Bumblebee, ecco come funziona questo malware

pittogramma Zerouno

News

Bumblebee, ecco come funziona questo malware

Il nuovo malware è stato identificato da Proofpoint, un virus utilizzato dagli stessi cybercriminali che prima puntavano su BazaLoader e IcedID

10 Mag 2022

di Redazione

Proofpoint ha osservato campagne che distribuiscono un nuovo downloader chiamato Bumblebee, rilevando almeno tre cluster di attività che includono noti gruppi di cybercrime. In particolare, a partire da marzo di quest’anno è stato rilevato questo downloader sofisticato che contiene controlli anti-virtualizzazione e un’implementazione unica di capacità comuni di downloader, nonostante ci si trovi ancora in uno stato iniziale di sviluppo del malware.

Obiettivo di Bumblebee è quello di scaricare ed eseguire ulteriori payload pericolosi. I ricercatori di Proofpoint hanno osservato che Bumblebee è in grado di distribuire Cobalt Strike, shellcode, Sliver e Meterpreter. Il nome del malware deriva dall’unico User-Agent “bumblebee” utilizzato nelle prime campagne.

L’avvento di Bumblebee coincide con l’apparente scomparsa di BazaLoader, un popolare payload che facilita compromessi successivi, non più rilevato da Proofpoint dallo scorso febbraio. Diversi attori di minacce che tipicamente usavano BazaLoader nelle loro campagne sono passati a Bumblebee.

I ricercatori Proofpoint hanno osservato che Bumblebee viene distribuito in campagne e-mail da almeno tre attori di minacce noti, che utilizzano tecniche diverse. Generalmente esche, tecniche di consegna e nomi dei file utilizzati sono personalizzati dai diversi cybercriminali, ma Proofpoint ha osservato diversi punti in comune tra le campagne, come l’uso di file ISO contenenti file di collegamento e DLL e un punto di ingresso DLL comune utilizzato da più attori nella stessa settimana.

Secondo Sherrod DeGrippo, Vice President, Threat Research and Detection di Proofpoint: “L’introduzione del loader Bumblebee nel panorama delle minacce crimeware e la sua apparente sostituzione di BazaLoader dimostrano la flessibilità dei cybecriminali nel cambiare rapidamente il loro modo di operare adottando minacce informatiche sempre nuove. Inoltre, il malware è abbastanza sofisticato e dimostra di essere in continuo sviluppo, mostrando nuovi metodi per eludere il rilevamento.”

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 4