggior parte inizierà a risalire quando la crisi vedrà la fine, il che avverrà in momenti significativamente diversi nei diversi paesi. Reinventare un’impresa richiede la scomposizione e la ricomposizione delle pratiche operative.

In questa attività il ruolo di una piattaforma di gestione delle API è fondamentale. Difficile immaginare un ambiente tecnologico all’interno di un’azienda di medie o grandi dimensioni che non utilizzi Application Programming Interface. Non a caso, il loro utilizzo è in crescita. Ottenere le interfacce di programmazione delle applicazioni corrette, e farlo rapidamente, è quindi più importante che mai. Più efficace è un programma API, più ampia sarà la piattaforma API e più rapidamente e facilmente sarà possibile ridimensionare e reinventare. I programmi API, però, non possono essere eseguiti in modo efficiente senza un Full Lyfe Cycle API Management.

API e Full Life Cycle Management

La “gestione dell’intero ciclo di vita delle API” comprende la pianificazione, progettazione, implementazione, test, pubblicazione, funzionamento, consumo, manutenzione, controllo delle versioni e ritiro delle API. Comprende anche un portale per sviluppatori attraverso il quale indirizzare, commercializzare e governare le comunità di sviluppatori che incorporano API nelle loro applicazioni, pagine web, app, chatbot e altro ancora. Altrettanto cruciali per la gestione delle API sono la capacità di stimare il valore delle API e l’analisi per comprenderne i modelli di utilizzo.

WEBINAR
30 Settembre 2021 - 17:00
Ottimizza i processi di backoffice pre e post-vendita grazie a una piattaforma innovativa
Dematerializzazione
Software

Il numero di API all’interno delle organizzazioni sta crescendo rapidamente nei reparti IT, ma anche all’interno delle line of business (LOB). Ogni app mobile connessa, ogni sito Web che tiene traccia degli utenti o fornisce una ricca esperienza utente e ogni applicazione distribuita su un servizio cloud utilizza le API. Le API costituiscono i punti di connessione tra piattaforme ed ecosistemi.

L’utilizzo delle API aumenterà ancora

Lavoro a distanza, piattaforme, ecosistemi, innovazioni, trasformazioni digitali, normative: praticamente tutto spinge l’utilizzo delle API. Durante i blocchi Covid 19, quando l’utilizzo di applicazioni e dispositivi remoti aumentava, le piattaforme API subivano in media 1,5 volte più chiamate del normale. Con ogni probabilità, il lavoro a distanza rimarrà molto diffuso, di conseguenza la cifra è destinata ad aumentare.

Le line of business considerano le API come un modo per creare nuove applicazioni e innovare rapidamente. Ciò consente loro di modificare i processi operativi, introdurre nuove offerte e utilizzare nuovi canali. Le API vengono distribuite per ottenere diversi vantaggi aziendali. Un’azienda può, ad esempio, fornire accesso gratuito (ma spesso non pubblico) alle sue API in cambio di un’esecuzione più rapida ed efficiente di un processo aziendale, come l’assistenza quotidiana ai clienti. Oppure potrebbe farlo per facilitare o aumentare le vendite di un prodotto tradizionale: le compagnie di assicurazione, ad esempio, ottengono più polizze se sono in grado di offrirle online nella situazione in cui un potenziale cliente potrebbe averne bisogno.

Le piattaforme di gestione delle API sono maturate notevolmente negli ultimi anni e i prodotti si stanno evolvendo per soddisfare le esigenze più sofisticate degli utenti. Ora hanno funzionalità di sicurezza API più sofisticate e possono anche avvalersi di microservizi in app mesh e architetture di servizi.

I leader del Magic Quadrant Full Life Cycle API Management 2020 di Gartner

Premesso tutto questo, è il momento di vedere chi sono le aziende leader nel mercato Full Life Cycle API Management. Gartner ne individua sette nel suo Magic Quadrant 2020, di cui in questo articolo andiamo a vedere i punti di forza e gli elementi di attenzione evidenziati dagli analisti nel corso della loro indagine. Prima però una domanda: come si diventa leader in questo mercato?

Gartner spiega che ci sono due modi principali per diventare un leader di Full Life Cycle API Management: acquisendo un’azienda che è già leader e integrando la sua offerta in una proposta di infrastruttura applicativa più ampia; oppure affrontando le trasformazioni digitali e le sfide con leadership di pensiero e funzionalità del prodotto, con soluzioni di gestione delle API ampiamente distribuibili e ben supportate in diverse aree geografiche. Nell’area leader del Magic Quadrant 2020 sono entrate per la prima volta due aziende che tutto questo lo hanno fatto molto bene nel 2019, anche se con visioni molto diverse. Di seguito vediamo chi sono.

In linea generale, l’attributo più distintivo che Gartner ricerca nei leader è che possano affrontare la più ampia varietà di casi d’uso dell’API: mobile e multi-esperienza, integrazione tramite API, data as a service, interazioni B2B e open banking. Tutti i sette vendor che andiamo a menzionare in ordine alfabetico hanno, secondo Gartner, questa caratteristica di fondo.

Un’ultima premessa: un Magic Quadrant riflette i giudizi di Gartner sulla capacità di esecuzione e completezza della visione dei fornitori in un mercato, in questo caso, il mercato della gestione delle API per l’intero ciclo di vita. I criteri di ability to execute riflettono la resistenza e la velocità di esecuzione dei fornitori in questo mercato. I criteri di completeness of vision riflettono le capacità dei fornitori di comprendere le tendenze del mercato, guidarle, influenzarle e seguirle con agilità e coerenza.

Magic Quadrant Gartner

Axway

Axway è leader nel Magic Quadrant 2020 e lo era anche nel precedente. La sua offerta AMPLIFY API Management include API Builder, API Gateway, API Manager, API Portal, il livello di gestione AMPLIFY Central e Unified Catalog. Fa parte della più ampia piattaforma AMPLIFY di Axway, che offre funzionalità B2B, edge gateway, mesh di servizi, servizi di back-end mobile, trasferimento di file gestito (MFT) e servizi di contenuto.

Le funzionalità API basate su AMPLIFY Streams derivano dall’acquisizione di Streamdata.io nel 2019. L’offerta è disponibile come SaaS e in un cloud gestito da Axway. Può essere implementato in cloud privati, pubblici e ibridi o in locale. Inoltre, la piattaforma di Axway si sta evolvendo per supportare più configurazioni di gateway ibride / multicloud / multivendor e API event-based. I clienti sono aziende di medie e grandi dimensioni in tutto il mondo.

Punti di forza

  • Prodotto ampio. Axway AMPLIFY ha ottenuto un buon punteggio per la maggior parte dei criteri di execution. Il portfolio è diversificato, con prodotti adatti a tutto. Chi è alla ricerca di una gamma completa di prodotti può trarre vantaggio anche dall’esperienza del suo team Catalyst che fornissce una guida strategica sulle API.
  • Visione multicloud. Axway vuole consentire ai clienti di eseguire i propri dati, API e servizi su diversi ambienti cloud e tecnologie, gestendoli e governandoli centralmente utilizzando l’interfaccia di amministrazione di Axway. AMPLIFY Unified Catalog e AMPLIFY Central sono vantaggiosi per le organizzazioni che adottano strategie multicloud e multigateway, soprattutto all’inizio.
  • Partnership. Axway ha diversi importanti partner OEM e rivenditori (Cloud Elements, Ping Identity, SmartBear, Stoplight e API Fortress) il che è un vantaggio per i clienti.

Elementi di attenzione

  • Sales Execution. Nonostante Axway abbia aumentato i ricavi nel 2019, Gartner ritiene che questa crescita sia stata inferiore alla media del mercato, il che potrebbe sollevare alcune preoccupazioni. Questa situazione però è normale quando un fornitore sta passando a prezzi basati su abbonamento su tutto il suo portafoglio, come sta facendo Axway.
  • Marketing execution. Nonostante gli sforzi per aumentare la condivisione della propria mentalità, in particolare nei settori chiave, e le sue ampie capacità, Axway ha avuto una presenza relativamente limitata tra le citazioni che Gartner ha avuto dai clienti. Secondo gli analisti, c’è il rischio che questo vendor possa essere trascurato anche dagli acquirenti per i quali sarebbe una buona scelta.
  • User experience. Le partnership di Axway con vari fornitori per supportare diverse fasi del ciclo di vita dell’API ampliano le opzioni per i suoi clienti, ma spesso si traducono anche in un’esperienza utente tutt’altro che fluida, rispetto a quella delle offerte che sono completamente sviluppate da un singolo venditore.

Google (Apigee)

Google (Apigee) è un’altra conferma in questo Magic Quadrant. La piattaforma principale di gestione delle API Apigee è disponibile per il cloud pubblico, il cloud privato o il data center e l’implementazione ibrida (runtime gestito dal cliente e piano di controllo gestito da Google). Anche Apigee Sense (per la protezione dei bot), Apigee API Monetization e Apigee Advanced API Ops fanno parte della piattaforma Apigee.

La roadmap di Google per Apigee include la fornitura di una piattaforma API completamente gestita per implementazioni multicloud e ibride, la creazione di ecosistemi di sviluppatori cittadini, l’integrazione con i mercati e l’estensione delle tecnologie Google come l’intelligenza artificiale (AI) e il machine learning (ML) alla gestione delle API. La maggior parte dei clienti di Apigee si trova negli Stati Uniti, in Europa, Australia, Nuova Zelanda, India e Sud-est asiatico.

Punti di forza

  • Comprensione del mercato. Google continua a differenziare Apigee con il suo supporto ai clienti. Ha anche il merito di essere stato uno dei primi fornitori di gestione delle API a chiarire e capitalizzare l’importanza di un programma API nell’esecuzione delle trasformazioni digitali.
  • User experience. Gartner ha rilevato che gli utenti hanno spesso una visione positiva del team Apigee di Google, descrivendolo un partner strategico che comprende i bisogni per la trasformazione digitale, dunque non solo un fornitore di soluzioni tecnologiche. In questo mercato, la capacità di agire come partner è un vantaggio competitivo.
  • Prodotto. Gli utenti identificano la facilità d’uso come un vantaggio chiave della piattaforma Apigee.

Elementi di attenzione

  • Strategia di integrazione. Sebbene Google si stia muovendo per affrontare l’integrazione, resta da vedere come competerà con i fornitori di Full Life Cycle API Management, per i quali l’integrazione è un punto di forza.
  • Sales execution e prezzi. La piattaforma Apigee di Google offre più funzionalità rispetto ai prodotti API della maggior parte dei fornitori, il che si traduce in prezzi più elevati rispetto ad altre offerte chiuse o open source. In entry level, Google offre il gateway API Cloud Endpoints molto più semplice ed economico con un modello freemium.
  • Versione cloud privato (locale). Google posiziona la sua offerta di gestione API come soluzione ibrida. Sebbene Apigee sia semplice da usare come servizio cloud, la versione cloud privato (locale) può essere complessa da installare e configurare secondo le esigenze del cliente. C’è poi il rischio di un rapido aumento dei costi per un’installazione in locale.

IBM

Anche IBM era già leader in questo Magic Quadrant. La prima offerta in questo mercato, IBM API Management, risale al 2012 e utilizzava il gateway multiprotocollo IBM DataPower. Da allora, IBM ha acquisito Red Hat e la sua offerta di gestione API, ma le due offerte sono ancora commercializzate separatamente (per questo motivo IBM e Red Hat sono valutate separatamente nel Magic Quadrant).

Il prodotto attuale, IBM API Connect, utilizza un servizio gateway API basato su OpenAPI leggero, progettato per prestazioni molto più elevate e scalabilità multicloud. API Connect è disponibile sia in locale sia come cloud SaaS. Il piano di IBM per il prossimo futuro è di concentrarsi sulla gestione autonoma delle API all’edge, interazioni sicure native del cloud e AI per la gestione delle API. IBM vende in tutto il mondo, generalmente a organizzazioni di medie e grandi dimensioni.

Punti di forza

  • Strategia di offerta e prodotto. IBM ha una visione forte del suo prodotto e prevede di concentrarsi sul supporto della governance delle interfacce non REST (come AsyncAPI, GraphQL e Apache Kafka). Ciò consentirà il supporto di servizi su più ambienti cloud e l’uso dell’IA per semplificare la sicurezza e il monitoraggio delle API.
  • Distribuzione ibrida e multicloud. IBM API Connect consente la distribuzione di qualsiasi componente in qualsiasi cloud o in locale. Può anche essere distribuito su Kubernetes in qualsiasi cloud e on-premise in qualsiasi istanza di Red Hat OpenShift. Inoltre, API Connect è supportato da IBM Cloud Pak for Integration, che viene fornito preconfezionato con OpenShift Container Platform.
  • Presenza geografica. API Connect beneficia della presenza globale di IBM in oltre 170 paesi attraverso il proprio personale locale e i partner. L’offerta è supportata nelle lingue: cinese (caratteri Han semplificato e Han tradizionale), ceco, olandese, inglese, francese, tedesco, italiano, giapponese, coreano, polacco, portoghese (brasiliano), russo, spagnolo e turco.

Elementi di attenzione

  • Sales execution. IBM ha una solida conoscenza del mercato e un prodotto solido, ma include API Connect anche in altre offerte. Gartner ritiene che ciò possa contribuire a una crescita del prodotto autonomo al di sotto della media di mercato.
  • Monetizzazione. Nonostante IBM sia stato uno dei principali sostenitori degli ecosistemi, API Connect deve ancora fornire funzionalità di monetizzazione e reporting flessibili e orientate al business per i clienti che desiderano quantificare il valore delle API in termini che vanno oltre l’utilizzo.
  • Aggiornamenti della piattaforma. IBM stia investendo in strumenti di aggiornamento. Tuttavia, a seconda delle versioni e delle politiche utilizzate, la migrazione dei volumi API dal servizio DataPower Multiprotocollo Gateway alla versione più recente di API Connect potrebbe non presentarsi come un processo completamente automatizzato.

Kong

Kong è uno dei due nuovi ingressi nella zona leader del Full Life Cycle Magic Quadrant 2020. Nella precedente edizione lo avevamo notato tra i visionari. Il gateway API open source di Kong per le API REST si basa su un server proxy NGINX con OpenResty. La sua soluzione include anche Kong Vitals (per il monitoraggio della piattaforma Kong stessa), Kong Brain e Kong Immunity, che utilizzano AI e ML per automatizzare il ciclo di vita dell’API e dello sviluppo dei servizi, e Insomnia (uno strumento di progettazione, documentazione e test delle API).

Kuma, un progetto open source, è un piano di controllo indipendente dalla piattaforma che utilizza Envoy. Kong ha donato Kuma alla Cloud Native Computing Foundation (CNCF) e ha rilasciato Kong Mesh, una rete di servizi aziendali costruita su Kuma ed Envoy.

La soluzione di Kong è disponibile sia in locale sia nel cloud. La visione dell’azienda è di piattaforma di controllo dei servizi medierà in modo intelligente le informazioni. Kong ha oltre 250 clienti aziendali paganti in Nord America, Europa occidentale, Giappone, Australia e Singapore.

Punti di forza

Comprensione del mercato. Kong ha dimostrato una forte comprensione delle esigenze di gestione delle API dei clienti sia a livello aziendale che tecnico, compreso il supporto per gli ecosistemi API e i mercati, servizi e gateway distribuiti.

Distribuzione ed esecuzione (avanzata) del ciclo di vita delle API. Kong offre una grande flessibilità di distribuzione, con supporto per AWS, Google Cloud Platform, Docker e Kubernetes.

Operazioni. Il gateway API di Kong ha un ingombro ridotto, offre prestazioni elevate e può essere configurato e implementato come gateway API leggero o gateway aziendale. Attraverso la sua offerta Kuma, Kong ha anche aggiunto una rete di servizi open source basata su Envoy.

Elementi di attenzione

  • Implementazione e test. Sebbene Kong offra Insomnia per la progettazione API e Mockbin (per generare endpoint personalizzati per testare, simulare e tenere traccia di richieste e risposte HTTP tra librerie, socket e API), questi mancano di capacità di implementazione API specifiche e di funzionalità di test.
  • Strategia di settore. I settori principali di Kong sono i servizi finanziari, l’alta tecnologia e il commercio elettronico, ma i suoi acceleratori per l’open banking e FHIR sono in ritardo rispetto a quelli di altri fornitori.
  • Sales execution e prezzi. Kong offre gratuitamente il suo gateway open source, ma Kong Enterprise (con un set completo di funzionalità, tra cui, ad esempio, un portale per sviluppatori, un’interfaccia utente amministrativa e plug-in avanzati per il controllo del traffico) è disponibile gratuitamente solo in versione di prova per 15 giorni. A differenza di molti altri fornitori, Kong non pubblica il prezzo della sua soluzione sul suo sito web.

Microsoft

Il secondo nuovo ingresso nella casa dei leader di mercato è Microsoft, che nella precedente edizione del Magic Quadrant stava con i player di nicchia. L’offerta di API management di Microsoft è Azure API Management. Precedentemente disponibile solo per il cloud, questo prodotto può ora essere utilizzato anche in un’architettura ibrida dopo l’aggiunta al prodotto di un gateway API autogestito (sebbene con alcune limitazioni)

Microsoft Azure API Management è disponibile in quattro livelli: Developer, Basic, Standard e Premium (che consente la distribuzione multiregione), per i quali agli utenti viene addebitata una tariffa oraria fissa, in base alle risorse allocate e al set di funzionalità. Per il futuro di questa offerta, Microsoft si concentrerà sulla progettazione di API, sul supporto event-based e sui servizi. Azure API Management è disponibile nelle aree del cloud pubblico nelle Americhe, Europa, Asia, Africa e Australia. È utilizzato da governo e dal dipartimento della difesa degli Stati Uniti.

Punti di forza

  • Distribuzione ed esecuzione (di base) del ciclo di vita delle API. Microsoft Azure API Management fornisce un’interfaccia di amministrazione relativamente semplice e diretta. Gli utenti segnalano punteggi di soddisfazione elevati durante le richieste e nelle revisioni di Peer Insights, ma osservano anche la natura standard delle funzionalità offerte.
  • Strategia geografica. Microsoft ha una solida strategia globale per la gestione delle API di Azure. L’interfaccia del portale di Azure è disponibile in 18 lingue, la documentazione in oltre 50 lingue.
  • Prestazioni. Azure API Management viene utilizzata con successo in diversi scenari utente ad alte prestazioni.

Elementi di attenzione

  • Marketing execution. Le attività di marketing e go-to-market di Microsoft per la gestione delle API di Azure non si concentrano solo sulla gestione delle API, essendo condotte principalmente nel contesto di altri prodotti Microsoft Azure. Esiste il rischio che Azure API Management possa essere trascurata, anche dagli acquirenti per i quali potrebbe essere una buona scelta.
  • Reporting. La capacità di reporting di Azure API Management è limitata alle metriche tecniche, come l’utilizzo dell’API e i tempi di risposta. Non si estende agli indicatori chiave di prestazione aziendale (KPI).
  • Focus su Azure. Azure API Management è un prodotto più adatto alla gestione delle API all’interno dell’infrastruttura di Azure, sebbene possa essere utilizzato per gestire API anche in altri ambienti.

MuleSoft

MuleSoft è leader in questo Magic Quadrant così come lo era nella precedente edizione. MuleSoft, che Salesforce ha acquisito nel 2018, offre la piattaforma Anypoint come offerta di Full Life Cycle Management, in cui la gestione delle API e le capacità di integrazione sono combinate in un’unica piattaforma. È inoltre disponibile un’opzione che fornisce solo la gestione API.

MuleSoft ha introdotto Anypoint API Community Manager per creare e far crescere un ecosistema di consumatori di API e promuovere l’adozione di prodotti API. L’azienda vende la sua piattaforma sia direttamente sia tramite un ecosistema di partner. Ha clienti di medie e grandi dimensioni in tutto il mondo.

Punti di forza

  • Comprensione del mercato. MuleSoft mostra una forte comprensione del mercato attraverso il suo supporto tempestivo per le API grafiche, la gestione delle comunità di sviluppatori (all’interno e all’esterno di un’organizzazione) e la consapevolezza dei requisiti normativi come la residenza dei dati nell’UE.
  • Pianificazione e progettazione. MuleSoft e i suoi partner lavorano a stretto contatto con i clienti per creare dei team Center for Enablement (C4E). Questi team aiutano le aziende ad adottare le migliori pratiche organizzative che supporteranno il loro investimento sui prodotti e quindi garantire il ​​pieno valore dei prodotti MuleSoft.
  • Marketing execution. MuleSoft comunica bene la sua strategia API attraverso white paper, blog ed eventi. Inoltre, si basa sull’esperienza del suo team Global API Strategy, guidato da evangelist del settore API ed esperti di consulenza che consigliano i clienti MuleSoft sulle best practice per i programmi API.

Elementi di attenzione

  • Supporto geografico. I prezzi relativamente alti, oltre alla mancanza di una presenza diffusa, hanno limitato la portata diretta di MuleSoft oltre i suoi mercati principali del Nord America, Europa occidentale, Singapore e Australia. Ma va detto che le cose stanno iniziando a cambiare perché MuleSoft utilizza la portata geografica di Salesforce per entrare in nuovi mercati in tutto il mondo.
  • Implementazione e test. Anypoint Platform di MuleSoft supporta una varietà di casi d’uso potenzialmente complessi. Di conseguenza, l’implementazione o la registrazione di un’API può comportare passaggi più complessi di quelli richiesti da altri prodotti più snelli. Sebbene MuleSoft supporti i framework di test e mocking delle API, i clienti che cercano un set completo di strumenti per il test delle API dovranno procurarsi una soluzione separata, poiché MuleSoft non ne fornisce una in modo nativo.
  • Monetizzazione. MuleSoft attualmente non fornisce soluzioni predefinite di fatturazione e prezzo per creare piani di abbonamento e supportare sofisticati schemi di monetizzazione API. Tuttavia, fornisce la possibilità di connettersi a un’API di fatturazione o di integrarsi con Salesforce CPQ o altre soluzioni di fatturazione di terze parti.

Software AG

Software AG si conferma leader in questo Magic Quadrant 2020. Le sue offerte per il Full Life Cycle API Management sono la piattaforma di gestione API webMethods (per la distribuzione in locale) e l’API webMethods.io (per il cloud). La piattaforma di gestione delle API e il suo equivalente cloud comprendono gateway, portale e microgateway.

Software AG offre anche CentraSite (un registro e un repository), il framework di connessione webMethods CloudStreams, una rete di servizi e una piattaforma basata su cloud. L’azienda prevede di concentrarsi maggiormente sui microservizi, sulla user experience degli sviluppatori e sul multicloud. La sede è in Germania e i clienti sono grandi aziende e clienti governativi in ​​Europa, Nord America, Australia e Giappone.

Punti di forza

  • Offerta di prodotti. Una suite di prodotti ben integrata, con funzionalità ampie e unificate, è il segno distintivo della soluzione di Full Life Cycle API Management di Software AG. Include integrazione di applicazioni, iPaaS, analisi di streaming, Internet of Things (IoT) e capacità di elaborazione in memoria.
  • Comprensione del mercato. La soluzione affronta le diverse priorità degli utenti di soluzioni Full Life Cycle Management. Offerta e visione sono ampie e coprono diverse aree quali digital transformation, digital business basato su API, ecosistemi B2B, integrazione, IoT e modernizzazione delle applicazioni.
  • Funzionalità del prodotto. La piattaforma di Software AG è una delle più ricche di funzionalità e ha una lunga storia nel campo dell’integrazione. È particolarmente apprezzato dai clienti che utilizzano modelli event-driven e a consumo.

Elementi di attenzione

  • Brand identity. Il mantenimento da parte dell’azienda di due marchi (Software AG e webMethods), la frequente adozione di nuovi slogan aziendali (tipo “libertà come servizio” e “connessioni viventi”) e nomi diversi per soluzioni cloud e on-premise possono confondere i potenziali clienti.
  • Sales execution. Nel 2019, Software AG ha registrato una crescita dei ricavi inferiore alla media di mercato e sostanzialmente inferiore a quella degli altri leader in questo Magic Quadrant. Inoltre, Software ha perso una moderata quota di mercato. Tuttavia, nonostante ciò possa suscitare perplessità circa l’attenzione dell’azienda a questo mercato, il focus API Management è in aumento all’interno di Software AG è in aumento, così come gli investimenti nell’offerta.
  • Marketing execution. Software AG appare molto raramente negli scenari di offerte competitive visionati da Gartner, nonostante gli sforzi di marketing. I potenziali acquirenti rischiano di trascurare le potenti e versatili funzionalità della piattaforma.

Chi entra e chi esce

Gartner rivede e adegua i criteri di inclusione per i Magic Quadrant al mutare dei mercati. Come risultato di questi aggiustamenti, il mix di fornitori in qualsiasi Magic Quadrant può cambiare nel tempo. L’apparizione di un fornitore in un Magic Quadrant un anno e non in quello successivo non indica necessariamente che Gartner ha cambiato opinione su quel fornitore; può essere un riflesso di un cambiamento nel mercato e, quindi, dei criteri di valutazione modificati, o di un cambiamento di focalizzazione da parte di quel fornitore.

Fuori dall’area leader, di cui abbiamo già registrato conferme e novità, il Magic Quadrant Full Life Cycle API Management 2020 di Gartner vede l’ingresso di F5 (soluzione NGINX) e Perforce (soluzione Akana). Entrambi risultano player di nicchia. Escono invece dal Magic Quadrant, rispetto al 2019, quattro player: Oracle, SeeBurger e SmartBear.

Menzioni d’onore

Per questo Magic Quadrant, Gartner ha intervistato complessivamente 70 player. Alcuni di questi, nonostante non abbiano soddisfatto i criteri di inclusione previsti, hanno comunque una notevole presenza sul mercato. Per loro, Gartner ha stabilito una “menzione d’onore”. Le aziende sono: Costellante, Datawire, Fiorano, Nevatech, Oracle, OpenLegacy, Postino, SeeBurger e SmartBear, quest’ultima inclusa non per la presenza sul mercato ma perché era nel quadrante l’edizione precedente.

WEBINAR
12 Ottobre 2021 - 14:30
Come sfruttare al massimo le potenzialità della virtualizzazione container?
Cloud
Datacenter

Michele Ciceri

Giornalista

Giornalista professionista, editor, speaker. Redattore e capo redattore in cronaca, oggi mi occupo di realtà tecnologica. Osservo e analizzo le evoluzioni dei mercati ICT ed Energy, credo in un’economia sostenibile che guarda all’Ambiente come a una priorità. Faccio parte dell’ufficio stampa di Cancro Primo Aiuto Onlus perché ne condivido i valori.

Argomenti trattati

Approfondimenti

G
Gartner Magic Quadrant
S
Software selection
Full Life Cycle API Management: ecco secondo Gartner i migliori player

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3