Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Ca Technologies e l’Application Economy: velocità, sicurezza, valore

pittogramma Zerouno

Ca Technologies e l’Application Economy: velocità, sicurezza, valore

27 Gen 2015

di Rinaldo Marcandalli

Durante il Gartner Symposium di Barcellona, in teleconferenza dal Ca World di Las Vegas, Mike Gregoire, Ceo di Ca Technologies, concretizza la vision dell’azienda nell’ambito dell’Application Economy.

BARCELLONA – Durante lo scorso Gartner Symposium Emea 2014, Ca Technologies ha organizzato una teleconferenza con il Ca World 2014, che è svolto in parallelo a Las Vegas, dando ai partecipanti all’evento Gartner l’opportunità di ascoltare la keynote del suo Ceo, Mike Gregoire. È un’occasione per capire cosa Ca Technologies intenda per Application Economy nel cui contesto il business viene riscritto dal software. Freschi di keynote del Gartner Symposium in cui Peter Sondergaard descrive una Economia industriale in via di fondamentale digitalizzazione (vedi “Disegnare l’organizzazione digitale dell’azienda” su www.zerounoweb.it) ci pare legittimo che Ca Technologies proponga l’Application Economy come primo motore di tale trasformazione: “la Business Unit che si comporta da startup” di Sondergaard investe un 61% del budget in software e servizi, a scapito di hardware e di personale.

Mike Gregoire – Ceo Ca Technologies

Dopo il Media event di giugno a Londra, che questi concetti preannunciava (vedi questo articolo), con Las Vegas si tocca con mano come l’azienda si muove, con baricentro sul cloud, per promuoverli e supportarli presso i propri clienti. Gregoire annuncia ‘nuove dinamiche’ in termini di qualità/velocità, apertura/sicurezza e valore per il business, che rispettivamente ruotano attorno a tre categorie di prodotti cardine.

Per la qualità/velocità, cuore della ricetta Ca Technologies per innovare e differenziarsi investendo in app cloud, il portafoglio Ca DevOps bilancia innovazione ed esecuzione e unifica i team di sviluppo e operazioni in modo efficiente. Le capacità chiave che abilitano un approccio DevOps sono l’Agile Parallel Development, il Continuous Delivery e l’Agile Operations. In estrema sintesi l’Agile Parallel Development simula virtualmente più ambienti di test; nel Continuous Delivery una “release automation” abilita il rilascio in una Integration library che, proteggendo gli investimenti precedenti, supporta più rilasci giornalieri; nelle Agile operations, che girano su mobile come su mainframe, soluzioni di performance analytics controllano la qualità della user experience.

Per l’apertura/sicurezza, Ca Api Management & Security, da un lato assicura alle Api delle varie app in rete una gestione aperta; dall’altro, l’accesso ad ogni Api, in tutte le fasi di interazione tra app e sistemi di backend, è identity based: ogni volta ‘il giusto accesso alle persone giuste’ garantisce una protezione pervasiva su tutto il percorso, senza frizioni per l’utente. Quanto alla sicurezza mobile, Ca Mobile Api Gateway in versione integrata con Samsung Knox dà alla base Android sicurezza applicativa end-to-end e single sign-on mobile.

Per il valore di business, Ca Management Cloud è un vasto portafoglio di soluzioni che comprende dal decision support al service management, rivolto dall’utente operativo fino al c-level, pensato per gestire la crescente complessità di servizi che nel cloud tenderanno velocemente ad espandersi: “Trasforma la complessità in opportunità di business”, conclude Gregoire.

Rinaldo Marcandalli
Giornalista

Consulente aziendale e giornalista. 40+ anni di esperienza nello sviluppo software, laboratorio IBM e field, nelle telecomunicazioni prima e poi nelle applicazioni e nel governo del Dipartimento It. Esperienze sul campo in settori bancario, in particolare interbancario, assicurativo e pubblica amministrazione. Da 20+ anni segue prima da consulente e poi come giornalista l’evoluzione dei processi nei settori e da 10+ anni la loro trasformazione progressiva al digitale, specializzandosi nello studio della riorganizzazione agile, digitale e smart delle Aziende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 3