AI: così il motore di Dynatrace aiuta i ricercatori

pittogramma Zerouno

News

AI: così il motore di Dynatrace aiuta i ricercatori

La piattaforma Davis viene utilizzata per monitorare i processi DevOps di ERT, sviluppatore di software e dispositivi utilizzati in ambito medico, e accelerare i rilasci: ecco i benefici ottenuti

10 Giu 2020

di Redazione

ERT, sviluppatore di software e dispositivi utilizzati dai ricercatori in ambito medico, sta utilizzando Dynatrace per automatizzare i processi DevOps e accelerare la delivery di nuove applicazioni, passando da una media di sei settimane ad appena due settimane.

Queste applicazioni aiutano i ricercatori di tutto il mondo a condurre sperimentazioni cliniche in modo sicuro ed efficace e introducono più rapidamente nuovi trattamenti e vaccini sul mercato. Raccolgono anche dati e producono rapporti, fornendo ai ricercatori le prove di cui hanno bisogno per ottenere, dalla FDA -Food and Drug Administration e dagli altri regolatori in tutto il mondo, l’approvazione per i nuovi progressi in campo medico.

Il motore di intelligenza artificiale di Dynatrace, Davis, monitora continuamente i processi DevOps di ERT e le pipeline di delivery delle applicazioni, controllando errori, degradi e regressioni. Davis assegna automaticamente una priorità ai problemi in base all’impatto, risparmiando tempo agli sviluppatori e permettendo al team DevOps di trovare, comprendere e risolvere i problemi prima che incidano sui trial clinici.

WEBINAR
Advanced Analytics e Machine Learning per Supply Chain sotto stress
Intelligenza Artificiale
IoT

ERT utilizza inoltre Keptn, il piano di controllo open source di Dynatrace per la consegna continua e le operation native del cloud. Con Keptn, i problemi rilevati da Davis possono innescare azioni di auto-riparazione automatiche. Questo consente a ERT di ridurre i tempi di sviluppo garantendo al contempo i più alti standard di qualità e precisione.

“Le nostre soluzioni – ha affermato Simon Pilar, direttore delle IT Service Operations, ERT – sono fondamentali per la capacità dei nostri clienti di portare nuovi trattamenti potenzialmente salvavita fuori dal laboratorio negli ospedali e nelle farmacie. Data la natura della loro attività, dove la posta in gioco è alta, i nostri clienti non possono permettersi di perdere importanti dati dei pazienti o alert medici durante i trial clinici, quindi, con le nostre soluzioni, dobbiamo garantire i massimi livelli di qualità, affidabilità e prestazioni. Allo stesso tempo, dobbiamo sfidare noi stessi ad aumentare continuamente la velocità dell’innovazione, per aiutare i nostri clienti ad accelerare i loro trial. Fornendo un’osservabilità avanzata sui nostri processi DevOps e sulle pipeline di delivery delle applicazioni, Dynatrace ci consente di vedere il fumo prima che il fuoco inizi a bruciare. Siamo in grado di impedire che codici contenenti degli errori raggiungano la produzione, evitando quindi che diventino un problema. Uno dei principali vantaggi di Dynatrace è che è così facile da usare. Siamo riusciti a implementarlo in pochi minuti. Dynatrace ha evidenziato all’istante il nostro intero ambiente e ha iniziato a far emergere insight per il nostro team DevOps, fornendo valore in poche ore, non settimane o mesi. Davis, il motore di intelligenza artificiale, identifica automaticamente la causa principale di eventuali problemi, facendoci risparmiare tempo e dandoci la sicurezza per automatizzare le nostre pipeline di delivery. Dynatrace cambia radicalmente il modo in cui lavoriamo e consente ai nostri team di offrire innovazione software più velocemente, senza sprecare tempo e fatica”.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

I
Intelligenza Artificiale
AI: così il motore di Dynatrace aiuta i ricercatori

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4