Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Il Datacenter di Huawei: modularità ed efficienza

pittogramma Zerouno

Il Datacenter di Huawei: modularità ed efficienza

In un’economia sempre più basata sulle applicazioni, anche la progettazione e l’infrastruttura di base dei data center sono cruciali. A Francoforte, Huawei presenta la propria visione e nuovi prodotti Ups, cabinet e container.

21 Lug 2016

di Riccardo Cervelli

FRANCOFORTE – Come il boom dell’urbanizzazione ha costretto l’industria edile a rivoluzionare il modo di costruire gli edifici, così la digital transformation, il cloud, i big data e l’internet delle cose stanno modificando i criteri con cui progettare e realizzare i data center.

Fang Liangzhou, Network Vice President Huawei Energy Product Line

Entra con passo deciso nel settore del design delle facility dei data center e delle relative tecnologie (armadi, rack, Ups e sistemi di raffreddamento) il colosso cinese Huawei. “Negli anni passati – premette Fang Liangzhou, Network Vice President Huawei Energy Product Line, durante un incontro con la stampa a margine dell’evento Leader the way in data center devolution, organizzato alla fine di giugno a Francoforte – eravamo solo un’azienda di Communications Technology, il che significava soprattutto telefonia. Recentemente siamo diventati un vendor di Ict, sfruttando il nostro patrimonio di esperienza maturato nel settore delle infrastrutture e delle tecnologie per la comunicazione”.

Un passo plausibile in un’era, quella del cloud, in cui le tecnologie di computing, storage, networking e sicurezza dell’It e della Ct stanno convergendo sotto tutti i punti di vista: dalle applicazioni al software, all’hardware infrastrutturale. Già nel recente passato Huawei ha enfatizzato il proprio impegno per essere un fornitore Ict a tutto tondo con il lancio di prodotti It quali sistemi di storage flash-based, hyperconverged system, server, switch, router e appliance di security.

Sanjay Sainani, Vp It e Data Center Solutions di Huawei Middle East

Nelle scorse settimane, con l’evento svoltosi nella capitale bancaria d’Europa, il marchio di Shenzhen (Cina) ha impresso un’accelerazione anche nella corsa sul mercato “facility” con il lancio di due nuovi Ups modulari ad alta densità e efficienza (quindi più“green”), due cabinet preintegrati e un nuovo container per data center. I due nuovi gruppi di continuità sono l’Ups5000-S (una soluzione con moduli fino a 50 kVa da 3U) e l’Ups5000-E Battery Integrated solution (destinato piccoli e medi data center, scalabile fino a 75 kVa con N+1 moduli e con batterie integrate). Ids800 e Ids500, invece, sono rispettivamente un piccolo e un micro modulo “intelligente” che include tutto quello che è necessario per costruire velocemente un data center in un ambiente interno senza dover progettare, installare e testare le tecnologie di alimentazione, Ups, e raffreddamento necessarie. Ids1000, infine, è un nuovo container, anch’esso completamente preingegnerizzato, “destinato – spiega Sanjay Sainani, Vp It e Data Center Solutions di Huawei Middle East, intervistato in esclusiva da ZeroUno – ad aziende che devono dotarsi di un data center ma non hanno spazio all’interno della sede. Il container può essere piazzato ovunque all’esterno dell’azienda, anche in un parcheggio, e costituire una soluzione temporanea o definitiva”.

Riccardo Cervelli

Giornalista

Nato nel 1960, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Il Datacenter di Huawei: modularità ed efficienza

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4