Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Le migliori soluzioni cloud di Gestione finanziaria aziendale secondo Gartner

pittogramma Zerouno

Vendor Overview

Le migliori soluzioni cloud di Gestione finanziaria aziendale secondo Gartner

26 Ott 2017

di Valentina Bucci

Oracle e Workday sono i Leader del “Magic Quadrant for Cloud Core Financial Management Suites for Midsize, Large and Global Enterprises” di Gartner, che seleziona e classifica le migliori soluzioni cloud per la gestione finanziaria aziendale sul mercato. Nell’articolo un breve elenco dei punti di forza e di attenzione segnalati dalla società di ricerca rispetto alle soluzioni erogate dalle due aziende.

Il Magic Quadrant for Cloud Core Financial Management Suites for Midsize, Large and Global Enterprises di Gartner ( figura 1) ha come obiettivo selezionare e classificare le migliori soluzioni cloud per la gestione finanziaria aziendale sul mercato. Le aziende leader in quest’ambito, secondo le valutazioni della società di ricerca, risultano essere Oracle e Workday. Dopo una premessa sulla definizione data da Gartner al concetto di “Cloud Core Financial Management Suites” e sui criteri che la società di ricerca adotta nella costruzione del quadrante, si entrerà nel merito dei due vendor elencando alcuni di quelli che sono i punti di forza e di attenzione della loro offerta in ambito financial management (questi ultimi da considerare comunque in un contesto generale di forte capacità performativa di prodotti valutati appunto come i migliori sul mercato).  

Definizione e criteri di inclusione nel Quadrante Magico

Sono da considerare “Cloud Core Financial Management Suites”, secondo Gartner, tutte quelle applicazioni che, erogate in modalità cloud, forniscono visibilità sulla situazione finanziaria di un’impresa automatizzando e supportando i processi relativi a qualsiasi attività che abbia un qualche tipo di impatto finanziario. Data questa definizione, la società di ricerca stabilisce criteri di inclusione ed esclusione che determinano per le aziende la possibilità di rientrare nel quadrante. Riportiamo alcuni di questi punti.  

Sul piano tecnologico per essere inclusi i vendor devono:  

  1. fornire una suite per la gestione finanziaria di base che comprenda, tra le altre, applicazioni per contabilità generale, conti attivi e passivi, gestione dei cespiti, contabilità di progetto, reporting e attività di analisi;  
  2. commercializzare la suite come servizio cloud avendo come clienti organizzazioni medie e/o grandi e/o globali; 
  3. commercializzare la soluzione in modo “stand-alone”, mantenendola svincolata da eventuali più ampie suite ERP o da specifiche applicazioni verticali dedicate al settore Finance. 

Sul piano non-tecnologico i requisiti invece sono legati, tra le altre cose, a un numero minimo di aziende clienti che utilizzano questi servizi (almeno 100 organizzazioni con requisiti minimi di natura finanziaria), a una cifra minima di ricavi derivati dalla loro commercializzazione (almeno 15 milioni di dollari annuali), all’estensione geografica dell’attività dell’azienda: il servizio cloud dev’essere venduto e deve avere clienti, oltre che nella regione di origine del fornitore, almeno in un’altra regione tra America, Emea o Asia Pacifica.  

Punti di forza e di attenzione delle soluzioni di Financial Management 

Oracle si posiziona nel quadrante dei Leader grazie in particolare alla sua soluzione Oracle ERP Cloud, una suite completa di funzionalità per la gestione finanziaria di base che comprende gestione dei ricavi, gestione dei progetti, procurement e risk management. Si adatta alle imprese di tutte le dimensioni (anche se la maggior parte delle organizzazioni di utenti ad oggi sono di medie dimensioni, il numero di clienti di grandi dimensioni e globali sta crescendo) e alle esigenze di un’ampia gamma di settori industriali. 

Tra i punti forza dell’offerta Oracle:  

  1. una gamma ampia, completa e approfondita di funzionalità per la gestione finanziaria la cui qualità è confermata dalla soddisfazione dei clienti  (che spesso hanno elogiato in particolare le funzionalità integrate di reporting e analisi) e dall’apprezzamento, nello specifico, dei professionisti del campo finanziario (Oracle, guidata dall’obiettivo di divenire una cloud service company, ha lavorato molto e fatto forti investimenti proprio su Oracle ERP Cloud); 
  1. un forte ecosistema di partner e rapporti con una serie di service provider, ben noti ai CFO, che forniscono servizi di finance transformation in abbinamento alla distribuzione di Oracle ERP Cloud);  
  1. la capacità di vendere e commercializzare la soluzione a livello globale: ha clienti in tutte le aree geografiche, ha sedi dislocate in oltre 50 paesi e gestisce l’assistenza ai clienti in 25 lingue diverse.  

L’azienda ha invece margini di miglioramento, secondo Gartner: 

  1. sul fronte della riduzione della complessità di alcuni processi a supporto alla soluzione, per esempio i processi di upgrade, complessità dovute al fatto che Oracle sta ancora trasformandosi da vendor on-premise a fornitore di servizi cloud;  
  2. nel numero delle risorse e delle competenze a disposizione dei clienti, che potrebbero rivelarsi in alcuni Paesi non sufficienti a far fronte al crescente volume delle implementazioni; il rischio è altrimenti, vista l’alta domanda, un aumento per i clienti del costo di partner e consulenti che forniscono supporto (Oracle si sta tuttavia già muovendo in tal senso investendo nella formazione dei partner). 

 

Workday (fondata nel 2005 con sede a Pleasanton, California)  appartiene alla nuova generazione di fornitori ERP “cloud-only”. Rilasciata nel 2008, la soluzione Workday per la gestione finanziaria copre tutte le principali funzionalità di management finanziario comprese quelle per la gestione di ricavi, spese e inventario.  

Tra i punti forza dell’offerta Workday:  

  1. una piattaforma cloud robusta e l’utilizzo innovativo dell’in-memory computing per combinare le applicazioni per la gestione finanziaria di base con funzionalità avanzate legate a planning e performance management in tempo reale;  
  2. la flessibilità dell’architettura dedicata alla contabilità generale, apprezzata dai clienti specialmente per il sistema delle Worktags (attributi / etichette assegnate alle transazioni in Workday per indicare il loro scopo di business) che consentono agli utenti di aggregare, riportare e analizzare facilmente le informazioni finanziarie; 
  3. il supporto offerto ai clienti da consulenti e partner: i clienti segnalano un rapporto di lavoro con l’azienda forte e positivo, nonostante le sfide che i diversi journey presentano. 

Ci sono invece margini di miglioramento, secondo Gartner 

  1. nel rendere la soluzione di financial management indipendente da quelle di Human Capital Management (soprattutto a quelle marchiate Workday) a cui ad oggi la soluzione generalmente si accompagna, perché possa essere utilizzata anche in modo svincolato dalla base utenti fornita dall’HCM stesso;  
  2. nell’aumentare la propria presenza (anche con partner e risorse qualificate) al di fuori  degli Stati Uniti, dove l’azienda ha la maggioranza della sua clientela (un obiettivo su cui tuttavia Workday già sta facendo sforzi diffondendosi, con un crescente numero di clienti, anche in Europa e nell’Asia Pacifica).  

Il quadrante dei visionari 

Un rapido accenno anche ai nomi presenti nel quadrante dei Visionari e ad alcune delle considerazioni di Gartner:  

Intacct, sede a San Jose, California – Tra i punti di forza: vocazione cloud dell’azienda e  un’offerta di base scalabile e funzionale con buone funzionalità sul fronte contabilità generale e analytics. Tra i punti di attenzione: presenza e supporto ancora limitati al di fuori del Nord America.  

Microsoft. Tra i punti di forza: la soluzione di riferimento, Dynamics 365 for Operations, ha punteggi sopra la media in tutte le sue funzionalità in termini di soddisfazione dei clienti; l’azienda ha sviluppato un uso innovativo della tecnologia per gli analytics e la soluzione consente di effettuare analisi multidimensionali in real-time sfruttando l’in-memory; la copertura a livello globale è ampia grazie a una strutturata rete di partner. Tra i punti  di attenzione: Dynamics 365 for Operations è una soluzione recente (è stata lanciata nel 2016) e le competenze dell’ecosistema dei partner per il supporto dei clienti ad oggi sono dunque ancora in fase di sviluppo, circostanza segnalata dai clienti stessi intervistati da Gartner.  

FinancialForce, sede a San Francisco, California. Tra i punti di forza: solida architettura cloud e attenzione alle esigenze specifiche dell’area Finance delle aziende. Tra i punti  di attenzione: poca presenza a livello internazionale, supporta solo la lingua inglese, sono state segnalate difficoltà da parte dei clienti nell’ottenere un supporto adeguato e risorse competenti.  

Acumaticasede a Bellevue, Washington, U.S. Punti di forza: focalizzazione sul cloud e sulle necessità delle imprese di medie dimensioni, un buon ecosistema di partner, capacità di supportare più settori e aree geografiche. Punti d’attenzione: funzionalità limitate della suite.

Valentina Bucci
Giornalista

Giornalista pubblicista, per ZeroUno scrive dei cambiamenti che la digitalizzazione sta imponendo alle imprese sul piano tecnologico, organizzativo, culturale e segue in particolare i temi: Sicurezza Informatica, Smart Working, Collaboration, Big data, Iot. Master in Giornalismo e comunicazione istituzionale della scienza (Università di Ferrara), laurea specialistica in Culture Moderne Comparate (Università di Bergamo).

Argomenti trattati

Approfondimenti

E
Erp
Vendor Overview

Articolo 1 di 4