Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Le previsioni Gartner per il 2019, i trend relativi alle infrastrutture IT

pittogramma Zerouno

News

Le previsioni Gartner per il 2019, i trend relativi alle infrastrutture IT

Cambieranno i protagonisti del mercato iPaaS e aumenterà il giro d’affari relativo alle soluzioni RPA-Robotic process automation, sono due delle principali tendenze identificate da Gartner guardando ai prossimi anni

26 Mar 2019

di Redazione

Gartner prevede che entro il 2023 fino a due terzi dei fornitori di soluzioni iPaaS (integration Platform as a service) si uniranno, saranno acquisiti o usciranno dal mercato. E questo nonostante la stessa società di ricerca stimi che il giro d’affari relativo a queste soluzioni sia in crescita.
“La sfida per la maggior parte dei vendor di iPaaS – ​​ha dichiarato Bindi Bhullar, senior research director di Gartner – riguarda il fatto che la loro attività non è redditizia. La crescita dei ricavi e l’aumento dell’interesse da parte dei clienti non possono tenere il passo con i costi di gestione della piattaforma e l’onerosa spesa in sales e marketing”.
Le grandi realtà come Oracle, Microsoft e IBM sono meglio organizzati per gestire queste sfide in quanto vantano offerte competitive con prezzi e opzioni più aggressivi rispetto ai piccoli operatori del mercato. Gartner si aspetta che la tendenza verso il consolidamento di mercato continui, diminuendo ulteriormente la quota di mercato dei player specializzati iPaaS.
“Per le organizzazioni che desiderano acquistare una soluzione iPaaS – ​​ha affermato Bhullar – questa è una buona notizia”.
Tuttavia, tale fenomeno comporta un aumento del rischio che i servizi della piattaforma vengano sospesi a causa del fatto che il vendor possa uscire dal mercato o venire acquisito. “Gli acquirenti dovrebbero minimizzare l’esposizione a questo rischio adottando piattaforme in grado di offrire ritorni a breve termine, in modo che il costo di eventuali sostituzioni possa essere più facilmente giustificato” ha aggiunto Bhullar.

La spesa in robotic process automation

Gartner stima che la spesa globale per i software RPA-Robotic process automation raggiungerà 2,4 miliardi di dollari nel 2022, rispetto ai 680 milioni del 2018. L’aumento della spesa è principalmente riconducibile alla necessità per le aziende di digitalizzare e automatizzare rapidamente i processi legacy e abilitare l’accesso alle applicazioni legacy tramite RPA.
“Le organizzazioni stanno adottando RPA quando hanno tante attività manuali di integrazione dei dati tra le applicazioni e sono alla ricerca di metodi di integrazione economicamente convenienti”, ha affermato Saikat Ray, senior research director di Gartner.
Gartner prevede che entro la fine del 2022, l’85% delle organizzazioni di grandi dimensioni disporrà di qualche forma di RPA. Ray ha aggiunto che l’80 per cento delle organizzazioni che hanno completato proof of concept e progetti pilota nel 2018 aumenteranno la spesa in RPA nel 2019.
Gartner si aspetta, tra l’altro, che le organizzazioni scoprano che l’RPA offre vantaggi oltre all’ottimizzazione dei costi. La tecnologia RPA può supportare infatti la produttività e aumentare la soddisfazione del cliente se combinata con altre tecnologie di intelligenza artificiale (AI) come chatbot, apprendimento automatico e applicazioni basate sull’elaborazione del linguaggio naturale (NLP).

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Le previsioni Gartner per il 2019, i trend relativi alle infrastrutture IT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4