Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Synergy: la ricetta Hpe per l’It liquido

pittogramma Zerouno

Synergy: la ricetta Hpe per l’It liquido

Arriverà sul mercato entro la fine del 2016 l’infrastruttura componibile e programmabile come un codice di Hpe, che alza ulteriormente l’asticella della trasformazione It.

24 Ott 2016

di Nicoletta Boldrini

“Sta per partire una nuova rivoluzione che trasformerà completamente le nostre vite grazie all’accelerazione di tre forze che stanno sempre più convergendo:

  1. l’incredibile mole di dati che già oggi è resa disponibile dalla trasformazione digitale e che subirà un’ulteriore crescita con l’IoT;
  2. la disponibilità di software per l’analisi sempre più sofisticata dei dati, soprattutto in real-time su dati destrutturati;
  3. l’accesso per tutti a risorse computazionali con modelli di cloud pubblico che abbattono le barriere dei costi”.
    È così che parla al pubblico presente all’evento italiano di lancio di Hpe Synergy, Stefano Venturi, Corporate Vp e Amministratore Delegato di Hewlett Packard Enterprise in Italia. “Ci sono una miniera (i dati) e una forza escavatrice (la capacità elaborativa) ma a fare la differenza sui mercati globali saranno coloro che riusciranno ad interpretare in modo corretto e prima degli altri i dati estratti”.
Stefano Venturi, Corporate Vp e Amministratore Delegato di Hewlett Packard Enterprise in Italia

Cosa possono fare allora le aziende per prepararsi ‘all’impatto’ di queste forze? “Modernizzare le infrastrutture e le architetture verso sistemi più flessibili, attuando modelli ibridi dove l’It interno si intreccia con ambienti di cloud pubblici”, suggerisce Venturi. È in questa direzione che va la nuova infrastruttura Synergy di Hpe annunciata lo scorso anno e disponibile sul mercato entro la fine del 2016.

L’It ibrido si fa con risorse "fluide" e componibili

“Il futuro appartiene ai più veloci”, interviene Fabio Tognon, Country Manager Divisione Server Hpe Italia, facendo eco alle parole dell’Ad, “ed è la velocità la caratteristica principale dei sistemi componibili, che rappresentano una nuova categoria completamente differente dalle infrastrutture It precedenti”.
Ciò che fa la differenza, spiega Tognon, è il fatto che i pool di risorse che solitamente compongono una infrastruttura (capacità di elaborazione, storage e network) “diventano così granulari da poter essere gestite in modo indifferenziato e ‘componibili’ a piacimento, indipendentemente da dove risiedano ed anche se l’hardware è in realtà un sistema ‘fisico’ collocato all’interno del data center aziendale”.

Fabio Tognon, Country Manager Divisione Server Hpe Italia

È così, nella visione di Hpe, che ci si avvicina sempre più al concetto di It liquido dove “la complessità di gestione dei sistemi non viene superata con strati di software (come avviene per esempio per i sistemi iperconvergenti) ma praticamente eliminata dal fatto che ad essere gestite sono le singole risorse (aggregate e disaggregate da un unico punto di controllo, Hpe OneView, in funzione del singolo workload)”, spiega ancora Tognon. “Il software non è più l’elemento con cui governare la complessità hardware ma la ‘cabina di regia’ con cui spostare, aggregare o disaccoppiare le risorse (l’hardware è neutro); non servono più nemmeno pacchetti di Api per integrare il tutto, anche con le risorse cloud esterne. Synergy ha una sua ‘unified Api’ che permette di ‘programmare’ l’infrastruttura dialogando con altre piattaforme di gestione (VMware, Microsoft, Chef, OpenStack, Docker, ecc.), riducendo ad una semplice riga di codice la configurazione delle risorse necessarie per supportare le applicazioni ed i servizi digitali di business”.

Advertisement

Nicoletta Boldrini

Direttore responsabile di ZeroUno

Direttore di ZeroUno e del portale AI4Business dedicato all'intelligenza artificiale, seguo da molti anni le novità e gli impatti dell'Information Technology e, più recentemente, delle tecnologie esponenziali sulle aziende e sul loro modo di "fare business", nonché sulle persone e la società. Il mio motto: sempre in marcia a caccia di innovazione #Hunting4Innovation

Synergy: la ricetta Hpe per l’It liquido

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4