SAP Business One: così è possibile esprimere appieno il suo valore nelle PMI

pittogramma Zerouno

Attualità

SAP Business One: così è possibile esprimere appieno il suo valore nelle PMI

Uno strumento potente che apre tante possibilità alle aziende di piccole e medie aziende che stanno compiendo il loro processo di digitalizzazione: è SAP Business One. Cata Informatica accompagna gli utenti nel processo di adozione e integrazione della soluzione

14 Lug 2020

di Cristina Mazzani

Andare oltre a un approccio prettamente informatico per supportare gli utenti finali nell’implementazione della soluzione SAP Business One al fine di trarne concretamente valore: è l’impegno di Cata Informatica che in qualità di system integrator aiuta le aziende ad adottare il prodotto e a integrarlo in processi digitali che coinvolgano i partner di filiera, da quelli logistici al canale di distribuzione e così via. Questa, in sintesi, la strategia dell’azienda espressa per voce del CEO Ferdinando Moccogni.

Perché scegliere SAP Business One

SAP ha sviluppato un prodotto snello, ma ricco di funzionalità pensate per la Piccola e media impresa, realtà che hanno bisogno di un ERP altamente integrabile e ricco di potenzialità e, allo stesso tempo, caratterizzato da un costo idoneo alle loro possibilità.

“Le aziende – ha sottolineato Riccardo Castelli, PM SAP Business One di Cata – scegliendo SAP sanno di poter contare su un vendor solido, con una roadmap di prodotto trasparente e a lunga scadenza. Dal punto di vista degli aspetti funzionali, SAP ha individuato le principali esigenze delle PMI cui dare risposta, l’utente quindi può fruire di un pacchetto già pronto all’uso pur avendo la possibilità di compiere tutte le personalizzazioni necessarie”.

SAP Business One si rivolge, nello specifico, ad aziende che hanno da un minimo di una decina di postazioni a centinaia di utenti e in questa tipologia di realtà è in grado di esprimere tutto il suo valore tecnologico.

I plus della tecnologia SAP per le PMI e i vantaggi generati dall’integrazione di HANA

Adottando SAP Business One le aziende si rendono subito conto di avere a disposizione molto di più di un ERP: “Il prodotto vanta la possibilità di consultare – ha spiegato Castelli – circa 70 dashboard da cui trarre i KPI di proprio interesse; è inoltre una soluzione che apre alla possibilità di fare big data analysis e supporta progetti IoT – Internet of Things. Grazie a framework di integrazione è in grado di gestire flussi di dati necessari per interagire con società esterne quali portali di e-commerce eccetera”.

“Pur continuando a lavorare anche su database SQL – ha puntualizzato Moccogni – la direzione tracciata da SAP è quella di andare sempre più verso l’uso di Hana, credo che questo rappresenti un’opportunità molto importante per le PMI che oltre ad avere una completa visibilità sulla roadmap di prodotto a lungo termine sanno di poter contare su una tecnologia potente che verrà costantemente manutenuta”.

L’integrazione di Hana in SAP Business One consente di compiere analisi dinamiche, di effettuare interrogazioni approfondite e ottenere risultati rapidissimi grazie alla velocità di elaborazione garantita dalla tecnologia in-memory.

Esistono ostacoli all’adozione della soluzione SAP?

SAP è rigido e costoso: sono le principali barriere all’adozione di Business One espresse dai clienti.“Se si vuole garantire qualità del dato, dal punto di vista della sua consistenza e correttezza – ha spiegato Castelli – serve un minimo di rigidità, certo è che quella di SAP non è tale da bloccare l’operatività dell’azienda. Anzi, impostare strutture di documenti complete significa anche avere la possibilità di non replicare determinati dati che restano fissi e diminuire il rischio di errori”.

“SAP – ha aggiunto Moccogni – nello sviluppare il proprio prodotto ha inserito automatismi e ha prestato particolare attenzione alle possibili modalità di lavoro degli utenti proprio con l’obiettivo di semplificare le attività”.

“Anche il costo – ha proseguito Castelli – è pensato su misura delle PMI, il prodotto nasce con tantissime potenzialità (inclusi moduli per il CRM, per la gestione degli uffici HR eccetera) ma ciascuno attiva quelle di cui ha bisogno e quindi investe di conseguenza”.

Il metodo di lavoro di Cata Informatica

“La nostra metodologia di lavoro – ha affermato Moccogni – prevede una fase iniziale, importantissima, in cui affianchiamo i clienti nella pianificazione e preparazione di progetto e di business blueprint per redigere, in pratica, tutta la documentazione necessaria che include criticità, obiettivi, la definizione di ruoli e responsabilità eccetera. Ugualmente ci occupiamo di seguire l’avanzamento lavori così come delle possibili evoluzioni dei progetti che per loro natura sono dinamici. Il contributo tecnologico di Cata è fondamentale anche per integrare e far funzionare SAP Business One per la condivisione di dati con i partner di filiera dei nostri clienti in modo da promuovere la digitalizzazione di interi processi”.

Cristina Mazzani

Giornalista

Giornalista dal 1996, si è sempre occupata di tematiche tecnologiche, scrivendo per riviste dedicate al mondo B2B e al canale di distribuzione Ict. In alcuni periodi ha affiancato a questa attività collaborazioni per quotidiani e testate attivi in altri settori. Dal 2013 lavora con ZeroUno.

Argomenti trattati

Aziende

Cata Informatica

Articolo 1 di 4