La sfida del multicloud si vince solo con la giusta metodologia

pittogramma Zerouno

Lutech Point of View

La sfida del multicloud si vince solo con la giusta metodologia

08 Lug 2020

di Lutech

Più della metà delle aziende italiane – esattamente il 55% su un panel IDC di 500 – dichiara di aver già adottato una qualche forma di cloud. Se si parla di priorità It, inoltre, il desiderio di una strategia multicloud svetta su tutto. Il 38% di chi ha dichiarato di utilizzare già il cloud, infatti, indica il multicloud come prima priorità di investimento.

L’analisi di IDC ci dice anche che il 62% delle aziende italiane con almeno 250 dipendenti utilizza già servizi IaaS, PaaS e SaaS di diversi cloud provider. Dunque, il mercato italiano sta rapidamente evolvendo verso un approccio multicloud, la cui caratteristica principale è la varietà dei service provider a disposizione.

Se, da una parte, non si può che essere felici della volontà delle aziende di sfruttare un mix di eccellenze tecnologiche e di vendor leader, dall’altra c’è da sottolineare l’incremento di complessità che deriva da questa scelta.

“Entro il 2021 oltre il 90% delle aziende si affiderà a un mix di servizi di cloud privato o on premise, molteplici cloud pubblici e piattaforme legacy”, dice Claudio Patano, Associate Research Director, IDC Italia

Ci troviamo di fronte a una complessità crescente dovuta non solo ai differenti servizi erogati dai cloud provider, ma anche e soprattutto all’eterogeneità delle soluzioni applicative e dei servizi già utilizzati, dalla difficoltà intrinseca degli ambienti legacy a convertirsi verso un modello Cloud-Like, e dalla mancanza di competenze del team IT aziendale su ambienti e soluzioni che richiedono nuovi paradigmi tecnologici e applicativi con competenze multidisciplinari di tipo End-to-End.

Un modello volto a preservare l’investimento It in azienda

Il desiderio di migrare verso un data center diffuso su un ambiente multicloud, dunque, può essere soddisfatto solo attraverso un approccio ben strutturato che segua una precisa metodologia.

Il Gruppo Lutech, forte dell’esperienza consolidata in questo tipo di attività presso diverse aziende italiane di dimensioni medio-grandi, applica un percorso che si sviluppa su tre fasi. La prima è certamente la più importante e prevede un’attività di Advisory che permette di indirizzare i requisiti business e tecnologici del cliente per indirizzare un modello di Cloud Adoption in linea con le esigenze delle Line of Business e del reparto IT.

Successivamente, gli specialisti del Gruppo Lutech si occupano della scelta e dell’implementazione delle tecnologie più idonee al raggiungimento degli obiettivi per mezzo del disegno e della implementazione della soluzione richiesta.

Su questo aspetto è importante attuare un approccio che permetta tatticamente di sfruttare al meglio l’ambiente preesistente in un’ottica di completa tutela dell’investimento ma con un piano strategico a medio e lungo termine che permetta di indirizzare le nuove sfide della digital transformation.

Infine, il Gruppo Lutech, nella terza fase richiama l’attenzione del cliente al carattere ricorsivo del servizio cloud per mezzo di un processo ricorsivo di continuous improvement, ovvero un servizio continuativo di carattere consulenziale, tecnologico e applicativo che si allinei nel tempo alle esigenze del business. Ciò significa che l‘attuazione dei servizi di gestione dell’infrastruttura e della piattaforma multicloud implica la costruzione di un Next Generation Hybrid Cloud Operations Model che permetta di integrarsi al reparto IT e Business del cliente.

In definitiva, l’approccio del Gruppo Lutech alla transizione verso il multicloud si sviluppa attraverso un processo di educazione degli stakeholder aziendali, attuando una valutazione dell’impatto sugli obiettivi aziendali del cliente, un disegno dello sviluppo dell’intero progetto e, infine, l’implementazione e la definizione dei servizi di gestione della nuova soluzione.

Per la fase di analisi, realizzazione e gestione degli ambienti multicloud, il Gruppo Lutech, Dell Titanium Partner, massimizza un set specifico di strumenti e tecnologie previsto dalla vision Dell Technology Cloud.

L’obiettivo univoco è quello di perseguire una One Cloud Experience attraverso l’offerta infrastrutturale di Dell Technologies e quella dei servizi di gestione e Governace di VMware, leader indiscusso nell’ambito della virtualizzazione, inglobata all’interno del vendor americano.

La gestione di un’infrastruttura così complessa ed eterogenea viene demandata a un’unica cabina di regia da cui monitorare, gestire, modificare centralmente tutta l’infrastruttura multicloud. Ciò, evidentemente, determina una notevole ottimizzazione di costi e risorse. Ottimizzazione che diventa ancora più accentuata se l’azienda cliente si affida a un Cloud Operation Center (CLOC) del partner It per tutta la gestione dell’ambiente. La struttura, già disponibile presso le properties del Gruppo Lutech, si avvale della competenza di più di 60 specialisti certificati Dell Technologies.

Scarica il report completo IDC sull’approccio corretto al multicloud.

L

Lutech

Articolo 1 di 5