Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Il futuro dei Managed services, come cambiano con il cloud computing

pittogramma Zerouno

Il futuro dei Managed services, come cambiano con il cloud computing

Il futuro dei servizi gestiti trova nuova vitalità grazie alle potenzialità del cloud. Lo testimoniano i dati di crescita raggiunti nel solo ultimo anno da Dedagroup che nella gestione di progetti di trasformazione degli ambienti It sempre più complessi e orientati al cloud, si fa carico anche della governance di infrastrutture e applicazioni ‘semplificando’ il lavoro degli It manager.

29 Mar 2016

di Nicoletta Boldrini

MILANO – Che il modello cloud abbia definito nuovi parametri di accesso e fruizione della tecnologia è ormai evidente a tutti, quello che ancora resta da capire è l’evoluzione dei servizi gestiti in funzione del cloud, partendo prima di tutto dall’assodato concetto che ‘l’outsourcing non è cloud’. A spiegarlo a ZeroUno è Paolo Angelini, direttore della divisione Business Technology & Data di Dedagroup, il quale parte dai numeri per far capire prima di tutto le potenzialità insite nella nuova tipologia di managed services: “inizialmente la metà dei progetti seguiti dalla nostra divisione era di natura ‘tradizionale’, non nel senso delle tecnologie, dove il cloud ha un ruolo sempre più crescente, ma dalla prospettiva dell’approccio (ossia il modellamento di infrastrutture e ambienti a supporto di determinate applicazioni); il restante 50% era invece caratterizzato dal supporto di determinati workload e applicazioni attraverso soluzioni di sourcing infrastrutturale differenti (hosting, outsourcing, public cloud). Oggi questo rapporto è decisamente cambiato ed il 65% dei progetti è interessato da nuovi modelli di ‘cloud sourcing’ e servizi gestiti ad esso connessi (indicatore primario di una costante esternalizzazione delle infrastrutture data center aziendali)”.

Paolo Angelini, direttore della divisione Business Technology & Data di Dedagroup

La crescita costante da parte delle aziende verso scelte di sourcing infrastrutturale di tipo cloud non è poi così sorprendente in sé, “sono ormai numerosissime le aziende che ‘devono fare i conti’ con sistemi data center obsoleti o quanto meno non più in grado di reggere le nuove esigenze del business”, conferma lo stesso Angelini: “ci sono progetti a livello applicativo così ‘impattanti’, come la migrazione da soluzioni proprietarie a soluzioni standard o l’evoluzione di queste ultime verso ambiti di mobility, sistemi di pagamento, portali di e-commerce, oppure l’adozione di nuovi sistemi di intelligence, in particolare sul fronte dei Big Data Analytics, tali da ‘costringere’ le aziende a rivedere necessariamente lo strato infrastrutturale su cui tali applicazioni e progetti poggiano”. Ciò su cui Angelini invita a riflettere è il retroscena: “se è vero che il cloud offre una risposta efficacissima a questi nuovi bisogni, è anche vero che dalla prospettiva della gestione ed orchestrazione degli ambienti, e delle applicazioni stesse, le cose si complicano”.
Ed è qui che entrano in gioco i managed services, soprattutto nella gestione di ambienti di tipo ‘private’ ma hosted presso i data center Dedagroup, o ‘public’ ma con un certo livello di ‘personalizzazione’, “opzioni che riusciamo a garantire grazie alla nostra ‘natura aziendale’ – ci tiene a precisare Angelini -; noi non siamo un cloud service provider ma accompagniamo le aziende in percorsi e progetti di evoluzione complessi”.
I servizi gestiti di Dedagroup si estendono anche al middleware e alle applicazioni, “ma è evidente che per riuscire a ‘liberarsi’ o spostare con tanta semplicità certe architetture applicative all’esterno o su ambienti cloud si debba prima lavorare sulla standardizzazione e la virtualizzazione”, fa notare Angelini. “Il servizio di Ams – Application Management Support per la gestione di un Erp una volta migrato in cloud, solo per fare un esempio concreto, è fattibile solo se si tratta di una soluzione standard; un Erp custom, anche ammesso di riuscire a virtualizzarlo con costi contenuti, difficilmente sarà gestibile da qualcuno fuori dall’azienda”.

Nicoletta Boldrini

Direttore responsabile di ZeroUno

Direttore di ZeroUno e del portale AI4Business dedicato all'intelligenza artificiale, seguo da molti anni le novità e gli impatti dell'Information Technology e, più recentemente, delle tecnologie esponenziali sulle aziende e sul loro modo di "fare business", nonché sulle persone e la società. Il mio motto: sempre in marcia a caccia di innovazione #Hunting4Innovation

Il futuro dei Managed services, come cambiano con il cloud computing

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3