Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SCARICA IL QUADERNO CIO Conversations 1/2015 – Cio Prometeo digitale: alla guida dell’innovazione in azienda e nella PA

pittogramma Zerouno

SCARICA IL QUADERNO CIO Conversations 1/2015 – Cio Prometeo digitale: alla guida dell’innovazione in azienda e nella PA

02 Dic 2015

di Redazione

Nel tradizionale appuntamento con la Community Finaki, che nel 2015 si è svolto a Mogliano Veneto (25 – 28 giugno), il tema centrale è stato quello della trasformazione digitale con la difficoltà nel garantire le attività core e nel contempo aprirsi alle sfide del digital sia per le aziende private sia per la pubblica amministrazione.
Centrale, in questo contesto, è il ruolo del Cio, novello Prometeo digitale che incarna la figura del sapiente, in possesso di numerose e multiformi téchnai (conoscenza Ict), che non può più restare ancorato al mero supporto tecnico, ma deve diventare protagonista del business e dell'innovazione digitale.

Nel primo Quaderno CIO Conversations vengono ripresi alcuni momenti chiave risultati dagli Incontri Ict 2015 di Finaki.
Nel primo scenario, che riassume il momento di confronto tra pubblico e privato nel corso della Sessione Plenaria dell'evento di Mogliano Veneto, il dibattito è partito dalle seguenti domande: a che punto è il processo di innovazione digitale nelle imprese e nella Pubblica Amministrazione italiana? Quali sono i soggetti, i fattori e le condizioni che ne possono accelerare la realizzazione o, al contrario, ostacolarla? Come creare una Digital Connected Community nel segno dell’innovazione? Nella discussione, significativi sono stati gli interventi di Cosimo La Rocca, Vice Presidente R&D di Octo Telematics e Paolo Coppola, Membro del Parlamento e Presidente del Tavolo Permanente per l’Innovazione e l’Agenda Digitale presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Nel secondo scenario vengono evidenziati alcuni punti chiave dell'incontro dal titolo "Il nuovo rinascimento italiano è l'impresa significante" che si è svolto presso l'Università Cà Foscari di Venezia. Tra questi risulta rilevante la spiegazione di Impresa Significante da parte di Carlo Bagnoli, Professore Associato del Dipartimento di Management e Docente di Innovazione Strategica presso l’Università Ca’ Foscari.

Seguono quindi due interviste ai rappresentanti dell'offerta, focalizzate sugli strumenti necessari alla trasformazione digitale aziendale. Chiude, il 1° Quaderno Cio Conversations, il resoconto delle principali evidenze emerse nei primi 4 Workshop degli Incontri Ict Finaki:

– Workshop 1: Il Cio nell'affollata arena degli Stakeholder della trasformazione digitale
– Workshop 2: Tecnologie chiave dell'impresa digitale: il mobile
– Workshop 3: Tecnologie che cambiano il valore della relazione tra persone e cose: l'IoT
– Workshop 4: L'eredità delle infrastrutture, tra rischi e opportunità: il cloud
 


Dal 2012, al tradizionale appuntamento si affianca il progetto editoriale sviluppato da Finaki-ZeroUno-NetConsulting il cui obiettivo è quello di supportare e dare visibilità, con la realizzazione dei Quaderni Cio Conversations, al dibattito che si svolge prima e durante l’evento all’interno della Community Finaki. Un’attestazione dell’importanza di questo contributo è sicuramente dimostrato dal patrocinio che l’Agenzia per l’Italia Digitale ha voluto riconoscere al progetto Finaki-ZeroUno-NetConsulting a partire dal 2013 e quello del Ministero dello Sviluppo Economico nel 2014.


Scarica subito il pdf del Quaderno Cio Conversations 1/2015
 

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2