VMware vSphere, ecco tutti gli aggiornamenti

pittogramma Zerouno

News

VMware vSphere, ecco tutti gli aggiornamenti

Le novità Vmware sono pensate per consentire agli utenti di ottimizzare l’adozione di Kubernetes

08 Ott 2020

di Redazione

Le nuove versioni di VMware vSphere 7 Update 1, VMware vSAN 7 Update 1 e VMware Cloud Foundation 4.1 ottimizzano l’adozione di Kubernetes da parte degli utenti e supportano le applicazioni stateful con nuove funzionalità developer-ready, migliorando scalabilità e operations. VMware ha inoltre annunciato le funzionalità del portafoglio di pacchetti di Tanzu per affrontare gli scenari più comuni che i clienti incontrano nei loro sforzi di modernizzazione.

Nell’ultimo anno, VMware ha fornito uno stack software completo che consente ai clienti di sviluppare nuove modern apps e di modernizzare quelle esistenti. In occasione del VMworld 2019 US, VMware ha presentato il portfolio Tanzu e l’anteprima tecnologica di Project Pacific per la rearchitettura di vSphere in una piattaforma aperta che utilizza le API di Kubernetes.

Nel marzo 2020, VMware ha introdotto il portfolio Tanzu per le applicazioni moderne. Inoltre, VMware ha realizzato la prima fase di Project Pacific con VMware Cloud Foundation 4 con Tanzu, che fornisce un’infrastruttura cloud ibrida con una gestione coerente sia per le applicazioni basate su VM che per quelle basate su container.

WHITEPAPER
Le Application Programming Interface e il loro ruolo nella API Economy. La guida
Software
Application Lifecycle Management

Oggi, VMware sta realizzando la fase successiva di Project Pacific con nuove release di prodotto per aiutare gli utenti ad adottare rapidamente Kubernetes. VMware vSphere con VMware Tanzu fornirà a centinaia di migliaia di clienti vSphere in tutto il mondo un modo semplice per iniziare a utilizzare Kubernetes e modernizzare gli oltre 70 milioni di carichi di lavoro in esecuzione su vSphere. I clienti saranno in grado di sfruttare gli investimenti esistenti in tecnologia, strumenti e set di competenze per impostare e fornire rapidamente i cluster di Kubernetes a supporto delle moderne applicazioni.

In particolare, vSphere with Tanzu permetterà ai clienti di configurare l’infrastruttura Kubernetes di livello enterprise con la loro rete esistente e di bloccare o archiviare i file in meno di un’ora. Ciò include la possibilità per i clienti di estendere il supporto di vSphere Distributed Switch per i cluster Kubernetes. vSphere with Tanzu consentirà inoltre ai clienti di implementare NSX Advanced Load Balancer Essentials (con l’opzione di aggiornamento all’Enterprise Edition) o di scegliere le proprie soluzioni di bilanciamento del carico L4. Utilizzando VMware vCenter Server, i clienti saranno in grado di implementare i cluster Kubernetes in pochi minuti, fornire un accesso basato sui ruoli e assegnare capacità agli sviluppatori. L’integrazione con VMware Tanzu consente agli amministratori di gestire Kubernetes in modo coerente e conforme, fornendo agli sviluppatori un accesso self-service all’infrastruttura IT.

“Un anno fa – ha dichiarato Raghu Raghuram, Chief Operating Officer, Products and Cloud Services, VMware – abbiamo preso l’impegno di supportare i nostri clienti nell’avere successo in ogni fase del loro percorso di modernizzazione delle applicazioni e delle infrastrutture. Oggi facciamo un ulteriore passo in avanti per liberare il potenziale di Kubernetes per centinaia di migliaia di clienti VMware vSphere. Le nostre nuove soluzioni aiutano a semplificare l’adozione di Kubernetes e forniscono le capacità necessarie per aiutare i clienti a raggiungere i loro obiettivi di modernizzazione”.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

VMware vSphere, ecco tutti gli aggiornamenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4