Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Akamai: le tecnologie premiate dagli analisti Gartner

pittogramma Zerouno

News

Akamai: le tecnologie premiate dagli analisti Gartner

Il vendor ha ricevuto i massimi punteggi nel rapporto Gartner 2019 relativo alle capacità critiche per i servizi Web Application Firewall su cloud, per la sicurezza delle API e le applicazioni business-critical su scala web, per il secondo anno di fila. Si è inoltre classificata al terzo posto su 12 fornitori nel caso di utilizzo per le applicazioni web per interazioni pubbliche

30 Dic 2019

di Redazione

Massimi punteggi per Akamai nel rapporto Gartner 2019 relativo alle capacità critiche per i servizi Web Application Firewall su cloud, per la sicurezza delle API e le applicazioni business-critical su scala web, per il secondo anno di fila. Si è inoltre classificata al terzo posto su 12 fornitori nel caso di utilizzo per le applicazioni web per interazioni pubbliche.

Nel rapporto relativo alle capacità critiche, associato al rapporto Gartner Magic Quadrant per i Web Application Firewall in cui Akamai è stata confermata leader per il terzo anno consecutivo, Gartner ha valutato la capacità di proteggere le applicazioni web e le API di 12 aziende di servizi Web Application Firewall (WAF) su cloud.

In questo rapporto, sono state valutate le seguenti funzionalità dei prodotti: sicurezza delle API, gestione dei bot, protezione dagli attacchi DDoS, architetture tecniche, gestione ed MSS, monitoraggio e reporting, scalabilità e presenza geografica, controlli basati su regole e firme, sicurezza positiva/rilevamento delle anomalie, programmabilità e scalabilità downward.

Nel rapporto viene sottolineato come “l’approccio del portfolio di servizi WAF basati su cloud è diventata l’opzione preferita per proteggere le app per interazioni pubbliche”.

Secondo il rapporto, “entro il 2023, oltre il 30% delle API e delle applicazioni web per interazioni pubbliche saranno protette dai servizi WAAP (Web Application and API Protection) su cloud, che forniscono una combinazione di protezione contro gli attacchi DDoS (Distributed Denial of Service), mitigazione dei bot, protezione delle API e soluzioni WAF. Si tratta di un incremento a partire da meno del 10%, come si attesta oggi”.

Un risultato chiave del rapporto indica che Gartner riscontra sempre più spesso che le aziende valutano le quattro funzionalità principali che definiscono un servizio WAAP (Web Application and API Protection) sul cloud: WAF, protezione dagli attacchi DDoS, gestione dei bot e protezione delle API.

“Akamai – ha affermato Alessandro Livrea, Country Manager Akamai Italia – ha perseguito una strategia di sicurezza su cloud basata sulle funzionalità critiche per la protezione dagli attacchi DDoS, la sicurezza delle applicazioni, la protezione delle API e la gestione dei bot come piattaforma edge integrata che fornisce protezioni scalabili e coerenti sull’infrastruttura multicloud che l’84%1 delle aziende stanno perseguendo oggi. Siamo lieti di constatare che il settore si sta muovendo verso un modello in cui le soluzioni per la sicurezza basata sul cloud saranno l’opzione architettonica prevalente e riteniamo che la capacità unica di Akamai di fornire queste protezioni integrate sull’edge sia un elemento di differenziazione univoco per noi”.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Akamai: le tecnologie premiate dagli analisti Gartner

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3