Così Red Hat porta automazione nell'hybrid cloud | ZeroUno

Così Red Hat porta automazione nell’hybrid cloud

pittogramma Zerouno

News

Così Red Hat porta automazione nell’hybrid cloud

Red Hat Advanced Cluster Management for Kubernetes grazie a una stretta integrazione con Red Hat Ansible Automation Platform mira a unire moderne capacità di gestione con ambienti IT tradizionali e ibridi

09 Ago 2021

di Redazione

Red Hat Advanced Cluster Management for Kubernetes 2.3 è la più recente versione dell’offerta di gestione enterprise Kubernetes di Red Hat. Grazie alla maggiore flessibilità a livello di management e scaling di ambienti ibridi e multicloud in modo unificato e automatizzato, i team IT possono accelerare gestione, funzionalità di sicurezza e automazione dei loro cloud ibridi con l’integrazione di Red Hat Ansible Automation Platform e Red Hat Advanced Cluster Management per un ambiente più moderno e pronto per il cloud ibrido.

Nello specifico, l’integrazione tra Red Hat Ansible Automation Platform e Red Hat Advanced Cluster Management è pensata per accelerare l’automazione e la coesione tra cluster cloud-native, macchine virtuali e infrastrutture tradizionali con strumenti e coordinamento semplificati.

Quando gli ambienti containerizzati hanno bisogno di connettersi con gli ambienti IT tradizionali, Red Hat Advanced Cluster Management può attivare automaticamente i Playbook Ansible prima o dopo le azioni chiave del ciclo di vita come la creazione di applicazioni e cluster, rendendo più facile automatizzare compiti come la configurazione del networking, la connessione delle applicazioni ai database, la costruzione di load balancer e firewall, nonché l’aggiornamento dei sistemi di ticketing IT service management (ITSM).

Con un Resource Operator per Red Hat Advanced Cluster Management, basato su Kubernetes Operator di Red Hat OpenShift, Advanced Cluster Management può ricorrere ad Ansible Automation Platform per eseguire attività in modo più efficiente al di fuori del cluster Kubernetes.

Il risultato è un flusso di lavoro singolo e automatizzato per i clienti, col fine ultimo di rendere operativi gli ambienti Red Hat OpenShift insieme ai sistemi IT tradizionali.

Come Ansible Automation Platform è cresciuta, raggiungendo 7 milioni di nodi Ansible attivi ed espandendo le proprie capacità con Red Hat Insights for Ansible Automation Platform, lo stesso vale per la possibilità di espandere l’automazione a più aree di business, aiutando le organizzazioni a prepararsi meglio per il mondo dell’open hybrid cloud, dove i servizi del cloud pubblico, l’infrastruttura del cloud privato e le infrastrutture IT tradizionali si uniscono per raggiungere obiettivi di business in costante evoluzione.

Red Hat Advanced Cluster Management è stato realizzato per consentire alle organizzazioni di ottenere il massimo dalle implementazioni Red Hat OpenShift estendendo e scalando i cluster Red Hat OpenShift, con l’aggiunta di capacità di gestione di nuova generazione come il provisioning su cluster gestiti, on-premise e bare metal o in cloud pubblici, indipendentemente dal mix di ambienti IT.

Per le organizzazioni che cercano di ridurre la complessità di gestione pur mantenendo i vantaggi di Kubernetes enterprise, Red Hat Advanced Cluster Management 2.3 include supporto aggiuntivo per l’importazione di cluster Kubernetes gestiti per Red Hat OpenShift su AWS (ROSA), così come i cluster OpenShift su IBM Power Systems.

Questo si basa sul supporto dei cluster Kubernetes gestiti per Red Hat OpenShift su IBM Cloud (ROKS), Microsoft Azure Red Hat OpenShift (ARO), Red Hat OpenShift Dedicated (OSD) e IBM system Z. Red Hat Advanced Cluster Management 2.3, inoltre, consente il provisioning dei cluster Red Hat OpenShift on-premise su Red Hat OpenStack direttamente da Red Hat Advanced Cluster Management.

Gli utenti possono gestire i cluster in modo più efficace scoprendo e importando i cluster da cloud.redhat.com, attuando un procedimento utile a gestire funzioni più avanzate e a ridurre lo sforzo manuale di importare i cluster singolarmente e in aggiunta, con l’ibernazione dei cluster, possono anche programmare in modalità ibernazione i cluster che non sono in uso per preservare risorse e gestire al meglio i costi del cloud.

Infine, grazie all’integrazione di Red Hat Insights per Red Hat OpenShift, i team possono anche ottenere informazioni concrete sullo stato di salute dei loro cluster ”fleet” gestiti da Red Hat Advanced Cluster Management e intraprendere azioni proattive e di remediation seguendo le analisi fornite dalla telemetria basata su Red Hat OpenShift e sull’expertise di Red Hat.

“Applicazioni e servizi cloud-native – ha spiegato Dave Lindquist, general manager and vice president, Software Engineering, Advanced Kubernetes Management di Red Hat – non sono un’isola. Abbiamo bisogno di incontrare le organizzazioni dove esse si trovano con l’obiettivo di colmare il divario tra infrastrutture IT tradizionali e sviluppo cloud-native, in modo che i team IT possano concentrarsi sull’innovazione piuttosto che sul far operare insieme tecnologie diverse. Red Hat è in una posizione unica per riunire queste capacità attraverso un approccio basato su GitOps, aiutando ad accelerare e scalare la modernizzazione. Ora, i clienti possono automatizzare l’intero stack dall’inizio alla fine, dal cluster alla policy e la governance, fino alla distribuzione delle applicazioni, aiutando ad eliminare i silos e a promuovere strategie di cloud ibrido nell’intera organizzazione”.

Capitalizzando su oltre venti anni di supporto e collaborazione nel mondo open source, Red Hat Advanced Cluster Management è una soluzione completamente open e si basa sulle ultime innovazioni dei progetti open source, tra cui Argo CD, Open Policy Agent e Submariner.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Così Red Hat porta automazione nell’hybrid cloud

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4