PCI DSS v4.0, come orientarsi rispetto al nuovo standard?

pittogramma Zerouno

News

PCI DSS v4.0, come orientarsi rispetto al nuovo standard?

Il PSR 2022 di Verizon indica alcune priorità di progettazione e i nuovi rischi per la sicurezza dei pagamenti

29 Set 2022

di Redazione

Guardando all’introduzione del PCI DSS v4.0 prevista per il 2024 (il nuovo standard proposto dal Payment Card Industry Security Standards Council, il consiglio formato nel 2006 dai grandi nomi del settore, che ha l’obiettivo di gestire in sicurezza la continua evoluzione del Payment Card Industry Data Security Standard), Verizon ha resi noti i dati del Payment Security Report (PSR) 2022.

Miglioramenti e continue sfide

Il rapporto di quest’anno ha rilevato che, nel complesso, la conformità PCI DSS è migliorata in modo significativo nel 2020, con il 43,4% delle organizzazioni che ha mantenuto la piena compliance. Si tratta di un miglioramento rispetto a quanto evidenziato nel PSR 2019. Inoltre, nonostante più della metà delle organizzazioni (56,7%) non abbia superato la valutazione di convalida intermedia in quanto non attua uno o più controlli di sicurezza, il divario di esecuzione degli stessi è comunque migliorato sostanzialmente, passando da un massimo del 7,7% nel 2019 a un minimo del 4,0% nel 2020.

WHITEPAPER
CYBERSECURITY: le migliori strategie per la tutela e la continuità dei servizi IT
Sicurezza
Cybersecurity

“Nonostante i miglioramenti della compliance – ha affermato Sampath Sowmyanarayan, CEO di Verizon Business – sappiamo che gli hacker sono ancora là fuori e più forti che mai. Il nostro Data Breach Investigations Report (DBIR) 2022 ha rilevato che il settore finanziario continua a essere vittima della criminalità organizzata spinta da motivi economici, con i server che risultano coinvolti nel 90% delle violazioni finanziarie. Di conseguenza, è difficile che un ulteriore impegno sulla propria attuale strategia determini un cambiamento. Per rimanere coperte nel complesso panorama della sicurezza informatica di oggi, le organizzazioni dovranno avvicinarsi ai propri obiettivi e traguardi a livello di progetto, programma e strategia”.

L’effetto pandemia

La pandemia di Covid-19 ha intensificato le attività commerciali online e le transazioni con carte di pagamento, ma ha anche consentito agli hacker di sfruttare le minacce e le debolezze, esistenti ed emergenti, relative ai sistemi e ai processi di pagamento. A complicare ulteriormente il panorama della sicurezza dei pagamenti per i Chief Information Security Officer (CISO) e per gli altri professionisti della security, il PCI SSC ha recentemente introdotto la più significativa riforma del DSS dal suo rilascio nel 2004. Sebbene sia un significativo passo avanti, i responsabili della sicurezza dovranno concentrare la propria attenzione e impiegare le proprie risorse per essere al passo con questi nuovi requisiti. Rilasciato all’inizio di quest’anno, il PCI DSS v4.0 entrerà in vigore a partire dal 2024.

Le priorità di progettazione legate al PCI DSS v4.0

I CISO e i loro team dovranno applicare un processo logico e coordinato per valutare i requisiti e i vincoli del PCI DSS v4.0, il tutto mentre si districano fra le modifiche introdotte. Per aiutare le organizzazioni del settore dei pagamenti a semplificare la complessità di queste nuove misure e garantire la sicurezza dei dati, il PSR 2022 include una “cassetta degli attrezzi” di metodi di gestione, modelli e framework utili per affrontare il PCI DSS v4.0.

Come evidenzia il rapporto, le sfide che le organizzazioni incontrano in merito alla sicurezza dei dati e alla gestione della compliance hanno relazioni di causa ed effetto identificabili. La chiave per ottenere una crescita continua e la stabilità delle prestazioni del programma di sicurezza e conformità è concentrare le risorse solo sulle parti del paradigma di sicurezza che limitano o bloccano ulteriori miglioramenti: i collegamenti più deboli, i vincoli di sistema o i punti di leva. Pertanto, la pianificazione strategica, il coordinamento e l’esecuzione a livello operativo saranno fondamentali per evitare costose violazioni dei dati.

5G: quale impatto sulla sicurezza dei pagamenti?

Il fascino delle tecnologie emergenti, come il 5G e l’edge computing, ha acquisito uno slancio significativo quando la pandemia di Covid-19 ha messo in luce gli anelli più deboli del settore dei servizi finanziari. La velocità e la stabilità del 5G continueranno a migliorare l’esperienza mobile in materia di pagamenti, fornendo maggiore sicurezza ai clienti attraverso metodi avanzati di identificazione e verifica biometrici. Fornirà inoltre connessioni più sicure per le videoconferenze, con partecipanti come professionisti finanziari e consulenti di prestito.

Le istituzioni finanziarie e i commercianti continueranno a trovare modi innovativi per beneficiare delle funzionalità avanzate del 5G, dell’architettura aperta e delle tecnologie MEC (Multi-Access Edge Computing). Allo stesso tempo, i professionisti della sicurezza devono esplorare in che modo queste innovazioni potrebbero influire sui livelli di conformità al PCI DSS.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

H
hacker
Settore Finance

Articolo 1 di 4