Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Blindata, GDPR come opportunità per migliorare il Roi del data management

pittogramma Zerouno

Digital360 Awards 2018

Blindata, GDPR come opportunità per migliorare il Roi del data management

L’azienda ha presentato una piattaforma collaborativa che mappa e monitora nel dettaglio tutto il processo di gestione dei dati, con un occhio di riguardo alla conformità al GDPR. La soluzione è adottata da Cerved Group

11 Ott 2018

di Redazione

Il GDPR, il Regolamento Europeo sulla Data Protection è ormai pienamente applicabile: la norma impone un ridisegno profondo dei processi di data management delle aziende, ma secondo Blindata, non ci si può limitare a un approccio legale, prescrittivo e documentale a questo tema.

Blindata.io (progetto finalista ai Digital 360 Awards 2018 nella Categoria Tecnologica Soluzioni infrastrutturali) si pone infatti l’obiettivo di aiutare le aziende a trasformare il GDPR da incombenza a opportunità per migliorare il Roi dei propri processi di data management e data governance, offrendo una piattaforma collaborativa che riesca a mappare nel dettaglio e a entrare nel merito dei dati, degli asset IT, dei processi ETL, dei DB eccetera, e poi generare in automatico tutta la documentazione necessaria, monitorando la scadenza dei consensi.

Dal punto di vista tecnologico, Blindata.io è, in sintesi, una applicazione completamente API based, disponibile sia in modalità Saas che on-premise e può essere integrata nei sistemi aziendali più critici (Cbms, Active directory, e-commerce eccetera). Utilizzabile con Docker e Kubernetes, è una soluzione modulare e scalabile a seconda delle necessità e dei volumi di dati gestiti. La notarizzazione dei consensi avviene tramite hashing interno alla piattaforma e attraverso il protocollo open time stamps basata sulla tecnologia blockchain di Bitcoin o Ethereum. Infine, la tecnologia a grafo permette di ottenere da una base informativa unica tutti gli insight su conseguenze di data breach, impatti di richieste di data portability o di oblio, scadenza dei consensi eccetera.

La sfida principale, tuttora in corso, è quella di riuscire a trasformare in un software un insieme di prescrizioni e normative generali, ingegnerizzandone lo spirito e mantenendo un approccio pragmatico. Un elemento importante è stato poter partire da zero, sfruttando framework consolidati per lo sviluppo di applicazioni e di deployment in ambienti cloud come Google Cloud Platform.

Il team di data engineer e data legal di Blindata, inoltre, è a disposizione per analizzare i processi di data management, identificare e quantificare le aree di rischio, proporre e realizzare interventi tecnologici mirati, oltre, naturalmente a supporta la configurazione e l’implementazione della tecnologia dell’azienda stessa.

Testimonial di eccellenza della soluzione è Cerved Group. La data company si pone quotidianamente la sfida di gestire dati complessi, provenienti da diverse sorgenti e che hanno subìto molteplici trasformazioni: con Blindata i vari processi sono mappati in modo organico e la compliance rispetto alla normativa è costantemente monitorata.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
Api
B
Bitcoin
Digital360 Awards
G
GDPR
Blindata, GDPR come opportunità per migliorare il Roi del data management

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4