Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Yammer, il lato business del social

pittogramma Zerouno

Yammer, il lato business del social

20 Mar 2014

di Cristina M. Palumbo

Una soluzione Microsoft per aumentare in impresa la produttività e la collaborazione tra le persone nelle diverse divisioni aziendali, dove spesso la comunicazione segue ancora una tradizionale logica gerarchica e non di rete.

L’utilizzo di piattaforme di social networking all’interno di una dimensione aziendale (enterprise social) è un'interessante opportunità per le imprese al fine di rendere più semplice la comunicazione interna e più collaborativi i colleghi tra di loro. Microsoft ha scommesso su questo con l'acquisizione, avvenuta ormai un anno e mezzo fa, di Yammer, il business social network privato che conta oltre 8 milioni di utenti in tutto il mondo.

“L'affermarsi della social enterprise – ha spiegato Vieri Chiti, direttore della divisione Office di Microsoft Italia – implica una sfida culturale e l'adozione di strumenti social, che agevolano la comunicazione, deve collocarsi in una più ampia strategia che coinvolga tutti i processi aziendali. Yammer coniuga i vantaggi che caratterizzano tre tra i principali social network a cui siamo abituati. Da Facebook è stato adottato il concetto di post, ossia la possibilità di seguire determinate discussioni partecipandovi in modo attivo, condividendo file, video eccetera; da Twitter l'idea del Tag per aver sotto controllo determinati argomenti cui si è interessati; da Linkedin è stata presa la caratteristica del profilo, per poter vedere in modo immediato competenze ed esperienza dell'interlocutore”.

Vieri Chiti, direttore della divisione Office di Microsoft Italia

Si tratta di una soluzione in grado di promuovere l'adozione di modelli di comunicazione destrutturati in aziende che sono tradizionalmente organizzate in modo gerarchico, introducendo il concetto di rete. “Osservando diverse situazioni in cui è stato usato il prodotto – ha continuato Chiti – abbiamo notato, per esempio, che risulta particolarmente efficace nel consentire la collaborazione tra le divisioni marketing e ricerca e sviluppo. Sicuramente il sistema funziona se non ci sono regole, ossia se non c'è un controllo sugli argomenti; d'altra parte, è vero che rispetto agli altri social network, nel caso si utilizzi Yammer, le informazioni introdotte nel sistema restano proprietà intellettuale dell'azienda!”.

Yammer è un servizio cloud, che si implementa con facilità, beneficia di scalabilità e business continuity ed è naturalmente disponibile sempre e ovunque attraverso app mobile per Windows, Windows Phone, iPhone/iPad, Android.

Diversamente da qualsiasi altro social network, le organizzazioni possono personalizzare il proprio Yammer network secondo la propria immagine; inoltre, le impostazioni di sicurezza consentono di configurare in modo efficace la gestione delle sessioni, delle restrizioni Ip e delle policy per le password del network ed è semplice tenere monitorate le parole chiave d'interesse con gli e-mail alert. Da Yammer è anche facile estrapolare dati utili e valutare metriche di utilizzo, oltre a rendere disponibili a tutti documenti ufficiali d'uso consueto in azienda.

La roadmap di Yammer è in constante evoluzione e l'integrazione in divenire con la piattaforma di produttività cloud Microsoft Office 365 offre interessanti funzionalità come il Newsfeed per SharePoint Online e Office 365, l'App di Yammer disponibile sull'Office Store, l'interoperabilità con l'e-mail, le funzionalità ottimizzate di messaggistica e comunicazione esterna e la funzione di ricerca integrata con SharePoint.

Cristina M. Palumbo

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 3