Siemens ha adottato Red Hat Ansible Automation Platform | ZeroUno

Siemens ha adottato Red Hat Ansible Automation Platform

pittogramma Zerouno

News

Siemens ha adottato Red Hat Ansible Automation Platform

L’azienda tedesca si è affidata a Red Hat per automatizzare l’infrastruttura a chiave pubblica

05 Mag 2021

di Redazione

Siemens ha adottato Red Hat Ansible Automation Platform per modernizzare la sua infrastruttura a chiave pubblica e, in particolare, automatizzare le attività amministrative, aumentare la qualità delle configurazioni e migliorare la sicurezza delle comunicazioni in tutta l’azienda.

Siemens AG è un gruppo tecnologico internazionale che si concentra sull’elettrificazione, dalla generazione, trasmissione e distribuzione dell’energia alle soluzioni smart grid fino all’applicazione efficiente dell’energia elettrica, così come sui settori dell’imaging medico e della diagnostica di laboratorio. Data la natura sensibile della sua attività, adottare tecnologie di sicurezza all’avanguardia rappresenta per Siemens una priorità assoluta. Al punto che, per proteggere in modo affidabile l’accesso alle informazioni riservate, i 295.000 dipendenti di Siemens e i 100.000 dipendenti dei suoi partner commerciali utilizzano infrastrutture a chiave pubblica (PKI), controllando certificati e identità.

Siemens, che si affida sempre più spesso alle PKI per proteggere la comunicazione Internet-of-Things (IoT), ora mantiene due ambienti PKI per diversi casi d’uso. Inoltre, la comunicazione tra i team di servizio all’interno dell’organizzazione si sta ampliando. Cambiamenti che hanno incrementato la complessità di configurazione e generato un aumento del carico di lavoro per il team PKI di Siemens. Per gestire questa situazione, Siemens ha quindi deciso di sostituire la sua soluzione di automazione legacy con Ansible Automation Platform.

Per garantire che l’utilizzo dell’ambiente PKI fosse sicuro ed efficiente, Siemens si è avvalsa delle competenze di Red Hat Consulting per l’implementazione e ha collaborato con gli architetti e i consulenti di Red Hat per imparare a scrivere Infrastructure-as-Code, abbracciare le pratiche di integrazione continua e testare i playbook, di modo che le misure di hardening fossero scritte in Ansible. Quindi, mentre prima il team PKI di Siemens dedicavano ore alla ricerca manuale di modifiche indesiderate alla configurazione dell’ambiente, oggi con Ansible Automation Platform hanno la possibilità di distribuire la maggior parte delle variazioni sotto forma di codice.

Siemens utilizza Ansible Playbooks per implementare e rimuovere autonomamente gli ambienti di sviluppo dove necessario, oltre a installare e testare automaticamente le versioni del software PKI prima della pubblicazione. Insieme all’automazione dei compiti amministrativi manuali, Siemens beneficia di una migliore qualità della configurazione e di una maggiore sicurezza delle comunicazioni in tutta l’azienda. Nel prossimo futuro, Siemens prevede di lavorare con Red Hat per esplorare l’automazione dei processi di testing, con l’obiettivo finale di stabilire un modello comune per il deployment continuo.

“Il team PKI di Siemens ci ha colpito per la sua dedizione nel fornire best-practice di automazione, e siamo felici di aver collaborato per consentire loro di trarre il massimo vantaggio da Red Hat Ansible Automation Platform e aiutarli a scalare l’automazione migliorando l’efficienza operativa e riiducendo al contempo i rischi. Il gruppo PKI di Siemens ha dimostrato come un team altamente motivato possa implementare rapidamente Red Hat Ansible Automation Platform per automatizzare le attività di gestione manuale e migliorare la sicurezza delle comunicazioni in tutta l’azienda, aiutando a risparmiare tempo e denaro, e liberando il business per concentrarsi sulla creazione della prossima generazione di tecnologie industriali” ha dichiarato Robert Lindner, country manager Germania, Red Hat.

“Siamo molto felici di aver scelto Red Hat Ansible Automation Platform. Abbiamo potuto contare sul supporto degli esperti di Red Hat attraverso workshop faccia a faccia, che hanno aiutato a fornire ai nostri ingegneri una comprensione più profonda degli strumenti e dei processi di automazione, in modo che potessero utilizzare più rapidamente e con successo la tecnologia. Questo è particolarmente importante perché l’infrastructure-as-code con Red Hat Ansible Automation Platform è più che l’introduzione di un nuovo strumento – richiede un cambiamento fondamentale nella mentalità degli amministratori di sistema. Ogni volta che abbiamo bisogno di Red Hat, loro sono lì per noi, e la nostra visione è di lavorare insieme per sviluppare una piattaforma di best practice per l’automazione che porti a ottimizzare l’efficienza e l’innovazione della nostra organizzazione” ha commentato Rufus Buschart, head of public key infrastructure (PKI) Siemens.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Siemens ha adottato Red Hat Ansible Automation Platform

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3