Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L’e-learning di Docebo sposa il cloud computing di SeeWeb

pittogramma Zerouno

L’e-learning di Docebo sposa il cloud computing di SeeWeb

08 Apr 2011

di Nicoletta Boldrini

Docebo, azienda italiana specializzata in soluzioni e-learning open source ha migrato i propri server fisici sull’infrastruttura Cloud di Seeweb.
“La formazione a distanza rappresenta una risorsa strategica per le aziende – sostiene Claudio Erba, Ceo di Docebo –. Si tratta di un mercato che richiede flessibilità, qualità elevata e tempi di realizzazione quanto più possibile brevi. Grazie alle soluzioni Cloud di Seeweb possiamo erogare in modo continuativo servizi e-learning di alto profilo tecnologico godendo di un risparmio economico davvero elevato”.
La struttura di Docebo ha migrato i propri server fisici (8 Server Ibm che gestivano circa 200.000 utenti di e-learning) sull’infrastruttura Cloud Seeweb, riscontrando vantaggi come saving di tipo economico e maggiori performance registrate a parità di potenza di calcolo.
“Abbiamo sostituito i preesistenti 8 server fisici collocati nel nostro datacenter di Frosinone – spiega Antonio Baldassarra, Ceo di Seeweb – mettendo a disposizione di Docebo: 1 cloud server per tutti i clienti corporate, 1 cloud server per i clienti hosting, 1 cloud server per uso interno”.
“Aver reso i nostri server totalmente cloud – prosegue Erba – ci ha consentito di registrare un risparmio economico di ben il 60%, stima questa che aumenta se consideriamo l’incrementata potenza di calcolo a parità di risorse allocate. Ecco perché considero il Cloud non solo una scelta tecnologica bensì una vera e propria strategia aziendale”.
A parità di potenza di calcolo è stato, infatti, rilevato un aumento delle performance, dovuto al fatto che, grazie alla tecnologia cloud, la maggior parte delle operazioni che prima venivano fatte accedendo agli hard disk ora vengono effettuate accedendo alla Ram.

Nicoletta Boldrini

Giornalista

Articolo 1 di 5