Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Il design thinking applicato da Intesys per Lu-Ve Group, tutti i benefici

pittogramma Zerouno

Video

Il design thinking applicato da Intesys per Lu-Ve Group, tutti i benefici

04 Ott 2019

di Redazione

Il progetto PLAIR – Configuratore collaborativo di impianti di aerazione industriale è stato realizzato dal system integrator Intesys in Air Hex Alonte, società parte della multinazionale multiprodotto Lu-Ve Group (azienda specializzata nella produzione di scambiatori di calore industriali) ed è risultato finalista per la categoria tecnologica CRM/Soluzioni per Marketing e Vendite ai Digital360 Awards 2019.

Come raccontato nel video da Niccolò De Uffici, User Experience Designer presso Intesys, in pratica, all’insegna dei principi del design thinking, si è partiti con una fase di design (analisi e progettazione), finalizzata alla definizione e alla successiva formalizzazione dei nuovi processi di vendita, ideati, durante sessioni di codesign col cliente e col coinvolgimento di 40 stakeholder di diversi Paesi (a tutto ciò hanno preso parte 5 funzioni aziendali: project management, installatori e progettisti, sales department, ricerca e sviluppo ed ente certificatore dislocate in 7 country).

I vantaggi generati dal progetto di rinnovamento del configuratore riguardano il fatto che i vari addetti a un certo processo hanno la possibilità di condividere, oltre che dati sempre aggiornati, i progetti multiutente e lo possono fare in piena sicurezza rispetto alla tutela della proprietà intellettuale. Di grande utilità sono risultati essere anche il sistema avanzato di gestione delle notifiche (a beneficio di un costante aggiornamento cross team, cross country e della qualità della relazione con il cliente finale), la possibilità di rilevazione continua del time to market e di fruire di statistiche sull’utilizzo del tool per valutare i tempi di progettazione e quindi di rilascio, produzione e consegna. Inoltre, è stato creato un hub di ricerca e sviluppo per testare nuovi prodotti e raccogliere dati in real time da inviare all’ente certificatore.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

D
Design Thinking
Digital360 Awards
Il design thinking applicato da Intesys per Lu-Ve Group, tutti i benefici

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4