Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Red Hat Enterprise Linux al cuore del private cloud di Esa

pittogramma Zerouno

Red Hat Enterprise Linux al cuore del private cloud di Esa

01 Mar 2015

di Redazione

La European Space Agency ha sviluppato un’infrastruttura private cloud on-premise che offre servizi It agli utenti interni, sfruttando anche la piattaforma Red Hat personalizzata per il progetto specifico

La European Space Agency (Esa) ha messo a punto un’infrastruttura private cloud on-premise per servire i propri utenti interni dislocati in tutto il continente, con applicazioni specifiche e relativi dati che necessitano di una disponibilità always-on.

L'infrastruttura denominata Esa Cloud, basata su sistemi VCE, con architettura blade x86, viene gestita interamente da Orange Business Services. Red Hat Enterprise Linux è stata scelta quale una delle piattaforme supportate nel nuovo cloud dell'Agenzia.

Le soluzioni supportate all'interno della nuvola Esa riguardano lo sviluppo software e test, gli ambienti per la rielaborazione di dati del satellite, i sistemi di document management, i servizi It più tradizionali utilizzati da diversi team nelle loro attività quotidiane.

Il team dell'Agenzia ha lavorato a stretto contatto con Red Hat Consulting nel corso dell’implementazione e della personalizzazione del sistema operativo Red Hat per il progetto specifico al fine di garantire il soddisfacimento di tutti i requisiti. Questa fase è stata particolarmente importante perché le esigenze differivano enormemente rispetto a quelle di qualunque altra organizzazione commerciale e spesso gli scenari che si presentavano in fase di progettazione erano del tutto inediti.

Complessi ambienti virtuali possono oggi essere resi disponibili in pochi minuti direttamente da parte degli utenti finali, in contrapposizione ai mesi richiesti in precedenza, assicurando reale agilità e consentendo a Esa di raggiungere, in tempi più brevi, i suoi obiettivi scientifici e di business.

Inoltre, la creazione di una nuova infrastruttura – moderna, altamente virtuale e basata su standard aperti – e l’implementazione di Esa Cloud hanno consentito una gestione più semplice ed efficace di tutti i servizi. Il team It interno può oggi monitorare in tempo reale le risorse di calcolo impiegate dagli utenti, permettendo l’ottimizzazione della capacità disponibili e semplificando le attività di chargeback per i clienti interni.

Il progetto cloud dell'Agenzia non è ancora terminato. Mentre il sito di Frascati è già in produzione, un sito simile è stato completato a Darmstadt in Germania. Questo nuovo sito fornisce servizi analoghi e permetterà al disaster recovery geografico di superare qualunque potenziale calamità su larga scala. Esa sta inoltre lavorando per incrementare il numero di servizi nel cloud a disposizione degli utenti.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Red Hat Enterprise Linux al cuore del private cloud di Esa

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3