Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Ricerca Ctera: il cloud storage fa ancora paura

pittogramma Zerouno

News

Ricerca Ctera: il cloud storage fa ancora paura

19 Giu 2015

di Redazione

I dati 2015 evidenziano preoccupazioni in merito a sicurezza e governance dei dati, mentre prosegue la preferenza verso i cloud privati. Un’azienda su tre ammette perdite di dati usando servizi file sync & share pubblici, tre intervistati su quattro sono alla ricerca di alternative

Secondo l’indagine presentata da Ctera Networks e realizzata in collaborazione con Research Now su un campione di 300 professionisti It, la crescita del mercato del cloud storage è sospinta da aziende interessate a questa tecnologia, grazie a una serie di esigenze inerenti l’uso dei file. L’Enterprise Cloud Storage Report 2015 (seconda edizione) evidenzia le sfide affrontate dalle società nel fornire servizi di cloud storage e condivisione file riuscendo a ridurre i costi It e mantenere la sicurezza e il controllo sui dati.

Tra i principali risultati della ricerca, la diffusione delle soluzioni Efss (Enterprise File Sync and Share) è favorita dalle preoccupazioni inerenti la sicurezza e la governance dei dati negli ambienti Enterprise: infatti il 35% delle aziende ha sperimentato nel 2014 perdite di dati corporate a causa di dipendenti che hanno condiviso file mediante servizi Fss spesso non autorizzati (un incremento del 4% dal 2013). Questa tendenza è probabilmente destinata ad aumentare man mano che le aziende cercheranno di ottenere maggiore visibilità e controllo sulle informazioni residenti nel cloud. Per esempio, l’83% delle aziende ha stabilito policy interne che impediscono l’uso di determinate soluzioni SaaS per la condivisione dei file o lo proibiscono del tutto.

Dal report emerge inoltre una preferenza per soluzioni di storage su cloud privato o IaaS. Quasi tre aziende su quattro (73%) hanno implementato o stanno considerando di adottare un’alternativa ai servizi Fss pubblici; di queste, due terzi preferiscono soluzioni cloud storage private virtuali rispetto alle soluzioni SaaS. Inoltre, il 59% di queste aziende ha indicato di preferire una soluzione FSS in cloud privato implementata o su un’infrastruttura hosted (privata virtuale) o all’interno del proprio datacenter.

Tra le altre tendenze riscontrate, i gateway per cloud storage stanno sostituendo e ampliando i file server e lo storage su supporto magnetico tradizionale, in particolare negli ambienti Robo (Remote Office / Branch Office). Un terzo (33%) di tutte le aziende con oltre 50 Robo e il 27% di tutte le aziende in generale hanno implementato gateway per cloud storage on-premise che supportano cloud sia pubblici che privati. Inoltre, il 36% di tutte le aziende sta attualmente considerando l’implementazione di gateway per cloud storage.

In ultimo, l’indagine ha messo in in evidenza che le aziende si sentono sotto pressione e spingono per l’adozione di soluzioni di cloud storage moderne in grado di fornire visibilità e controllo come richiesto dalle esigenze interne e dalle normative di settore. Il 42% delle aziende operanti in settori fortemente regolamentati, come servizi finanziari, pubblica amministrazione e biofarma e il 40% delle realtà con oltre 10.000 dipendenti preferiscono un cloud totalmente privato non basato su infrastrutture hosted esterne.

“Il cloud storage – ha dichiarato Donato Antonangeli, Regional Director di Ctera – sta semplificando e accelerando i servizi dati nell’intero ambito Enterprise. Tuttavia un crescente numero di episodi di perdita di dati e un desiderio di esercitare un superiore controllo sulla condivisione dei file e sulla protezione dei dati sta spingendo le aziende a studiare e implementare alternative ai servizi cloud storage pubblici. La seconda edizione del nostro studio mostra come la tendenza stia continuando, a documentazione di come le aziende stiano avvalendosi del cloud storage per aumentare l’efficienza e ridurre i costi affrontando nel contempo i requisiti di sicurezza, controllo e governance con topologie private virtuali o completamente private”.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Ricerca Ctera: il cloud storage fa ancora paura

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3