VMware Cloud Foundation 4.2 e vSAN Data Persistence: tutte le novità | ZeroUno

VMware Cloud Foundation 4.2 e vSAN Data Persistence: tutte le novità

pittogramma Zerouno

News

VMware Cloud Foundation 4.2 e vSAN Data Persistence: tutte le novità

Le ultime release dei prodotti VMware sono state pensate per offrire una piattaforma di storage unificata e ibrida cloud-ready per applicazioni moderne e tradizionali che garantisca coerenza operativa e semplicità

02 Mar 2021

di Redazione

La release 4.2 di VMware Cloud Foundation include aggiornamenti per aiutare i clienti a migliorare ulteriormente storage, networking, gestione e sicurezza del deployment di macchine virtuali e container su larga scala. VMware ha anche annunciato la disponibilità della piattaforma vSAN Data Persistence, compresi i plug-in Cloudian HyperStore e MinIO Object Storage. Insieme, queste offerte offrono una piattaforma di storage unificata e ibrida cloud-ready per applicazioni moderne e tradizionali garantendo coerenza operativa e semplicità.

Nello specifico, VMware Cloud Foundation 4.2 include la piattaforma vSAN Data Persistence (gestione storage S3-compatible per i dati non strutturati con la piattaforma HCI leader del settore attraverso il supporto delle offerte Cloudian e MinIO); vSAN HCI Mesh: approccio basato su software per la disaggregazione delle risorse di calcolo e di storage. Aiuta i clienti a ridurre il CAPEX distribuendo la capacità tra i cluster vSAN. Riduce inoltre l’OPEX limitando la quantità di risorse di storage gestite attraverso una scalabilità efficiente.

Inoltre comprende NSX-T 3.1 Federation: modello operativo cloud-like riservato agli amministratori di rete, che semplifica il consumo di networking e sicurezza. Questo include la gestione centralizzata, la configurazione coerente del networking e delle policy, e lo stato operativo sincronizzato tra i deployment di NSX-T su larga scala. Con NSX-T Federation, i clienti possono utilizzare reti estese e policy di sicurezza unificate che si estendono su deployment multiregionali di VMware Cloud Foundation, fornendo mobilità del carico di lavoro e semplificando le operazioni di disaster recovery.

Infine, SDDC Manager Security Hardening permette comunicazioni sicure tra SDDC Manager e i componenti sottostanti per ridurre al minimo le minacce alla VMware Cloud Foundation durante tutte le fasi operative.

Dal canto suo, la piattaforma vSAN Data Persistence è un framework per gli ISV in grado di integrare i moderni servizi stateful, come l’object storage e i database NoSQL, con l’infrastruttura sottostante. Attraverso la collaborazione con partner come Cloudian e MinIO, la piattaforma consente ai clienti di eseguire i servizi stateful con una maggiore agilità, un TCO inferiore e operazioni e gestione semplificate.

In collaborazione con i partner, la piattaforma permette agli sviluppatori di utilizzare le API di Kubernetes per il provisioning e la scalabilità dei servizi stateful on-demand in un modello self-service con un intervento minimo dell’amministratore. Fornisce un monitoraggio integrato della salute e della capacità dei servizi attraverso dashboard dedicati in VMware vCenter Server; sfrutta le operazioni dell’infrastruttura service-aware per consentire la disponibilità del servizio durante le modifiche dell’infrastruttura, comprese la manutenzione e la gestione del ciclo di vita. Esegue servizi stateful mantenendo un’efficienza ottimale dello storage.

VMware offre ai clienti due diverse opzioni di deployment della piattaforma.

Si tratta di Deployment vSAN standard: una modalità veloce e conveniente per eseguire servizi stateful su vSAN. I clienti possono eseguire servizi stateful e applicazioni tradizionali sullo stesso cluster vSAN per ottimizzare l’utilizzo delle risorse. I clienti possono selezionare la policy di storage vSAN Support for Shared Nothing Architecture (vSAN-SNA) per utilizzare le funzionalità di disponibilità fornite con il servizio stateful e disattivare la replica nel layer vSAN per risparmiare spazio.

E di una configurazione vSAN diretta che implementa il servizio stateful su un hardware ottimizzato per le esigenze dell’applicazione e utilizza le caratteristiche di disponibilità, efficienza e sicurezza incorporate nello layer del servizio stateful. Inoltre, fornisce l’accesso all’hardware sottostante per un’efficienza ottimale dello storage e prestazioni vicine al bare metal. Supporta anche l’hardware della vSAN Hardware Compatibility List (HCL). Inoltre, VMware offre configurazioni hardware raccomandate testate e convalidate da VMware, Cloudian, MinIO e partner OEM selezionati per i casi d’uso di object storage ottimizzato per la capacità e per le prestazioni.

Infine, Cloudian HyperStore e MinIO Object Storage sono entrambi disponibili per VMware Cloud Foundation with Tanzu attraverso l’integrazione della piattaforma vSAN Data Persistence. VMware e i suoi partner permettono ai clienti di distribuire gli object store direttamente dal vCenter in pochi clic. Gli utenti possono affidarsi a: Cloudian HyperStore, una soluzione di storage di classe enterprise, scalabile e multi-tenant con sicurezza di livello superiore, geo-distribuzione e compatibilità S3 completamente nativa che supporta applicazioni moderne e tradizionali da una singola piattaforma, così come a MinIO High Performance Object Storage. In qualità di object store ad alte prestazioni, nativo di Kubernetes e compatibile con S3, MinIO è progettato per offrire scalabilità, sicurezza, resilienza e portata eccezionali su una gamma di carichi di lavoro tra cui AI/ML, analytics, archiviazione e applicazioni web/mobili cloud-native.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 4