Integrazione di Oracle Cloud Infrastructure con ServiceNow | ZeroUno

Integrazione di Oracle Cloud Infrastructure con ServiceNow

pittogramma Zerouno

News

Integrazione di Oracle Cloud Infrastructure con ServiceNow

Il connubio tra le tecnologie permette agli utenti di utilizzare la loro piattaforma di gestione esistente per automatizzare, orchestrare e ottimizzare le risorse infrastrutturali

28 Apr 2021

di Redazione

ServiceNow ora supporta Oracle Cloud Infrastructure (OCI). Gli utenti aziendali possono cioè accedere e gestire le risorse OCI attraverso il loro portale ServiceNow Service e l’applicazione ServiceNow ITOM Visibility, che offre loro un’unica dashboard per la gestione delle loro risorse di cloud pubblico di Oracle e di altri fornitori cloud.

Oracle Cloud continua ad ampliare il proprio portafoglio cloud, che attualmente include 29 regioni Oracle Cloud, Oracle Government Cloud e sette regioni globali Oracle-Microsoft Azure Interconnect nonché il supporto più completo per le strategie di cloud ibrido. Molti clienti a livello internazionale hanno adottato ServiceNow per le soluzioni di IT Service Management e Procurement. Oggi, grazie a questa integrazione, sono in grado di rilevare e gestire le risorse OCI IaaS utilizzando la Now Platform come farebbero per altre risorse cloud.

Grazie all’integrazione dell’applicazione ITOM Visibility con OCI, ServiceNow e Oracle permettono ai clienti di valutare l’inventario e analizzare l’utilizzo delle risorse cloud all’interno della loro tenancy OCI. Tutte le risorse Oracle Cloud rilevabili vengono estratte e memorizzate all’interno del repository ServiceNow Configuration Management Database (CMDB), che può quindi essere utilizzato per monitorare la disponibilità di tali risorse per i servizi IT, le operation e la gestione del livello di supporto.

Inoltre, la combinazione dei contenuti CMDB con la soluzione AIOps di ServiceNow permette ai clienti di monitorare i carichi di lavoro implementati in OCI e fornire il contesto del servizio con la mappatura del servizio basata sui tag.

“I nostri clienti – ha affermato Scott Twaddle, vice president of product, industries and partnerships, Oracle Cloud Infrastructure – stanno migrando sempre più verso un ambiente multi-cloud e hanno bisogno di un modo semplice per gestire tutte le loro risorse cloud. Questo è un grande passo avanti per tutti i clienti che utilizzano Oracle, così come altri importanti fornitori di cloud, per eseguire le loro applicazioni più strategiche. Ora possono sfruttare il portale ServiceNow Service Management esistente per visualizzare e gestire tutte le loro risorse cloud, incluse quelle Oracle”.

“Grazie a questa integrazione, ServiceNow e Oracle consento livelli di produttività elevati per i team distribuiti al fine di fornire prodotti e servizi più rapidamente, accedere a importanti informazioni di business e creare esperienze eccellenti per i dipendenti, ovunque si trovino. I clienti comuni che sfruttano Now Platform e OCI godranno del meglio dei due mondi, un’esperienza eccellente che massimizza il valore degli investimenti cloud e la capacità di sfruttare la potenza dell’intelligenza artificiale per operazioni proattive” ha commentato Jeff Hausman, VP & GM Operations Management (ITOM, ITAM, Security) & Data Foundations di ServiceNow.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 4