Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Alleanze: Red Hat vola sulla nuvola con Google

pittogramma Zerouno

Alleanze: Red Hat vola sulla nuvola con Google

30 Mar 2014

di Redazione

Big G entra nel programma Red Hat Certified Cloud Provider e i clienti possono spostare sottoscrizioni Red Hat Enterprise Linux su Google Compute Engine utilizzando Red Hat Cloud Access.

Nuova collaborazione tra Red Hat e Google che abiliterà i clienti del vendor di soluzioni opensource a spostare sottoscrizioni Red Hat Enterprise Linux in Google Compute Engine (il cloud Iaas di Mountain View) con Red Hat Cloud Access, potenziando la flessibilità e la scelta offerte dall'open hybrid cloud. Big G – nel programma Red Hat Certified Cloud Provider dal novembre 2013 – è entrata a far parte di un gruppo di leader tecnologici che offrono soluzioni comprovate e testate che estendono le funzionalità delle soluzioni open hybrid cloud del fornitore It.

Red Hat Cloud Access è un'offerta ‘bring-your-own-subscription' resa disponibile da alcuni Red Hat Certified Cloud Provider selezionati (Google è il secondo della lista) che consente ai clienti di spostare le loro sottoscrizioni Red Hat Enterprise Linux dall'on-premise al cloud pubblico.

Così i clienti possono ritrovare sulla piattaforma Google Cloud le stesse caratteristiche e prestazioni delle tecnologie Red Hat on-premise. Red Hat Cloud Access permette inoltre di mantenere una relazione diretta con Red Hat – compresa la capacità di ricevere pieno supporto dall'organizzazione Global Support Services – su Google Compute Engine, garantendo un livello di servizio e supporto coerente su tutte le infrastrutture certificate con un costo prevedibile.

L'alleanza è il risultato della strategia intrapresa da Red Hat a ottobre 2013, quando il vendor ha introdotto nuove opzioni di sottoscrizione per Red Hat Enterprise Linux, abilitando i clienti a implementare la piattaforma ovunque – in ambienti fisici, virtuali e cloud. Con le opzioni Red Hat Enterprise Linux, i clienti possono acquistare un certo numero di sottoscrizioni, implementarne un mix iniziale su macchine fisiche e virtuali e poi re-implementarle in schemi diversi a seconda delle esigenze. Questa flessibilità facilita gli spostamenti tra ambienti, compreso lo scambio di risorse dentro e fuori dalla nuvola – tramite Red Hat Cloud Access – in base alle esigenze di business, supportando un ambiente flessibile. In aggiunta, standardizzando su un unico ambiente operativo per tutte le implementazioni fisiche, virtuali e cloud, le organizzazioni possono ottenere significativi vantaggi operativi.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 3