Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ibm Cio Study 2011: il cloud computing come elevata priorità per le aziende

pittogramma Zerouno

Ibm Cio Study 2011: il cloud computing come elevata priorità per le aziende

13 Giu 2011

di Nicoletta Boldrini

Secono l'ultimo Cio Study di Ibm  il 60% delle organizzazioni nei prossimi cinque anni adotterà il cloud computing come leva per far crescere il business e acquisire vantaggio competitivo. La cifra, quasi raddoppiata rispetto a quanti affermavano di voler adottare il cloud nel Cio Study Ibm del 2009, è una delle  tendenze emerse a livello mondiale, intervistando i Cio di imprese di tutte le dimensioni.
Mentre la mole di dati e di informazioni e’ in continua crescita, le aziende cercano di accedere  in modo sempre piu’ semplice e diretto ai dati e alle applicazioni disponibili in modalità cloud.  Il cloud, che sinora è stato per lo più realizzato ed utilizzato all'interno delle singole organizzazioni,  è ormai utilizzato anche  nei rapporti tra le organizzazioni e i rispettivi partner e clienti. Nell’indagine condotta da Ibm sui Cio nel 2009, solo un terzo di loro affermava di essere interessato a perseguire il cloud per ottenere vantaggio competitivo. L’indagine di quest’anno mostra un significativo incremento della focalizzazione sul cloud in particolare nei settori media e intrattenimento (73%), automotive (70%) e telecomunicazioni (69%).
Dal punto di vista dei singoli Paesi, sette Cio su dieci negli Stati Uniti, in Giappone e Corea del Sud, e il 68% in Cina, citano il cloud come priorità assoluta.
In altre aree, lo studio di Ibm ha riscontrato che più di quattro Cio su cinque (83%) considerano la business intelligence e la business analytics come priorità assolute per le proprie aziende, nella ricerca di modi sempre più efficienti per gestire le crescenti quantità di dati a disposizione. I Cio rivolgono sempre più attenzione al mobile computing, per tenere il passo con un mercato in rapida evoluzione. Mentre i dispositivi mobili, le relative applicazioni a supporto della produttività aziendale e le nuove opportunità di mercato continuano a crescere, il mobile computing e le soluzioni per il mobile  vengono ormai considerati da quasi tre quarti dei Cio (74% contro il 68% del 2009) come strumenti destinati a cambiare le regole del gioco per le loro aziende.

Nicoletta Boldrini

Giornalista

Argomenti trattati

Approfondimenti

I
Intelligenza Artificiale
M
Mobile Computing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 5