Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Innovazione tecnologica, quali i driver e gli ostacoli alla trasformazione digitale

pittogramma Zerouno

News

Innovazione tecnologica, quali i driver e gli ostacoli alla trasformazione digitale

20 Apr 2017

di Redazione

Ecco i numeri portati da Avanade, illustrando una ricerca Vanson Bourne, che indicano che aggiornare i sistemi It determina un aumento del fatturato del 14% oltre a una riduzione dei costi operativi pari al 13%. Obiettivo dell’indagine comprendere quali sono i motivi che spingono all’innovazione e al contrario le ragioni che la ostacolano

Aumentare il fatturato del 14%: è sicuramente un risultato interessante e lo diventa ancora di più se si considera che si può ottenere innovando i propri sistemi It. Questo è quanto rilevato dalla ricerca condotta da Vanson Bourne, su incarico di Avanade, che ha aggiunto che potenziando la propria infrastruttura e i relativi approcci, diventa possibile ridurre del 13% i costi operativi.

La società – fornitore di servizi digitali innovativi, cloud, business solutions – attraverso la ricerca si era posta l’obiettivo di individuare le ragioni principali che conducono alla trasformazione digitale e gli ostacoli che invece vi si frappongono.

Il 65% dei responsabili IT coinvolti nella ricerca (800 figure di aziende che operano in Usa, Uk, Germania, Italia, Brasile, Giappone e Australia impiegando tra i 500 e i 5mila addetti) ritiene che i sistemi in uso e il relativo approccio strategico non siano allineati con le nuove esigenze emergenti in materia di digitalizzazione dei processi aziendali. È inoltre emerso che il 93% dei responsabili IT concorda nel ritenere necessario dover applicare contemporaneamente un approccio predittivo, quando si parla di ottimizzare la parte centrale dei sistemi, e uno di tipo invece esplorativo nel rinnovare i processi. Al riguardo, oltre la metà degli intervistati nei prossimi tre anni intende adottare tecnologie di automazione nei contesti di robotica (56%), intelligenza artificiale (61%) o processi cognitivi (59%).

L’ 87% degli intervistati sta pianificando l’adozione di soluzioni cloud appoggiandosi a provider esterni, tra cui Microsoft Azure, con l’obiettivo di integrare il proprio data center nell’infrastruttura cloud pubblica. D’altra parte, almeno una metà resta comunque ancorata alla modalità on-premise per la maggior parte delle proprie applicazioni personalizzate.

Il 93% degli intervistati sostiene che per legittimare tali investimenti sia essenziale essere in grado di calcolare i benefici in termini di Roi sul fronte business oltre a quelli riconducibili all’infrastruttura IT. Inoltre, l’87% è convinto di come i propri dirigenti non siano ancora in grado di apprezzare appieno il potenziale di un progetto di modernizzazione in ambito IT.

Infine, i responsabili IT sono coscienti dell’importanza di potersi affidare al supporto di esperti esterni all’azienda. In particolare, per l’84% a proposito di software engineering e per l’81% nella migrazione al cloud.

“Un approccio moderno alle tecnologie di software engineering e di automazione dei processi – ha affermato Ivan Loreti, Cloud and Infrastructure Services and Offerings Executive di Avanade – è indispensabile per assecondare l’esigenza dei nuovi processi aziendali digitali, in modo tale da permettere alle organizzazioni di sfruttarne il potenziale ed ottenerne proficui ritorni. È un momento decisivo per i responsabili IT, che possono così contemporaneamente essere precursori nell’innovazione e ottimizzare i processi con successo”.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Articolo 1 di 4