Quali gli effetti della pandemia? I dati della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi e Unioncamere Lombardia | ZeroUno

Quali gli effetti della pandemia? I dati della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi e Unioncamere Lombardia

pittogramma Zerouno

News

Quali gli effetti della pandemia? I dati della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi e Unioncamere Lombardia

Tra le difficoltà segnalate emerge che con la ripresa della domanda mondiale si fa fatica nel reperimento dei materiali e si son verificati significativi rincari delle materie prime e semilavorati

18 Giu 2021

di Redazione

Sulla base di una serie di interviste svolte nella prima metà di aprile, la Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi e Unioncamere Lombardia hanno indagato le conseguenze della pandemia e le strategie di reazione adottate dalle imprese nell’ambito delle attività trimestrali di monitoraggio del manifatturiero, a distanza di un anno dall’inizio dell’emergenza sanitaria.

Nel manifatturiero le criticità prevalenti sono legate a problemi con i clienti e gli ordinativi, problema segnalato dal 32,4% delle imprese industriali di Milano, il 28,6% di Monza Brianza, il 25% di Lodi. A Lodi il dato più importante sono i problemi di approvvigionamento/organizzazione col 29,5%, che per Milano e Monza Brianza sono rispettivamente 22,8% e 26,4%.

Con la ripresa della domanda mondiale stanno inoltre emergendo anche difficoltà di reperimento dei materiali e significativi rincari delle materie prime e semilavorati. Dalle dichiarazioni degli imprenditori emerge una situazione difficile anche se in lento miglioramento la percentuale che dichiara di non avere alcun problema è abbastanza elevata (16,2% per Milano, 14,3% per Monza e Brianza, ancora più alta con 22,7% per Lodi. Le imprese che dichiarano di aver subito perdite difficilmente recuperabili sono 10,1% per Milano, 14,3% per Monza Brianza, 9,1% per Lodi.

D’altra parte, le imprese in questo periodo di difficoltà hanno fatto largo impiego degli ammortizzatori sociali: il 37,3% per Milano, il 29,3% per Monza Brianza, il 27,3% per Lodi dichiara di aver utilizzato recentemente la Cassa Integrazione.

Questo strumento ha permesso di limitare il ricorso a provvedimenti con impatti maggiormente negativi sull’occupazione come la riduzione dell’organico e il mancato rinnovo dei contratti in scadenza. Nell’industria il 26,3% delle imprese di Milano, il 32,1% di Monza Brianza, il 36,4% a Lodi ha dichiarato di non aver avuto ripercussioni o di avere aumentato l’organico, con imprese in espansione (22,8% a Milano, 20% a Monza Brianza, 18,2% a Lodi).

Interessanti i dati sullo smart working: oltre la metà delle imprese lo ha adottato durante la pandemia nell’industria (62,1% a Milano, 59% a Monza Brianza e 55% a Lodi). Non tutte le imprese sembrano comunque intenzionate a rendere strutturale questa modalità di lavoro: non lo sono il 52% a Milano, il 64,6% a Monza Brianza, il 54,2% a Lodi.

Per Unioncamere Lombardia, anche a livello regionale, nel manifatturiero, le criticità prevalenti sono legate a problemi con i clienti e gli ordinativi, problema segnalato dal 32% delle imprese industriali mentre acquistano rilevanza le questioni organizzative e l’approvvigionamento, per il 24%. Dichiarano comunque di avere risolto i problemi il 17% mentre le perdite sono difficilmente recuperabili per il 10%. Per l’occupazione, il 23% delle imprese è in espansione. Per quanto riguarda lo smart working, il 57% lo ha adottato durante la pandemia e circa un terzo intende mantenerlo.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 4