Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Accelerare i progetti DevOps con l’as a service

pittogramma Zerouno

Tech InDepth

Accelerare i progetti DevOps con l’as a service

21 Feb 2018

di Giorgio Fusari

Senza un’infrastruttura DevOps completamente operativa, non si ottengono apprezzabili vantaggi in termini d’innovazione applicativa ed efficienza del business: ma costruire on-premise un’infrastruttura funzionale richiede tempo, studio e risorse. Ecco perché i servizi gestiti di DevOps possono rappresentare in quest’area un’alternativa interessante

Applicare la modalità ‘as-a-service’ anche al modello di sviluppo software DevOps può rappresentare una strada decisiva per velocizzare in maniera sostanziale le iniziative in questo spazio dell’IT e abbattere gli ostacoli che ancora frenano l’instaurazione di efficienti processi d’integrazione continua e rilascio continuo del codice (CI/CD) all’interno dell’intera organizzazione aziendale. In effetti, proprio l’infrastruttura DevOps, o meglio la sua creazione e gestione, rischia di trasformarsi nel collo di bottiglia capace di rallentare l’adozione di questo stesso paradigma di sviluppo: e il perché DevOps as-a-service possa essere in grado di ovviare a questo problema sta già nella sua definizione. Si tratta di un modello di fornitura dei tool software per facilitare la collaborazione tra team di sviluppo e team delle IT operation, in cui è un provider di servizi a collezionare, integrare e far operare assieme i vari strumenti che servono a compiere il ciclo DevOps nella sua interezza. Si tratta dunque di servizi gestiti di infrastruttura DevOps, che costituiscono un approccio alternativo alla complessità di gestione del modello ‘best-of-breed’ on-premise, in cui sono i team DevOps ad occuparsi direttamente del reperimento e dell’integrazione delle catene di tool necessari per svolgere tutto il processo.

Una complessità che diventa sempre più difficile da sostenere. Il 2018, ha predetto Forrester, sarà l’anno dell’ ‘enterprise DevOps’: i dati della società di ricerche confermano che il 50% delle organizzazioni sta implementando il modello DevOps: ma le domande e discussioni degli utenti non riguardano più tanto il significato del termine, quanto le modalità d’implementazione di DevOps su larga scala.

Ora i reparti I&O (infrastructure & operation) devono comprendere come realizzare strategie di successo, nel clima di crescente pressione verso la fornitura accelerata di applicazioni e servizi, senza dover aggiungere ulteriori risorse e personale. Per preparare la propria organizzazione a passare dagli esperimenti pilota e ‘proof of concept’ all’enterprise DevOps, avverte Forrester, il reparto I&O deve focalizzarsi su alcune aree chiave, e una di queste è l’automazione. I ‘silos’ di automazione sono stati, e per molte organizzazioni continuano a esserlo, una barriera al successo. Essere in grado di trasferire l’automazione a livello end-to-end nell’intero ciclo di vita dello sviluppo software DevOps, è fondamentale per il successo di queste strategie, sottolinea Forrester, specialmente quando esse vengono declinate su larga scala.

Eliminare la complessità dell’infrastruttura DevOps

La diffusione della filosofia e metodologia Agile/DevOps risiede nella sua capacità di fondere, e far cooperare in maniera sistematica ed efficiente tra loro, team di sviluppo software e IT operation, attraverso un ambiente comune, in cui si concentrano competenze ed esperienze per usare strumenti software che permettono di automatizzare le attività CI/CD. Spesso però la realtà è che i team di lavoro sono costretti a padroneggiare un ampio numero di differenti strumenti DevOps, basati su diverse tecnologie. Come già abbiamo avuto modo di documentare, il mercato dei tool risulta ancora frammentato, e in vari casi gli sviluppatori devono eseguire integrazioni ad hoc dei toolset, per riuscire a coprire tutte le funzionalità richieste per gestire in modo completo il ciclo di sviluppo CI/CD. Senza poi considerare che questi tool si evolvono in modo molto rapido e dinamico, a livello sia tecnologico sia di funzionalità: si pensi solo ai container o ai microservizi, e restare sempre aggiornati su tutto non è facile. Oltre alla necessità d’indirizzare il cambiamento culturale e di creare all’interno dell’impresa le metodologie pratiche d’implementazione di DevOps (a seconda dei casi formando le risorse esistenti, assumendo profili esperti nel settore, o avvalendosi di consulenti), la costruzione e amministrazione dell’infrastruttura DevOps è un punto molto dolente che preoccupa i CIO, specie in quelle imprese che di questo modello non fanno il proprio core business.

Servizi gestiti DevOps: quali sono i benefici

Di fronte a tutta questa complessità occorre dunque chiedersi se sia proprio il caso di costruire e mantenere l’infrastruttura DevOps internamente, oppure se forse sia meglio esternalizzarla, avendo la consapevolezza che, nel primo caso, non sarà possibile ottenere risultati di business tangibili fino a che l’infrastruttura DevOps non sarà completamente operativa, lungo l’intero ciclo di sviluppo CI/CD. Scegliendo un servizio DevOps gestito, il vantaggio chiave ottenibile è che ci si potrà concentrare sullo sviluppo dell’applicazione, e che tutta la creazione dell’infrastruttura e la gestione operativa degli strumenti DevOps sarà a carico del provider di servizi DevOps. Sarà quindi quest’ultimo ad amministrare le attività di installazione, aggiornamento, configurazione degli stack di tool; il backup e restore di database e dati; il controllo delle prestazioni; la verifica dei requisiti di conformità con i principi di sicurezza. Sempre il provider di servizi DevOps dovrà occuparsi, in prima persona o tramite il supporto di altri provider, ad esempio AWS (Amazon Web Services) o GCP (Google Cloud Platform), anche della gestione operativa di tutta l’infrastruttura IT sottostante, quindi dell’amministrazione delle risorse di elaborazione, storage e networking di volta in volta richieste per il completamento del processo. In aggiunta, diversi provider possono anche fornire servizi di consulenza, indirizzati ad affrontare i cambiamenti culturali e nei processi di lavoro che l’adozione della filosofia DevOps comporta.

Giorgio Fusari
Giornalista

Nel settore giornalistico dal 1989, Giorgio Fusari negli anni ha collaborato per numerose pubblicazioni nel panorama tecnologico e ICT italiano, tra cui la rivista NetworkWorld Italia (gruppo IDG); il settimanale di tecnologia @alfa, del quotidiano Il Sole 24 Ore, la testata Linea EDP. Dal 2012 collabora con il gruppo Digital360 e in particolare con ZeroUno. Tra le aree di maggior specializzazione di Giorgio, il crescente universo dei servizi cloud, il networking, le tecnologie di cybersecurity.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 4