Industry 4.0, a che punto è la digital transformation post pandemia | ZeroUno

Industry 4.0, a che punto è la digital transformation post pandemia

pittogramma Zerouno

News

Industry 4.0, a che punto è la digital transformation post pandemia

Il 56% degli executive vorrebbe investire i fondi risparmiati durante il periodo Covid in progetti di digital transformation: è uno dei dati della recente ricerca pubblicata da ServiceNow

28 Mag 2021

di Redazione

Secondo la ricerca The Work Survey, resa nota da ServiceNow, l’85% delle aziende manifatturiere ha adottato rapidamente nuovi modi di lavorare, ma le sfide legate al lavoro da remoto e le normative rallentano l’innovazione. D’altra parte, il 56% degli executive vorrebbe investire i fondi risparmiati durante la pandemia in progetti di digital transformation.

Nello specifico, lo studio (commissionato da ServiceNow e svolto da Wakefield Research ha coinvolto 900 executive C-Level e 8.100 dipendenti professionisti di aziende con oltre 500 dipendenti nei seguenti Paesi: Australia, Francia, Germania, Giappone, India, Irlanda, Olanda, Nuova Zelanda, Singapore, UK e USA) ha approfondito l’impatto che la pandemia ha avuto sul mondo del lavoro e mostra come il 61% degli executive nel settore industriale ritenga che le diverse normative, anche a livello geografico, abbiano rappresentato una sfida durante la pandemia. Un ulteriore 54% ha affermato che la gestione di persone e processi che non possono operare da remoto rappresenta una barriera al progresso.

L’85% degli executive ha dichiarato che la situazione ha dato alle proprie aziende la possibilità di ripensare a come le attività vengono svolte e l’87% sostiene che la pandemia abbia permesso di sviluppare modi di lavorare nuovi e migliori.

Il cambiamento verso nuovi modelli è stato ampio, rapido e più veloce del previsto, secondo l’85% degli executive e l’87% dei dipendenti.

Nonostante i cambiamenti adottati finora c’è ancora molto lavoro da fare, per assicurare che le innovazioni siano a lungo termine. Il 61% degli intervistati ha infatti affermato che le proprie organizzazioni non hanno ancora un sistema completamente integrato per gestire i workflow digitali e il 94% ha confessato di utilizzare ancora molti workflow offline.

Nel settore manifatturiero, il lavoro da remoto rimane una preoccupazione. Il 53% del campione teme gli effetti che potrebbe avere sull’erogazione dei servizi o la consegna dei prodotti e il 52% una riduzione della collaborazione tra business unit. Nonostante questo, il 94% ha sperimentato dei benefici dalle pratiche di lavoro da remoto e il 48% un migliore equilibrio tra la vita lavorativa e quella privata.

Il 54% dei dipendenti è convinto che il ritorno alla normalità dopo la pandemia possa rappresentare una sfida ma il 59% dei lavoratori e il 53% degli executive pensa che mantenere i cambiamenti effettuati in questo periodo possa trasformarsi in una maggiore produttività.

“La digital transformation nel settore industriale – ha dichiarato Uwe Vieth, Senior Director di ServiceNow – ha avuto un’accelerazione significativa negli ultimi 12 mesi, ma c’è ancora molto da fare. La pandemia si è aggiunta alla già incerta situazione globale. I cambiamenti nella supply chain e quelli dovuti al lavoro da remoto hanno reso la resilienza operativa una prerogativa ancora più fondamentale. La digitalizzazione del lavoro sarà un fattore chiave per proteggersi dai rischi e rispondere alle esigenze dei clienti”.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 4