Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Le start up Ict italiane rispondono alla chiamata dell’incubatore d’impresa di Trieste

pittogramma Zerouno

Le start up Ict italiane rispondono alla chiamata dell’incubatore d’impresa di Trieste

10 Mar 2017

di Redazione

Oltre 30 imprese hanno partecipato all’IFChallenge Ict, il bando promosso da Teorema Engineering e Innovation Factory: ai candidati ritenuti idonei sarà offerta l’opportunità di essere inseriti nei piani di accelerazione d’impresa di Tilt-Teorema Incubation Lab Trieste, il digital hub che ospita le start up attive nel mondo B2B in ambito Ict negli ambiti Realtà virtuale, Internet of things, Maker-bots, Big data e Business intelligence, Machine learning, Cognitive services, Home – Building automation, Digital marketing e App

Il primo compleanno di Tilt (Teorema Incubation Lab Trieste – l’ecosistema di competenze ed eccellenze sul territorio nato dalla collaborazione tra pubblico e privato) si è chiuso con un buon riconoscimento da parte di startup e imprenditori: sono infatti oltre 30 le startup che hanno deciso di concorrere a IFChallenge Ict, il bando appena concluso promosso da Teorema Engineering e Innovation Factory, l’incubatore certificato di Area Science Park. Nei prossimi giorni una selezione dei candidati si presenterà a una giuria composta da Teorema, Innovation Factory, Università degli Studi di Trieste e 2 giornalisti ai quali gli aspiranti potranno illustrare i propri progetti e le motivazioni che li hanno portati a candidare le loro soluzioni. Ai candidati ritenuti idonei sarà offerta l’opportunità di essere inseriti nei piani di accelerazione d’impresa di Tilt.

In linea con la propria natura di fucina di idee, Tilt (il cui obiettivo sono startup costituite, nuovi imprenditori o team impegnati a realizzare soluzioni innovative per il mondo B2B in ambito Ict negli ambiti Realtà virtuale, Internet of things, Maker-bots, Big data e Business intelligence, Machine learning, Cognitive services, Home – Building automation, Digital marketing e App) in questa occasione innova anche la modalità di lavoro per le realtà che entreranno; ossia, creerà un gemellaggio tra startup e imprese che operano nel stesso settore con l’obiettivo di consolidarne le competenze e accelerare il go to market delle idee promosse dai nuovi imprenditori inseriti in Tilt.

Nel mese di maggio a Trieste saranno presentate le nuove startup inserite in Tilt in un evento che lancerà anche una nuova iniziativa rivolta agli imprenditori e alle aziende che vogliono promuovere innovazione e sviluppo attraverso un’integrazione attiva con il mondo delle startup.

“Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto da questa call di Tilt – ha dichiarato Michele Balbi, presidente di Teorema – abbiamo, infatti, selezionato per i pitch un numero importante di soluzioni che rispondono ai criteri di selezione del bando. Mettere a contatto aziende consolidate con startup innovative può garantire la concretezza del progetti Tilt; il nostro obiettivo è, infatti, creare imprese e imprenditori, aziende che possano davvero realizzare prodotti di successo e svilupparsi grazie alla vendita delle loro soluzioni e non alla continua ricerca di finanziamenti e sussidi. In questa operazione, la collaborazione con Area Science Park ci permette di dare concretezza e un’immediata risposta alle necessità delle startup”.

“Tilt – ha continuato Stefano Casaleggi, direttore generale di Area Science Park – ha dimostrato di essere un interessante elemento di integrazione tra territorio e innovazione. Il nostro incubatore, Innovation Factory, sta lavorando attivamente con Teorema e gli altri partner del progetto per consolidare una rete che possa supportare lo sviluppo di nuove imprese e generare, a lungo termine, ricadute occupazionali. Le competenze tecnologiche di Teorema unite alla capacità di Innovation Factory di creare un forte link tra startup e territorio sono gli elementi chiave per il successo di una nuova generazione di imprenditori”.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Articolo 1 di 4