Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ca Technologies porta l’It Service Management sulla nuvola

pittogramma Zerouno

Ca Technologies porta l’It Service Management sulla nuvola

21 Lug 2014

di Arianna Leonardi

Lanciata recentemente la piattaforma Cloud Service Management, rivolta alle aziende di ogni dimensione e pensata per garantire user-experience intuitiva, rapidità di implementazione, configurazione semplificata e alto livello di automazione dei processi

Ca Cloud Service Management, soluzione per l’It Service Management (Itsm) basata sul modello SaaS e predisposta per la piattaforma mobile, è l’ultima novità in casa Ca Technologies: “Nell’ambito dell’It Service Management – spiega Fabrizio Tittarelli, Business Technology Architect dell’azienda – forniamo soluzioni e servizi per la gestione dei sistemi informativi su larga scala, con una focalizzazione sui processi. Con CA Cloud Service Management intendiamo proporre uno strumento flessibile e potente, in grado di abbattere il time-to-value”. Tra i fattori differenziali della nuova piattaforma cloud (che è disponibile gratuitamente in versione demo), Tittarelli cita: la personalizzazione grazie all’interazione intuitiva e all’usabilità; la velocità di implementazione, con l’azzeramento della manutenzione; la flessibilità attraverso configurazioni semplici e l’automazione spinta; infine, la potenza data dalla ricchezza funzionale (gestione degli asset, connettori per ambienti ibridi da Amazon a VMware, setup guidato, reportistica self-service).

Fabrizio Tittarelli, Business Technology Architect di CA Technologies

“Abbiamo puntato – prosegue il manager – su un’interfaccia user-friendly, con workflow di tipo drag-and-drop realizzabili in pochi minuti. L’implementazione viene ridotta a poche settimane, anziché mesi come tipicamente richiedono soluzioni di questo tipo, e non servono competenze tecniche di sviluppo, ma solo una formazione minima”. La modalità SaaS, inoltre, svincola chi detiene l’ownership della piattaforma dall’obbligo di complessi aggiornamenti e da tutta una serie di oneri operativi.

La soluzione è flessibile – sottolinea Tittarelli – e permette l’integrazione con i sistemi esistenti (aspetto che Gartner riporta tra i problemi più critici delle tecnologie SaaS di It Service Desk presenti sul mercato). Per questo si adatta trasversalmente alle aziende di grandi dimensioni così come alle Pmi, che possono beneficiare del passaggio degli oneri da Capex a Opex tipico del cloud”.

La nuova soluzione cloud si inserisce nell’indirizzo strategico di Ca Technologies, che è sempre più impegnata nel fornire soluzioni, nuove ed esistenti, in modalità as-a-service. A corroborare l’effort del vendor, Tittarelli menziona il recente lancio di Management Cloud for Mobility, una suite per la gestione di contenuti, applicazioni e dispositivi mobile erogata sotto forma di servizio sulla nuvola, così come le soluzioni di monitoraggio applicativo e infrastrutturale (“più tipiche del dna di Ca”) distribuite in modalità as-a-service. “Tutti annunci che concretizzano lo spostamento nel nostro piano industriale voluto dall’attuale Ceo [Michael P. Gregoire, in carica da fine 2012, ndr]: si investe di più in R&D per lo sviluppo interno di soluzioni, mentre prima si puntava maggiormente sull’arricchimento del portfolio attraverso acquisizioni. C’è stata, insomma, una rifocalizzazione sulla crescita organica, pur sempre bilanciata con l’acquisizione di alcune soluzioni best of breed dal mercato”, conclude Tittarelli.

Arianna Leonardi

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 3