Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

In Coop Italia le informazioni si condividono grazie al Cloud Computing

pittogramma Zerouno

Cloud computing

In Coop Italia le informazioni si condividono grazie al Cloud Computing

24 Gen 2014

di Redazione Digital4

Servizi di e-mail, instant messagging e videoconferenza sono ora a disposizione di 800 dipendenti. Un progetto sviluppato in 3 fasi, con un payback di un anno e mezzo

Coop Italia, marchio noto nel retail, punta sul Cloud Computing per ottimizzare la collaborazione e il coinvolgimento dei dipendenti.

Il progetto è partito dall’esigenza di migliorare le comunicazioni tra i dipendenti e razionalizzare i costi.

Coop Italia ha quindi scelto di abbandonare la precedente soluzione a favore della piattaforma di produttività cloud Office 365 di Microsoft.

Gli strumenti di comunicazione non erano infatti integrati tra di loro e l’on premise richiedeva costi legati alla licenze, all’aggiornamento e alla gestione fisica. Ora invece gli strumenti a disposizione dei dipendenti spaziano dalla posta elettronica all’instant messagging alla videoconferenza, beneficiando di sinergie con le applicazioni Office già diffuse in azienda e della possibilità di accedere ai dati ovunque ci si trovi tramite dispositivi mobili selezionati connessi a internet.


Un progetto in 3 fasi
Il progetto di migrazione sul Cloud Computing, portato avanti in partnership con SoftJam, è stato sviluppato in tre fasi con un payback di circa un anno e mezzo.

In prima battuta è stata svolta una software selection che ha visto primeggiare Microsoft in virtù del rispetto della normativa sulla privacy con la garanzia di una presenza dei dati sul territorio della Comunità Europea.

Successivamente è stato avviato un progetto pilota che ha coinvolto una trentina di utenti diversificati per tipologia di utilizzo e conoscenza degli strumenti informatici.

Dopo il successo della fase sperimentale la migrazione ha coinvolto tutta l’azienda – ovvero circa 800 utenti – a cui è stata associata a una progressiva sostituzione del parco dispositivi aziendale.

I dipendenti hanno reagito bene al cambiamento e si sono mostrati entusiasti di adottare nuovi strumenti di produttività e comunicazione: la tecnologia si è rivelata funzionale al loro engagement e sta fornendo strumenti utili per la condivisione, migliorare la customer experience e collaborare più agevolmente con partner e cooperative in tutta Italia.

Benefici questi che sono stati sottolineati anche da Gabriele Tubertini, CIO IT Department Coop Italia: «Office 365 ci ha consentito di operare in modo più efficiente riducendo al contempo i nostri costi di gestione. Inoltre i nostri dipendenti sono ora in grado di condividere più facilmente conoscenze e idee che ci permettono di migliorare la shopping experience».

Redazione Digital4