Sicurezza IoT, focus sulla start up trentina Security Embedded

pittogramma Zerouno

News

Sicurezza IoT, focus sulla start up trentina Security Embedded

Finanziato dal network di innovazione digitale dell’Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia EIT Digital, al progetto hanno partecipato l’Università di Trento, la Fondazione HIT, Atos e Santer Reply

05 Mag 2022

di Redazione

Security Embedded è la nuova startup tecnologica nell’ecosistema della ricerca e dell’innovazione trentina. La sua missione è mettere in condizione l’industria intelligente (quella dove vengono impiegati robot, automazione e tecnologie digitali) di proteggersi da attacchi informatici e conservare con sicurezza dati e memoria. Un obiettivo sempre più importante, oggi che le imprese sono sempre più automatizzate, digitali e interconnesse, e che guardano all’utilizzo dei dati come uno degli asset strategici per il proprio sviluppo.
Un percorso, quello di un’idea diventata tecnologia e poi startup, reso possibile grazie al supporto messo a disposizione dalla Fondazione Hub Innovazione Trentino nell’ambito del progetto europeo MCU Fortifier. Finanziato dal network di innovazione in ambito digitale dell’Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia EIT Digital, al progetto hanno partecipato l’Università di Trento (in qualità di coordinatore), la Fondazione HIT, l’impresa globale Atos e la società di consulenza e servizi digitali Santer Reply.

Tra le attività principali di Security Embedded c’è lo sviluppo e la commercializzazione di soluzioni software che includono tecniche e algoritmi per implementare la protezione della memoria RAM in dispositivi che non hanno alcun meccanismo integrato di difesa.

Michele Grisafi e Luca Degani, dottorandi del Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell’Informazione dell’Università di Trento, sono gli ideatori di questo progetto, un’impresa innovativa che nasce da una collaborazione aperta, nell’ambito di un progetto europeo competitivo vinto dal sistema trentino e grazie alla supervisione scientifica del prof. Bruno Crispo.

«La nostra idea di impresa – spiega Michele Grisafi, amministratore delegato di Security Embedded – nasce per valorizzare una tecnologia in grado di impattare molto sulle realtà aziendali odierne, aiutandole nella protezione dei dati e dei processi aziendali. Il nostro obiettivo è far approdare la cybersecurity anche laddove essa viene di norma trascurata, e l’industria digitale 4.0 ci sembra un buon punto di partenza. Siamo entusiasti di portare un prodotto da noi ideato in un mercato vivo, e vedere messi in pratica i frutti della nostra ricerca».

La tecnologia è stata sviluppata interamente presso il Dipartimento dell’Università di Trento e testata dai partner tecnici Atos e Santer Reply.

Come afferma Prof. Bruno Crispo «È stata colta l’opportunità del progetto per partire da un’idea scientificamente rilevante, riconosciuta tale anche dalle istituzioni europee e arrivare al lancio di uno spin-off universitario fondato da personale dell’Ateneo e da dottorandi per valorizzare in senso commerciale i risultati della nostra attività di ricerca».

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 5