Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Come creare assicurazioni personalizzate basate sull’analisi dei comportamenti di guida

pittogramma Zerouno

Digital360 Awards 2017

Come creare assicurazioni personalizzate basate sull’analisi dei comportamenti di guida

27 Set 2017

di Valentina Bucci

La soluzione per connected car, grazie alla quale Air ha vinto il Premio Categoria Tecnologica IoT/Big data analytics dei Digital360 Awards 2017, consente di personalizzare l’assicurazione auto fidelizzando così il cliente che acquista solo i servizi assicurativi necessari

Ad oggi, il mercato delle assicurazioni per l’automotive è caratterizzato da una retention molto limitata; tra i motivi per cui i clienti non sono fidelizzati i bassi margini di personalizzazione delle polizze proposte che non consentono agli stessi di trovare una soluzione adeguata alle proprie esigenze e li costringono ad acquistare servizi di insurance annuali anche quando non ne avrebbero necessità.

La soluzione: un’assicurazione personalizzata

Air è un’azienda che si definisce un “digital ecosystem orchestrator” in grado, attraverso le sue tecnologie, di collezionare informazioni altamente dettagliate sui propri clienti automobilisti (es. quantità di chilometri percorsi, rispetto dei limiti di velocità, modalità di guida adeguate o meno a determinati contesti) e, grazie allo sviluppo di algoritmi proprietari, di creare prodotti assicurativi per l’automotive altamente customizzati (figura 1]): la modalità “pay-how-you-drive” consente di pagare un canone mensile fisso, più una quota variabile calcolata sulla base dei chilometri percorsi; ogni cliente riceve sconti ed incentivi pensati ad hoc rispetto alle sue esigenze e peculiarità; diventa possibile regolare la durata dei servizi e dunque, per esempio, “comprare delle assicurazioni kasko solamente per 3 giorni o usufruire di un servizio che copre l’intervento di un carro attrezzi solo per uno o due mesi, liberadosi dai tradizionali vincoli annuali”, spiega Igor Valandro, Ceo di Air che definisce la soluzione dedicata al mondo automotive, e grazie alla quale ha vinto il Premio Categoria Tecnologica  IoT/Big data analytics dei Digital360 Awards 2017 come “una piattaforma abilitante nuovi prodotti assicurativi e nuovi servizi che permette di creare modelli di business innovativi legati alla mobilità del cliente”; Valandro parla di “nuovi servizi”, oltre a quelli legati al mondo insurance, perché la raccolta e l’elaborazione dei dati consente di offrire agli automobilisti altre possibilità; alcuni esempi:

  • Servizi per la protezione dell’auto: consentono di combattere i furti controllando che l’auto sia sempre raggiungibile (in caso di eventi particolarmente sospetti, la centrale operativa contatta l’utente e lo aiuta a coordinarsi con le forze dell’ordine), oppure avvisano in caso di spostamento inaspettato e sospetto del veicolo (un allarme virtuale, quando attivo, oppure in base alle abitudini settimanali del guidatore, invia una notifica se l’auto viene spostata).
  • Servizi per tenere traccia dei propri spostamenti: consentono di monitorare  lo stato di salute della propria auto e, usando la localizzazione GPS, conoscere durata dei viaggi, distanze percorse, consumi.
  • Servizi di assistenza e supporto: aiutano l’utente nella quotidianità (per esempio tenendo traccia delle trasferte lavorative per il calcolo del rimborso spese chilometrico) e nella gestione di casi eccezionali (per esempio ricevendo soccorso da una centrale operativa in caso di sinistro o furto, eventi che i sistemi di rilevamento riescono a riconoscere) attraverso un’assistenza 24/7.
Air – Martina Bazzano, premio di categoria Internet of Things, Big Data Analytics

Sul piano tecnologico la piattaforma si fonda su algoritmi proprietari, creati in collaborazione col Politecnico di Bologna e la Skema University di Valbonne, e sul dongle installato sul veicolo che consente la raccolta delle informazioni relative alla modalità di guida dell’utente. Abbinata a questa piattaforma anche un’altra, white-label, che fornisce il servizio appena descritto di centrale operativa per la gestione di tutti gli eventi di crash e furto.

I vantaggi della piattaforma per connected car

I benefici fondamentali per gli utenti automobilisti sono:

Per le assicurazioni partner di Air tra i vantaggi ricordiamo invece il miglioramento della propria value proposition grazie alla customizzazione dei servizi e la possibilità di tutelarsi: un algoritmo per il crash aiuta le compagnie assicurative a prevenire frodi e perizie approssimative. I dati e i servizi proposti possono anche portare valore in svariati modi a captive automotive, carmakers, cardealers, fleet managers (in sintesi, è chi si occupa della gestione di veicoli per conto terzi) e a chiunque altro ruoti attorno al business dell’automotive. Fit2You, broker assicurativo, è per esempio uno dei partner Air che sta sfruttando i vantaggi offerti dalla soluzione.

Valandro parla anche di Air, più in generale, come di un abilitatore dei modelli di business legati alla data monetization, e fa un esempio in ambito advertising: “Se ho un sistema in grado di rilevare che il cliente è in mezzo al traffico ed è in riserva posso inviargli una notifica per suggerirgli di fare benzina e andare a bere un caffè, magari offerto, in un Autogrill lì vicino”, dice il Ceo; l’esempio di Autogrill è ovviamente rappresentativo dei tanti esercizi commerciali che potrebbero così, in modo intelligente perchè contestualizzato, attrarre clienti nei propri spazi.

Elementi innovativi distintivi della soluzione                    

Il principale elemento originalità della soluzione è proprio legato alle possibilità di personalizzazione che vengono abilitate in ambito insurance: Air segnala che da questo punto di vista non esistono infatti competitor in Italia: “Siamo gli unici a offrire questo genere di servizio”, dicono gli esperti dell’azienda.

 

Presentato da Air

Per ulteriori informazioni visita la pagina del progetto sul sito dedicato ai Digital360 Awards 2017

Valentina Bucci
Giornalista

Giornalista pubblicista, per ZeroUno scrive dei cambiamenti che la digitalizzazione sta imponendo alle imprese sul piano tecnologico, organizzativo, culturale e segue in particolare i temi: Sicurezza Informatica, Smart Working, Collaboration, Big data, Iot. Master in Giornalismo e comunicazione istituzionale della scienza (Università di Ferrara), laurea specialistica in Culture Moderne Comparate (Università di Bergamo).

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
Analytical Platform
W
Web Analytics

Articolo 1 di 4