Digital transformation: ecco le preoccupazioni dei CIO | ZeroUno

Digital transformation: ecco le preoccupazioni dei CIO

pittogramma Zerouno

News

Digital transformation: ecco le preoccupazioni dei CIO

Il 93% afferma che la capacità dell’IT di massimizzare il valore per il business è ostacolata da troppe sfide, inclusa quella della collaborazione tra team IT e business

03 Feb 2021

di Redazione

I modelli operativi IT tradizionali con team a compartimenti stagni e le molteplici soluzioni di monitoraggio e gestione si stanno dimostrando inefficaci nel tenere il passo con le architetture cloud native. Di conseguenza, i team perdono tempo combinando manualmente i dati provenienti da soluzioni disparate in uno sforzo reattivo per risolvere le sfide invece di concentrarsi sull’innovazione. E i CIO si preoccupano riguardo alla loro capacità di stare al passo con la trasformazione digitale.

È quanto emerge dai risultati presentati da Dynatrace dell’indagine globale condotta da Vanson Bourne su 700 CIO.

Guardando ai numeri si nota che l’89% dei CIO afferma che la trasformazione digitale ha accelerato negli ultimi 12 mesi e il 58% prevede che continuerà a farlo. In tale scenario, il 93% del campione vede che la capacità dell’IT di massimizzare il valore per il business è ostacolata dalle sfide, incluso che team IT e business lavorano in silos.

Il 74% dei CIO afferma di essere stanco di dover mettere insieme i dati di più soluzioni per valutare l’impatto degli investimenti IT sul business e il 40% che la collaborazione limitata tra i team BizDevOps complica la capacità dell’IT di rispondere rapidamente ai cambiamenti improvvisi delle esigenze di business.

Nello studio si legge poi che il 16% del tempo di un team IT viene speso in riunioni per identificare le cause e le soluzioni ai problemi. Questo problema da solo costa alle organizzazioni una media di 1,7 milioni di dollari all’anno a causa della perdita di produttività.

Inoltre, il 49% del campione afferma di avere dati e visibilità limitati dal punto di vista degli utenti sulle prestazioni dei servizi digitali.

Solo il 14% delle organizzazioni dispone di un’unica piattaforma che consente la collaborazione tra team e una reale comprensione dell’impatto sul business dell’IT.

E il 49% dei CIO afferma che i team IT e business lavorano in silos. Il 40% dei CIO riporta che la limitata collaborazione tra i team rende più difficile identificare la gravità di un problema e ridurre al minimo il suo impatto business complessivo.

Per alleviare il carico per l’IT ed evitare di estendere le risorse limitate oltre i propri limiti, le organizzazioni stanno adottando nuove pratiche che si basano sull’abbattimento dei silos: il 53% sta adottando BizDevOps, il 50% Autonomous Cloud Operations; il 47% NoOps.

“Poiché il ritmo della trasformazione digitale accelera – ha commentato Mike Maciag, Chief Marketing Officer presso Dynatrace – e i cloud moderni e dinamici introducono una complessità crescente, la pressione sui team per prendere decisioni basate sui dati e automatizzare le operation per fornire valore di business più rapidamente non è mai stata così alta. Tuttavia, la mancanza di collaborazione tra i team e l’accesso a un’unica fonte di dati in tutta l’organizzazione sta ostacolando la capacità dei team di BizDevOps di raggiungere questo obiettivo. Utilizzando dati disparati da più soluzioni di monitoraggio e analisi e aderendo a una visione ‘la mia parte funziona bene’, stanno sprecando centinaia di ore e milioni di dollari ogni anno, piuttosto che perseguire obiettivi aziendali condivisi supportati da precisi, insight olistici. Senza abbattere i silos tra IT, sviluppo e business, le organizzazioni non possono tenere il passo con il ritmo accelerato della trasformazione digitale. Fornire ai team una singola piattaforma di analisi e monitoraggio, radicata in un modello di dati comune e fornendo insight precisi e in tempo reale, porta a obiettivi condivisi e migliori risultati di business”.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 4