Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

NetApp: Cloud first e libertà di scelta per gli utenti

pittogramma Zerouno

Intervista

NetApp: Cloud first e libertà di scelta per gli utenti

Alexander Wallner, general manager Emea, ci spiega i punti di vista e le nuove soluzioni di NetApp per cloud, Artificial Intelligence-Machine Learning, nuovi modelli di sviluppo e Internet of Things. La strategia di NetApp è prima di tutto favorire la libertà di scelta dei clienti in base alle applicazioni

28 Nov 2018

di Riccardo Cervelli

Cloud first. Per Alexander Wallner, senior vice president e general manager Emea di NetApp, molte aziende e molti It vendor (compresa NetApp) utilizzano questa espressione per precisare le loro nuove strategie: “Il significato di cloud first – sostiene però il manager – è molto spesso fonte di malintesi. Molti pensano che cloud first significhi migrare tutta l’It aziendale sul cloud. Per noi, invece, vuol di che, ogni qualvolta si pensa di installare on-premise una nuova applicazione, ci si chieda se non è più conveniente farlo sul cloud. A volte potrebbe non essere auspicabile, perché c’è una legislazione nazionale, una data privacy policy o una valutazione costi-benefici che non lo consente. Altre volte potrebbe invece essere opportuno…”.

Foto di Alexander Wallner
Alexander Wallner, senior vice president e general manager Emea di NetApp

Ma allora cosa significa cloud first per NetApp? “Sicuramente – spiega Wallner – oggi il 50% dei nostri investimenti in ricerca e sviluppo è orientato a temi che sono in qualche modo relativi al cloud. Siamo convinti che i clienti stiano andando verso il cloud. Questo modello, per esempio, ha alzato l’asticella delle aspettative in termini di customer experience. Ma quello a cui miriamo noi è soprattutto dare la libertà agli utenti di scegliere il modello infrastrutturale che preferiscono. È una strategia che abbiamo inaugurato diversi anni fa, quando NetApp ha deciso di disaccoppiare il software dall’hardware (ed è il sistema operativo e software di data managent proprietario ONTAP, che è portabile su qualsiasi sistema storage, ndr). L’azienda ha deciso quindi di investire in diverse direzioni. Un primo pillar della nostra strategia è aiutare le imprese a trasformare i loro grandi ambienti legacy. Un altro è permettere ai clienti di replicare nei loro data center le caratteristiche di agilità ed elasticità che troverebbero sui public cloud (possiamo inserire in questa proposition l’offerta di applicance iperconvergenti NetApp HCI, ndr). Negli ultimi due anni abbiamo investito molto nello sviluppo di algoritmi che consentono di ridurre i tempi di latenza nelle comunicazioni fra data center e cloud multipli. Sempre più spesso, infatti, le aziende hanno l’esigenza di utilizzare componenti infrastrutturali on-premise e off-premise. Per esempio, molte delle nuove applicazioni sono avide di risorse computazionali, e una delle risorse per cui si ricorre ai cloud pubblici – per esempio per supportare i team DevOps – è poter sfruttare quantità di CPU che sarebbe molto più costoso implementare nel data center on-premise”.

“Noi vogliamo – conclude Wallner – dare la massima libertà di scelta di utilizzare architetture on-premise di tipo legacy, archietture on-premise elastiche e archietture off-premise elastiche per gestire gli stessi dati e le stesse applicazioni (incluse quelle containerizzate e gestite con la piattaforma di orchestrazione Kubernetes), in maniera flessibile ed evitando vendor lock-in”.

In riferimento al multi-cloud, Wallner fa notare che “ogni public cloud ha i suoi formati di dati. Con diverse nostre soluzioni (fra le quali spiccano i Cloud Volumes ONTAP per AWS, Microsoft Azure e Google Cloud Platform, ndr) permettiamo di unificare i dati affinché possano essere condivisi da applicazioni quali quelle di AI-ML, deep learning e IoT”.

Riccardo Cervelli

Giornalista

Nato nel 1960, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

NetApp: Cloud first e libertà di scelta per gli utenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4